laRegione
27.09.22 - 18:18
Aggiornamento: 21:21

Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’

Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali

vent-anni-di-strade-sicure-e-il-ticino-torna-nella-media
Ti-Press
Si vogliono raggiungere giovani e anziani

«In vent’anni siamo riusciti a ridurre il numero d’incidenti e di morti sulle nostre strade, portando il dato ticinese in linea con quello nazionale». È decisamente positivo il bilancio tracciato dal direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi sui primi 20 anni di ‘Strade Sicure’, il progetto di prevenzione che mira a diminuire gli incidenti della circolazione stradale. «Siamo passati dai 1’612 incidenti con vittime nel 2002 ai 669 dello scorso anno. Si tratta di una diminuzione del 63%». Significativo anche il dato legato ai decessi, specialmente se paragonato al resto della Svizzera: in quasi dieci anni in Ticino si è passati da 51,6 incidenti con vittime – ogni 10mila abitanti – a 19,1. Nel resto del Paese la discesa è stata inferiore (da 32,6 a 20,1). «È il segnale che la prevenzione premia. Un discorso che è stato esteso anche ad altri progetti, tutti raggruppati sotto il tetto della campagna ‘Ticino Sicuro’».

‘Una mobilità sempre più complessa e integrata’

Durante l’incontro con i media, al quale hanno partecipato anche i diversi partner attivi sul territorio, è stato rimarcato il cambiamento che il settore della mobilità ha subito nel tempo. «Le automobili di oggi hanno sicuramente una serie di strumenti che ne aumentano la sicurezza», ha riconosciuto Gobbi. «Allo stesso tempo sono aumentate anche le distrazioni per il conducente. Il cellulare alla guida è un problema e sono ancora troppi i guidatori che rispondono a telefonate o messaggi mentre si trovano al volante. Senza dimenticare che la mobilità è sempre più integrata e complessa, penso ad esempio ai monopattini elettrici. Bisogna fare attenzione». Un problema che tocca soprattutto i giovani, per questo motivo si punta sempre di più a sensibilizzare attraverso i social network con campagne e messaggi mirati.

‘La polizia fa anche prevenzione’

Un ruolo attivo lo ricoprono anche le forze dell’ordine. «La prevenzione fa parte dei compiti degli agenti, anche se a volte ce lo si dimentica visto che non rientra nelle statistiche», ha affermato il comandante della Polizia cantonale Matteo Cocchi. «A questo si affiancano i controlli, per poter verificare se la popolazione ha recepito il messaggio». Un’azione preventiva, ha segnalato il capo della Sezione della circolazione Cristiano Canova, «che si vuole sempre più scientifica ed efficiente».

Per quanto riguarda il futuro lo sguardo è rivolto anche alla popolazione più anziana, con il progetto ‘Guidare in tutta sicurezza nella terza e quarta età’ che ha lo scopo di «fornire maggiori strumenti alla fascia più anziana della popolazione per vivere la mobilità in sicurezza e serenità», ha affermato il capo progetto di ‘Strade Sicure’ Renato Pizolli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
4 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
6 ore
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
9 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
9 ore
Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
15 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
16 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
18 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
18 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
19 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
20 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
© Regiopress, All rights reserved