laRegione
14.10.22 - 10:21
Aggiornamento: 15:38

Insegnanti sempre più richiesti, ma non in Ticino

In Svizzera il corpo docenti, a causa dell’aumento demografico, richiederà un aumento del 6%. Nel nostro cantone, invece, si registrerà una contrazione

Ats, a cura di Red.Web
insegnanti-sempre-piu-richiesti-ma-non-in-ticino
Ti-Press
Italiano ma non solo

In un prossimo futuro, a causa dell’aumento demografico, vi sarà un bisogno accresciuto di insegnanti che dovrebbero aumentare del 6%: entro il 2031 bisognerebbe assumere fra 43 e 47mila nuovi docenti per la scuola elementare e tra 26 e 29mila "prof" per la scuola media. Unica eccezione in quest’ultimo settore: il Ticino, dove ci sarà una contrazione del numero di docenti.

Stando all’Ufficio federale di statistica questo incremento sarebbe legato all’aumento degli allievi (rispettivamente dell’8% per il livello primario e del 9% per il secondario I) e dovrebbe riguardare tutte le regioni della Svizzera, eccetto il Ticino, dove ci si attende un calo del 6% del numero di insegnanti per le Medie.

Dal momento che nei prossimi dieci anni l’assunzione annuale di nuovi insegnanti del livello primario dovrebbe rimanere stabile attorno a 4’500 persone all’anno, mentre il numero di titoli di insegnante crescerà del 24%, raggiungendo i 3’800 nel 2031. In merito alla carriera dei docenti, il 90% delle persone che insegnavano nella scuola dell’obbligo nel 2015, e che all’epoca avevano meno di 55 anni, cinque anni dopo era ancora impiegato in una scuola.

Gli insegnanti di meno di 35 anni hanno mantenuto l’impiego in una scuola in misura leggermente minore (87%), rispetto agli altri, come pure quelli con un numero limitato di ore settimanali di lezione (85% di quelli con meno di 10 ore di lezione settimanali). Mentre uomini e donne erano in numero simile a continuare a insegnare (88%), i primi sono passati più spesso a funzioni di direzione nella scuola rispetto alle seconde (il 2,2% contro lo 0,9%).

Gli insegnanti che interrompono temporaneamente il proprio impiego spesso tornano a lavorare in una scuola (il 61% nei quattro anni successivi da quando si sono assentati). La percentuale di ritorno è particolarmente alta per le donne che hanno lasciato l’impiego a causa di una maternità (il 70% nei quattro anni successivi). Vi sono differenze notevoli tra una regione e l’altra (con valori che spaziano dal 58% della Svizzera orientale all’86% della Svizzera francese).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
4 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
5 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
6 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
6 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
7 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
7 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
9 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
10 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
13 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
13 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
© Regiopress, All rights reserved