laRegione
12.11.22 - 19:27
Aggiornamento: 13.11.22 - 15:51

Il Plr corre ‘fiducioso’ ma senza parlare di ‘raddoppio’

Il Comitato cantonale ha ratificato all’unanimità i cinque nomi proposti dalla Commissione cerca. Speziali: ‘vedo un’armonia interna che non è scontata’

il-plr-corre-fiducioso-ma-senza-parlare-di-raddoppio
TiPress

«Abbiamo una squadra competente e ‘fresca’ per intercettare le preoccupazioni che si diffondono nella società, ma capace poi d’indicare una soluzione per uscirne». Squadra per la corsa al Consiglio di Stato che il Comitato cantonale del Plr ha ratificato all’unanimità sabato mattina al cinema Lux di Massagno. Oltre all’uscente Christian Vitta ci saranno Alessandra Gianella (capogruppo in Gran Consiglio), Luca Renzetti (presidente distrettuale del Locarnese), Jean-Jacques Aeschlimann (consigliere comunale a Lugano) e Andrea Rigamonti (vicesindaco di Vacallo). «Siamo partiti dalle idee, non dai nomi», ha affermato il presidente cantonale Alessandro Speziali. «Vedo un’armonia interna tra i candidati che di questi tempi non è scontata».

Speziali: ‘Due seggi? Non vogliamo metterci ansia da prestazione’

Quattro anni fa l’obiettivo dichiarato (e mancato) era riuscire a ottenere due posti in governo. Sabato mattina la parola "raddoppio" non è stata mai pronunciata. Una rinuncia di ambizione? «Per il Consiglio di Stato non vogliamo avere l’ansia da prestazione. Vogliamo fare bene e lavorare sulla nostra identità e le nostre idee. Non è il momento per metterci degli obiettivi», ha risposto a ‘laRegione’ Speziali. «Ovviamente lo scopo è migliorare le percentuali, se poi queste porteranno a un secondo seggio tanto meglio. Ma ripeto, non vogliamo porci fisime». Discorso diverso, invece, per il Gran Consiglio: «in parlamento l’obiettivo è migliorare la nostra presenza, quindi avere almeno un deputato in più rispetto a ora».

Colombo: ‘Lista trasversale. Ce la giochiamo in tutto il cantone’

A presentare il Comitato sono stati Daniel Mitric e Nicola Camponovo, presidente e vice dei giovani liberali radicali ticinesi. «Si respira un’aria di rinnovamento nel partito. Siamo stati la sezione giovani più votata alle ultime elezioni e questo ci fa ben sperare per il futuro, ha spiegato» Mitric. Non meno entusiasta l’intervento di Moreno Colombo, a nome della Commissione cerca. «Quest’anno ce la giochiamo in tutto il cantone», ha detto Colombo. «La nostra è una lista competente, trasversale con rappresentanti di tutte le regioni». Una ventina, ha spiegato l’ex sindaco di Chiasso, le persone sentite in audizione. «Ma in testa ne avevamo molte di più. Siamo arrivati a una lista con volti nuovi che potranno crescere durante la campagna e che si prospetta vincente».

Vitta: ‘Ragioniamo da squadra senza punzecchiarci’

La strada che porta alla consultazione del 2 aprile, è stato ribadito più volte, è quindi tracciata e deve portare anche «ad avvicinare i cittadini alla politica. Non è normale che in una votazione come quella sull’imposta di circolazione, che tocca direttamente moltissime persone, ci sia stata un’affluenza così bassa alle urne», ha sottolineato Christian Vitta. «Qualcosa nel meccanismo politico si è rotto». Decisamente più solido, hanno ribadito sia Vitta che Speziali, è il rapporto all’interno della "squadra" (termine ripetuto a più riprese) che correrà per il governo. «Affronteremo una campagna elettorale che sarà impegnativa. Siamo pronti per questa sfida che avviene in un periodo difficile» ha affermato Vitta, che per un bilancio della legislatura ha rimandato al Congresso cantonale. «L’elemento distintivo della nostra lista è l’unità. Mentre altri si punzecchiano o puntano alla sedia degli alleati, noi ragioniamo da squadra», ha precisato il direttore del Dipartimento finanze ed economia. «Lo Stato è intervenuto in maniera importante. Ma finito questo periodo è importante che l’Ente pubblico faccia un passo indietro e si torni alla responsabilità individuale del cittadino». Per il futuro secondo Vitta sarà importante «avere risposte fuori dagli schemi che vanno trovate con creatività, credendo nell’innovazione. Lo Stato non può fare tutto e dobbiamo essere in grado anche di dire cose scomode. La coerenza paga».

Gianella: ‘Il vento è dalla parte di populsimi e facili promesse, ma noi ci siamo’

A turno i cinque candidati hanno poi avuto lo spazio per presentarsi al Comitato. «Siamo il paese delle opportunità. Mi fa male quando vedo un Ticino chiuso e con l’atteggiamento da Calimero», ha esordito Gianella. «Voglio lavorare per un cantone interconnesso che sia terra di opportunità per i giovani. Non sarà semplice, il vento tira in favore del populismo e delle facile promesse che poi non si possono mantenere». Rigamonti non vuole invece essere visto solo come «il candidato del Mendrisiotto. Ho sicuramente più a cuore le problematiche del mio Distretto, ma traffico e lavoro sono temi che riguardano tutti». A suo agio con la sfida che lo aspetta, Luca Renzetti vuole essere «una sensibilità particolare, quella delle piccole e medie imprese. Da imprenditore ho la possibilità di vedere delle sfumature della nostra economia che non sempre emergono». L’obiettivo di Aeschlimann è invece quello «di far conoscere il Jean-Jacques politico a chi conosce solo il JJ sportivo. Quando Alessandro (Speziali, ndr.) mi ha chiamato non ci credevo nemmeno io, ma ho subito capito che anche questa ‘sfida’ poteva essere nelle mie corde».

Leggi anche:

Plr, ufficializzata la ‘squadra unita’ per il Consiglio di Stato

Cantonali ’23, Gianella (Plr): ‘Sarò nella lista per il governo’

Plr, è Luca Renzetti il quarto nome per la corsa al governo

Plr, il quinto nome per il governo è Andrea Rigamonti

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
28 min
No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media
‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
1 ora
Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti
Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Ticino
3 ore
Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’
La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
3 ore
Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio
Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Bosco Gurin
4 ore
Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’
L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
Ticino
6 ore
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
7 ore
In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
10 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
10 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
13 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
© Regiopress, All rights reserved