laRegione
09.11.22 - 05:10
Aggiornamento: 18:24

‘Freno al disavanzo, da congelare è la proposta socialista’

Finanze cantonali, non fa breccia nel centrodestra l’iniziativa che chiede di sospendere il meccanismo per i prossimi due anni: ‘Il popolo è stato chiaro’

freno-al-disavanzo-da-congelare-e-la-proposta-socialista
Ti-Press
Poca breccia nel campo borghese

«Non è questo il modo di risolvere i problemi, sarebbe una soluzione fin troppo semplice e anzi, considerando il Piano finanziario peggiorerebbe addirittura una situazione già difficile». Dalla capogruppo liberale radicale in Gran Consiglio Alessandra Gianella arriva un no secco all’iniziativa parlamentare con cui Ivo Durisch, a nome del Ps, chiede di congelare per i prossimi due anni il meccanismo del freno al disavanzo. Un no motivato, in entrata, anche da un discorso molto semplice: «In maggio il popolo ticinese, con una larghissima maggioranza, con il ‘Decreto Morisoli’ ha approvato un principio: i conti del Cantone devono essere in equilibrio. E noi – continua Gianella – dobbiamo trovare delle soluzioni per frenare l’aumento della spesa, rientrare dalle cifre rosse entro il 2025, delineando un importo condiviso almeno dalle forze borghesi per la manovra di rientro che dovrà esserci nella prossima legislatura».

Gianella: ‘C’è spesa e spesa’

Sei mesi fa, insomma, «i cittadini hanno detto di non volere aumenti delle imposte, di non ribaltare gli oneri sui Comuni, di non toccare le fasce deboli e di limitare l’aumento della spesa». Quindi «non è sospendendo il freno perché la situazione è difficile che si risolvono le cose, tutt’altro». D’accordo, ma dove tagliare se le fasce deboli non devono essere toccate? «Faccio un esempio su tutti: negli anni abbiamo avuto aumenti importanti per i crediti per le strade. Sicuramente legittimo, ma non possiamo paragonare questo tipo di spese a quelle che vengono dedicate alla formazione e ai bisogni primari della popolazione». È importante quindi, riprende Gianella, «che si verifichi l’efficacia delle maggiori politiche pubbliche, se tutto quello che si spende è speso in maniera razionale, se si può fare meglio».

E a precisa domanda, Gianella rifugge l’etichetta di chi vuole il pareggio di bilancio ma propone iniziative che comportano delle uscite, come il prolungamento degli orari di apertura delle biblioteche. «Il tema per noi sono le priorità – ribatte la granconsigliera Plr –. Nel caso specifico, stiamo parlando di mettere gli studenti nelle condizioni migliori per affrontare il loro percorso formativo. È una spesa, ma è un investimento nel futuro, a beneficio di tutti gli utenti. C’è spesa e spesa, il lavoro che dobbiamo fare è analizzare ogni proposta e valutare se è necessaria, se porta miglioramenti, se è lungimirante o no».

Agustoni: ‘Abbiamo un preciso mandato’

«Dobbiamo ancora discutere la proposta in gruppo – premette il capogruppo del Centro/Ppd Maurizio Agustoni –. A titolo personale mi sembra positivo che il Partito socialista abbia accantonato la sua ricetta di sistemare i conti pubblici con l’aumento della pressione fiscale. Probabilmente per il 2023 il freno al disavanzo sarà ‘sospeso’ de facto, dato che nessuno vuole aumentare il moltiplicatore d’imposta e, nello stesso tempo, sarà molto difficile trovare misure di risparmio di decine di milioni di franchi nel giro di poche settimane. La sospensione del freno al disavanzo anche nel 2024 – annota Agustoni – mi trova invece contrario, perché mi sembra una flagrante violazione dell’istruzione che ci ha dato il popolo lo scorso 15 maggio, ovvero sistemare i conti pubblici entro la fine del 2025. Il rischio è che la sospensione del freno al disavanzo diventi un pretesto per non affrontare il risanamento dei conti pubblici, lasciando crescere la spesa in modo incontrollato. Il 2023, al contrario, dovrà essere dedicato a una seria analisi della spesa pubblica».

