laRegione
02.10.22 - 19:08
Aggiornamento: 19:38

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza

il-30-degli-anziani-ticinesi-fa-fatica-ad-arrivare-a-fine-mese

In Ticino la percentuale di anziani a beneficio dell’Avs che vivono in condizione di precarietà economica sfiora il 30%, un dato decisamente più alto rispetto al resto della Svizzera. È quanto emerge da un recente studio realizzato a livello nazionale da Pro Senectute. E nella politica cantonale ticinese c’è chi si è subito attivato per avere delle spiegazioni. "Il Consiglio di Stato intende aiutare gli anziani in difficoltà economica, ad esempio erogando aiuti straordinari come era stato fatto per le rendite ponte Covid?". A chiederlo per mezzo di un’interpellanza è il deputato socialista Ivo Durisch, che cita l’indagine pubblicata oggi. "In Ticino il 29,5% degli anziani a beneficio dell’Avs vive nella precarietà. Lo stesso dato di Basilea Città si ferma al 6%". E la situazione nel corso del prossimo anno, scrive Durisch, non può che peggiorare "visti gli aumenti dei premi di cassa malati e l’inflazione sui beni quotidiani".

Un anziano su sette vive sotto la soglia di povertà

Secondo lo studio sono 46mila gli anziani in Svizzera che si trovano in situazione di povertà estrema perché guadagnano meno di 2’279 franchi al mese. "Pro Senectute ha esaminato per la prima volta la situazione finanziaria degli anziani. Il risultato: 295mila persone in età pensionabile sono a rischio povertà e devono accontentarsi di una rendita di circa 2’500 franchi" si legge nell’interpellanza. "Una persona su sette di età superiore ai 65 anni scende al di sotto del limite di 2’279 franchi al mese. Questo importo è considerato la soglia di povertà nel nostro Paese" afferma Durisch. "Si tratta di cifre allarmanti che parlano da sole e non hanno bisogno di alcuno commento", scrive il deputato socialista che chiede anche al governo se fosse cosciente di questa situazione.

Ticino il più colpito con quasi il 30% di pensionati coinvolti

Pro Senectute nella sua indagine evidenzia notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove quasi il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie, mentre Basilea registra il tasso di povertà più basso, ‘solo’ il 6%. Tra le possibili spiegazioni l’associazione suggerisce le situazioni economiche diverse e gli aiuti che vengono dati in ogni cantone, ma anche la tendenza delle zone rurali a cercare meno sostegno. Per Durisch i motivi sono però anche altri: "Sicuramente l’estrema disparità salariale, anche tra uomini e donne, gli stipendi più bassi di tutta la Svizzera e un mercato del lavoro che precarizza sono all’origine di questo ulteriore primato negativo del nostro cantone". La richiesta del deputato è di "promuovere una campagna di sensibilizzazione sulle prestazioni complementari". Questo perché "uno dei motivi di questa situazione potrebbe essere il non ricorso alle prestazioni complementari. Se così fosse allora un rimedio ci sarebbe: combattere il non ricorso alle prestazioni".

Pro Senectute: ‘In caso di razionamento bisogna dare garanzie’

A dirsi pronta a fare la sua parte per migliorare la situazione è anche Pro Senectute: "Se constatiamo che persone anziane particolarmente vulnerabili subiscono gravi limitazioni nella loro vita quotidiana, interverremo", sottolinea Alain Huber, direttore di Pro Senectute Svizzera, citato nel comunicato inviato ai media insieme allo studio. "Anche in caso di razionamento, occorrerebbe garantire che i bisogni di base delle persone a mobilità ridotta possano essere soddisfatti, aggiunge". L’associazione si è detta anche preoccupata per il futuro: "Ci aspettiamo un aumento della povertà nella vecchiaia. Viviamo più a lungo, il lavoro part-time è in voga e ora aumentano anche i prezzi".

Attraverso l’interpellanza Durisch interroga anche il Consiglio di Stato su quando arriverà la risposta alla mozione – presentata a ottobre dello scorso anno insieme al collega Danilo Forini – chiamata "Le prestazioni sociali sono un diritto e non un delitto". In quell’occasione si chiedeva al governo di elaborare una strategia di lotta al non ricorso alle prestazioni sociali. I firmatari proponevano, tra le altre cose, "d’introdurre un monitoraggio periodico qualitativo e quantitativo che verifichi l’entità del non ricorso alle prestazioni sociali".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
5 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
7 ore
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
10 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
10 ore
Salario minimo non adeguato all’inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
16 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
17 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
19 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
19 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
20 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
21 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
© Regiopress, All rights reserved