laRegione
20.10.22 - 20:55

Titoli universitari protetti dal 2023

Il Consiglio di Stato vara il messaggio per le relative modifiche di legge

titoli-universitari-protetti-dal-2023
Lezioni (Ti-Press)

Dal 2023 i titoli universitari saranno protetti: il Consiglio di Stato ha infatti approvato il messaggio riguardante la modifica della Legge sull’Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli istituti di ricerca che ora si chiamerà Legge sulle scuole universitarie. "Il fulcro delle modifiche proposte – indica in una nota il Dipartimento educazione cultura e sport – è l’introduzione della protezione, oltre che delle denominazioni afferenti al mondo universitario, anche dei titoli accademici conferiti dagli istituti cantonali accreditati, a tutela della qualità e della reputazione del sistema universitario svizzero".

In seguito "alle note vicende giudiziarie legate a sedicenti istituti universitari che negli ultimi anni si sono affacciati sul suolo cantonale con l’intento di offrire formazioni e diplomi di livello universitario", è emersa "la necessità di rafforzare uno strumento legislativo per combattere con più efficacia il fenomeno". Il diritto federale prevede dal prossimo 1. gennaio la piena entrata in vigore dell’articolo 62 della Legge federale sulla promozione e il coordinamento del settore universitario svizzero (Lpsu), articolo che sancisce che denominazioni afferenti al mondo universitario (per esempio università, scuola universitaria professionale, istituto universitario ecc.) possano essere utilizzate solo da istituzioni che abbiano ottenuto l’accreditamento istituzionale presso l’Agenzia svizzera di accreditamento e di garanzia della qualità (Aaq).

Sanzioni penali per i trasgressori

Il diritto cantonale, ricorda il Decs, già oggi tutela le denominazioni quali università, universitario, scuola universitaria professionale, accademico, facoltà. Tuttavia i titoli conferiti dalle scuole universitarie accreditate non sono protetti dal diritto federale, con qualche eccezione per i titoli che abilitano all’esercizio di una professione protetta in Svizzera, poiché la competenza in questo settore è demandata ai Cantoni. Pertanto, con questa modifica di legge "il Consiglio di Stato propone di integrare nella legislazione cantonale anche la protezione dei titoli di studio di grado terziario universitario (bachelor, master, dottorato, licenza, laurea) conferiti dalle scuole universitarie cantonali accreditate secondo Lpsu. La norma cantonale commina sanzioni penali per i trasgressori.

I nuovi articoli di legge, spiega ancora il Dipartimento, mirano "a preservare il sistema universitario cantonale, limitando ancor più l’operatività di enti sprovvisti del necessario accreditamento istituzionale che propongono percorsi di studio di grado terziario senza possedere la necessaria certificazione di qualità e di conformità con gli standard nazionali e internazionali, a tutela della reputazione dell’offerta formativa accademica svizzera e ticinese nel mondo e degli studenti che possono essere tratti in inganno da informazioni fuorvianti".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’
Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
3 ore
‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’
Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
8 ore
Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci
Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
13 ore
Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti
Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Ticino
23 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
23 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
1 gior
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
1 gior
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
© Regiopress, All rights reserved