laRegione
18.10.22 - 08:15
Aggiornamento: 19:56

Roncelli lascia e accusa: ‘Clima da epurazione di pensiero’

L’esponente socialista si dimette dalla vicepresidenza e dalla direzione del Ps attaccando la co-presidenza: ‘Concesso giusto giusto il diritto di tacere’

roncelli-lascia-e-accusa-clima-da-epurazione-di-pensiero
Ti-Press

Evaristo Roncelli si dimette dalla vicepresidenza e dalla direzione del Ps. E lo fa con una lettera ai media in cui esprime una netta contestazione nei confronti della dirigenza e soprattutto della co-presidenza del partito. "Dopo la Conferenza cantonale del Ps del 7 settembre mi ero promesso, nell’interesse del partito, di evitare ulteriori polemiche. Avevo perciò deciso di congelare le mie dimissioni dalla direzione" scrive Roncelli nella nota ai media, aggiungendo che tali "buone intenzioni" sono state "superate" dalla lettera inviata lo scorso giovedì dalla copresidenza cantonale del partito che parlava di "fuoco amico" all’interno del partito in riferimento alle pressioni di una minoranza del partito riguardo la composizione della lista per le prossime elezioni cantonali.

Sotto accusa, per l’ormai ex vicepresidente, è la linea politica stessa del Partito socialista: "Affermare che ‘una maggioranza di estrema sinistra NON si sia impossessata del Partito Socialista’", scrive Roncelli, "significa fingere che Marina Carobbio non appartenga, come Anna Biscossa o Adriano Venuti, al gruppo di persone che nel 2010 creò l’associazione Prospettive socialiste proprio con l’intento di spostare la linea politica del Ps più a sinistra. Oppure significa negare che l’attuale copresidente Fabrizio Sirica in passato fosse un membro attivo del Forum Alternativo". E si spinge oltre, parlando di un vero e proprio "clima di epurazione di pensiero" all’interno del partito negli ultimi anni riguardo ogni "visione divergente".

A sostegno di tale affermazione, Roncelli riferisce "un clima da stadio" in occasione della Conferenza cantonale del 2017 sulla riforma fisco-sociale, con tanto di insulti personali nei confronti di alcuni membri del partito "rei e ree di non condividere un pensiero secondo alcuni sufficientemente di sinistra". Un clima che, per l’esponente socialista, esprime il mono-pensiero "se non la pensi come noi non sei un socialista" di cui afferma di aver subito il peso nei suoi due anni di vicepresidenza. "Quando ho provato a esprimere la necessità di un sostegno a imprese e famiglie per il rincaro dei costi dell’energia, sono diventato ‘un lobbista delle aziende di carburanti’; quando ho portato un’opinione diversa sulle candidature alla lista per il Consiglio di Stato sono addirittura stato definito ‘persona inutile per la società’", prosegue la lettera.

Secondo Roncelli, tale situazione avrebbe spinto diversi membri del partito a evitare di esprimersi "per non farsi linciare nei gremi interni o, purtroppo, anche sui social media", il tutto senza alcun sostegno della co-presidenza, accusata ora dall’ex vicepresidente di non essere intervenuta a invitare "se non alla pace perlomeno alla civiltà". Lo stesso Roncelli afferma di essersi astenuto più volte dall’esprimere le proprie posizioni riguardo alcune recenti iniziative, come quella contro l’allevamento intensivo o il pacchetto di misure presentato dal Ps a tutela del potere d’acquisto contro l’inflazione.

Altre, ancora, le accuse del vicepresidente dimissionario alla co-presidenza, accusata di considerare "buoni" i membri del partito che concordano con le scelte della dirigenza e di bollare come "i cattivi" quelli che la pensano diversamente, considerati "tifosi che pensano solo alle poltrone": un vecchio adagio "dal sapore un po’ sovietico" per Roncelli, che si chiede "se all’interno del partito socialista ci sia ancora spazio per una diversità di opinioni.". A titolo di esempio, l’ormai ex dirigente scrive: "Ad esempio, in un Cantone di 350’000 abitanti con emissioni pro capite di CO2 basse rispetto alle altre economie avanzate, ma con salari inferiori e con una disoccupazione sopra la media nazionale la priorità è l’ambiente o una sana crescita economica? Possiamo porre questioni politiche come questa senza essere tacciati di appartenere a un altro partito o senza essere invitati ad andarcene? La risposta, purtroppo, è no".

Quindi, l’affondo finale: "A tutti gli effetti alla cosiddetta socialdemocrazia, la direzione ha concesso giusto giusto il diritto di tacere. E ora che alcuni sono stanchi di tacere, la direzione ci tratta tutti, sorpresa sorpresa, come nemici del popolo. Siccome ho deciso di non avvalermi più della facoltà di tacere, con effetto immediato lascio la direzione del partito, come primo passo per recuperare insieme a molte altre persone, il diritto di esprimere liberamente le nostre opinioni".

Leggi anche:

Ps, Riget e Sirica: ‘Dalla minoranza un insensato fuoco amico’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
6 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
7 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
8 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
9 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
9 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
10 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
11 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
12 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
15 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
15 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
© Regiopress, All rights reserved