Pamini: ‘Potrebbe non essere necessario’

Per il deputato dell’Udc Paolo Pamini «potrebbe non essere necessario quanto chiede Durisch e quindi inutile una norma transitoria per congelare il freno al disavanzo». Per quale motivo? «Se non arriveranno i soldi della Banca nazionale e non si adotterà un piano di rientro della spesa, come quello da noi richiesto di 150 milioni di franchi, il disavanzo del Preventivo 2023 sforerà il limite del 4% dei ricavi correnti stabilito dall’articolo 31a, capoverso 2, della Legge sulla gestione finanziaria, la Lgf. Il capoverso 3 dello stesso articolo prevede in tal caso il contenimento della spesa, l’aumento dei ricavi o l’aumento del coefficiente d’imposta. Tuttavia, secondo l’articolo 31f, capoverso 3, della Lgf, per aumentare quest’ultimo servirebbero i due terzi del Gran Consiglio. Poco realistico sotto elezioni. E poi non dimentichiamoci che il popolo, accogliendo il ‘Decreto Morisoli’, ha detto che per il pareggio di bilancio le imposte non vanno aumentate».

Pamini conferma quindi la richiesta dei democentristi di un taglio della spesa di 150 milioni. «Se il rapporto di maggioranza della commissione della Gestione dovesse confermare i numeri del Preventivo 2023 del Cantone stilato dal Consiglio di Stato, proporremo in parlamento un emendamento per l’adozione di una manovra di rientro appunto di 150 milioni. In caso di luce verde da parte del plenum, e mi riferisco ovviamente alle forze borghesi, la parola passerebbe al Consiglio di Stato, dato che non è compito del Legislativo indicare le voci di spesa dei singoli Dipartimenti sulle quali intervenire». Per il granconsigliere dell’Udc «non si parlerebbe comunque di una manovra lacrime e sangue, si tratterebbe di un rientro del 3,5% della spesa. Una cosa fattibile, che non andrebbe a incidere sulle persone bisognose o sui servizi essenziali».

Ivo Durisch non ci sta: «Pamini gioca allo scaricabarile. Il suo partito ha dapprima confezionato un decreto (‘Decreto Morisoli’, ndr) che obbliga a tagliare e ora Pamini scarica la responsabilità dei tagli sul Consiglio di Stato, dove peraltro non siede nessun democentrista. I nodi vengono al pettine». Chiosa a sua volta Agustoni. «È evidente che il decreto approvato dal popolo lo scorso 15 maggio costituisce una sfida ambiziosa per la politica cantonale, alla quale è stato chiesto di far quadrare i conti senza aumentare le imposte, senza tagliare i sussidi ai più deboli e senza scaricare oneri sui Comuni».

Guerra: ‘Scorciatoia pericolosa’

«Il freno ai disavanzi è stato proposto nel 2012 di fronte a deficit enormi: il Preventivo 2013 parlava di 198 milioni di perdita», ricorda il leghista Michele Guerra. L’obiettivo «era proprio quello di evitare che lo Stato/politica potesse agire in modo incosciente, nascondendo le perdite sotto il tappeto, scaricandone il peso sulle future generazioni». Ciò detto, «il freno ai disavanzi è stato votato dal popolo e inserito nella Costituzione: sospenderlo sarebbe quindi una scorciatoia che rischierebbe di portare – fra pochi anni – a un aumento di tasse e imposte per coprire i buchi lasciati». Per la Lega, afferma Guerra, «si deve mettere mano immediatamente all’attuale situazione finanziaria e al presente Preventivo intervenendo, come oltretutto richiesto a gran voce dal popolo, con un piano di rientro concernente gli eccessi di spesa». Un piano di rientro «che come Lega vogliamo venga inserito nel decreto legislativo del Preventivo così da renderlo vincolante, copiando quanto già fatto con successo nel preventivo 2016 e che ha dato inizio a un positivo percorso di risanamento». Dove si dovrà tagliare, però? «Si tratta di applicare le mille piccole forbici, il principio del buon padre di famiglia: tirare la cinghia in modo generale. Evitare quindi interventi draconiani, smantellamenti e licenziamenti: ma spalmare lo sforzo di un risparmio su tutti i Dipartimenti e su tutto il budget dello Stato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
2 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
3 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
3 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
3 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
5 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
6 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
7 ore
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
7 ore
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21 febbraio. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
11 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
© Regiopress, All rights reserved