laRegione
laR
 
07.10.22 - 08:30
Aggiornamento: 16:35

‘Ok al libero esercizio, ma solo in vista dell’esame federale’

È il controprogetto del governo a due iniziative per il riconoscimento di naturopati, terapisti complementari e arteterapeuti con certificato settoriale

ok-al-libero-esercizio-ma-solo-in-vista-dell-esame-federale
Ti-Press

Riconoscendo "le difficoltà pratiche nella messa in atto dell’attuale quadro legale e quindi la necessità di un suo adeguamento", il Consiglio di Stato propone tuttavia "una soluzione parzialmente differente da quella formulata nelle iniziative e presenta dunque un controprogetto". Lo scrive lo stesso governo nel messaggio allestito sulle due iniziative parlamentari elaborate – di gennaio e rispettivamente ottobre 2021 – che chiedono di modificare la Legge sanitaria così da consentire di lavorare "sotto la propria responsabilità professionale, oltre che agli operatori con diploma federale, anche agli arteterapeuti in possesso del certificato settoriale, ai naturopati con certificato settoriale o diploma cantonale e ai terapisti complementari con certificato settoriale o diploma cantonale".

La richiesta è dovuta al fatto che a mente degli iniziativisti (i socialisti Raoul Ghisletta e Gina La Mantia per il primo atto parlamentare, ai quali si aggiunge la Verde Claudia Crivelli Barella per il secondo) l’attuale condizione di dover essere in possesso del diploma federale per accedere al libero esercizio da parte degli operatori sanitari summenzionati "è sproporzionata e poco praticabile".

Dal canto suo la controproposta del governo prevede sì la possibilità per questa categoria di operatori sanitari di svolgere la loro attività "sotto la propria responsabilità professionale, senza la necessità di cercare un datore di lavoro". Ma è una possibilità che però non deve essere riconosciuta "sine die", dunque senza termine, in quanto se così fosse secondo il Consiglio di Stato si creerebbe "uno statuto giuridico a tempo indeterminato che svilirebbe l’importanza della formazione attestata dal diploma federale".

Un’autorizzazione specifica limitata a cinque anni (rinnovabile fino a sette)

Concretamente l’esecutivo propone una modifica della Legge sanitaria in modo che, una volta ottenuto il certificato settoriale, il terapista complementare, il naturopata e l’arteterapeuta interessati a sostenere l’esame federale possano richiedere un’autorizzazione specifica all’Ufficio di sanità. Questa verrebbe rilasciata per cinque anni (rinnovabile fino a un massimo di sette) e permetterebbe all’operatore sanitario di lavorare già sotto la propria responsabilità professionale pur essendo nel contempo sotto la supervisione del proprio mentore. Un tempo limitato, dunque, ma definito dal Consiglio di Stato "comunque generosamente ampio rispetto alla durata minima di pratica (due anni, ndr) sotto mentorato richiesta per essere ammessi all’esame federale".

Per il governo il vero nodo problematico da sciogliere è proprio quello della pratica sotto mentorato. Come viene ripercorso nel messaggio, nell’ambito della revisione della Legge sanitaria 2017/18 "si è ritenuto che, essendo il diploma federale divenuto il titolo di studio necessario per esercitare l’attività sotto la propria responsabilità, i due anni di pratica sotto mentorato per accedere al relativo esame federale non potevano che essere svolti a titolo dipendente, sotto la responsabilità diretta di un operatore già autorizzato".

Si sono però subito riscontrate delle difficoltà in quanto nel complesso i possibili datori di lavoro con tali qualifiche erano pochi – tutt’oggi una quarantina –, per cui il governo ha dapprima disposto che lo svolgimento di questi due anni potesse avvenire alle dipendenze anche di un qualsiasi terapista complementare autorizzato dal Cantone. E poi ha concesso a tutti gli operatori sanitari in possesso del libero esercizio – e non più ai soli terapisti complementari autorizzati – di assumere un terapista complementare o naturopata in formazione. Il bacino di potenziali datori di lavoro per il periodo di pratica sotto mentorato è così stato notevolmente ampliato, ma "nel corso degli anni le problematiche riscontrate nella disponibilità di operatori sanitari pronti ad assumere terapisti o naturopati in formazione purtroppo non si sono risolte". Nonostante gli allentamenti "il numero di operatori che si sono ufficialmente annunciati quali datori di lavoro è in effetti rimasto assai esiguo: solo 9 sui potenziali 9’087".

Ecco dunque la necessità di riconsiderare la situazione e il quadro legale, e la conseguente controproposta del governo, il quale rassicura: "Il certificato settoriale viene rilasciato all’operatore sanitario dopo aver svolto una formazione comunque approfondita, seppur non ancora completata dall’ottenimento del diploma federale. Si può quindi ammettere che offra le necessarie conoscenze a garanzia della sicurezza dell’intervento sul paziente. Dal momento che l’operatore con certificato settoriale dispone delle competenze necessarie per poter lavorare in autonomia sui pazienti, la pratica professionale sotto mentorato può di conseguenza essere svolta sotto la propria responsabilità professionale. Del resto proprio per questo motivo i regolamenti d’esame concernenti l’esame professionale superiore di terapista complementare federale, naturopata federale e arteterapeuta federale prevedono che l’operatore in possesso del certificato settoriale disponga delle nozioni necessarie per esercitare la professione sotto la propria responsabilità professionale".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
20 min
Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino
Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
38 min
‘Una risposta concreta ai bisogni degli anziani’
La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Ticino
1 ora
Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie
La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
1 ora
Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport
A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Mendrisiotto
2 ore
Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee
Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
2 ore
Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’
Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Ticino
5 ore
I formaggi ticinesi premiati in Svizzera e nel mondo
Il ‘Merlottino’ della Lati ha ottenuto la medaglia di bronzo ai ‘World Cheese Awards’. Diversi premi anche a livello nazionale
Mendrisiotto
6 ore
Truffa sulle tessere bancomat, due arresti a Brogeda
Il raggiro in due fasi: prima l’appropriazione indebita delle tessere, poi l’inganno per carpire il Pin ed eseguire prelievi di denaro illegalmente
Bellinzonese
10 ore
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
12 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
© Regiopress, All rights reserved