laRegione
21.09.22 - 17:20
Aggiornamento: 18:00

Claudio Zali mette tutti a dieta: ‘Lo Stato sia esemplare’

Energia, il governo vara due pacchetti restrittivi per l’Amministrazione cantonale e scrive ai Comuni. Dal controllo delle temperature all’illuminazione

claudio-zali-mette-tutti-a-dieta-lo-stato-sia-esemplare
Ti-Press
L’ultimo spenga la luce

La possibile penuria energetica in vista dell’autunno e dell’inverno resta al centro delle preoccupazioni, e il Cantone scende in campo con delle misure per l’Amministrazione cantonale. In una prima fase saranno adattati gli orari di funzionamento degli impianti di aerazione, di riscaldamento e di illuminazione. Un secondo pacchetto di misure, invece, riguarderà la temperatura dei locali degli edifici pubblici, con un’eventuale accensione posticipata degli impianti di riscaldamento. Allo stesso tempo, il Consiglio di Stato ha preso carta e penna per scrivere ai Municipi "invitandoli a valutare misure analoghe nei settori di loro competenza, nel caso in cui non l’avessero ancora fatto". La messa in atto di questi interventi "sarà graduale", in base "all’andamento della situazione e secondo un principio di priorità".

Le misure nel dettaglio

Il tutto è ancor più esplicitato nella lettera inviata dal governo ai Comuni, tramite la Sezione degli enti locali. Dove i punti sono snocciolati con maggior dovizia: "Adottare l’orario di esercizio degli impianti di ventilazione e regolare i volumi d’aria; durante la notte, il fine settimana e i periodi di chiusura: ridurre la temperatura, spegnere l’impianto oppure adeguarne l’orario di esercizio; adattare l’illuminazione interna negli stabili ridefinendo orari, zone, intensità e adeguando i sensori ove presenti (da pianificare in base all’utilizzo in particolare per quanto concerne gli stabili scolastici); non riscaldare edifici o parti di edifici che non ospitano attività (ad esempio magazzini o archivi)".

L’importanza dei comportamenti personali

Importanti, si legge nella missiva inviata ai Comuni, anche le misure comportamentali previste per sensibilizzare i dipendenti dello Stato: "Gesti che contribuiscono al risparmio energetico e che sono attuabili a costi praticamente nulli". Quindi, "viene raccomandato di evitare l’utilizzo di apparecchi energivori non necessari allo svolgimento dei propri compiti, di non lasciare in stand-by gli apparecchi elettronici, di aerare i locali in maniera puntuale e non continua, di spegnere o adattare l’illuminazione".

Zali: ‘Come Stato dobbiamo essere esemplari’

Semplici gesti, ma efficaci. Perché «il ruolo esemplare dello Stato deve valere in tutti i settori in cui si chiede ai cittadini di adottare determinati comportamenti», sottolinea interpellato da ‘laRegione’ il Presidente del governo e direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali. Queste decisioni «si inseriscono in un solco importante, vale a dire che lo Stato non può dire ai cittadini di avere comportamenti che poi non fa tenere nei propri stabili: siamo un grande detentore di spazi, in cui molte persone trascorrono la giornata lavorativa. Abbiamo quindi un potenziale importante di risparmio energetico».

‘La preoccupazione non aumenta, però...’

Si sta alzando l’asticella della preoccupazione? «No, non c’è un aumento di timori in questi giorni – risponde Zali –. Purtroppo il livello è sempre alto, soprattutto perché i cambiamenti di intensità non dipendono da noi. Putin chiama la mobilitazione generale e la nafta sale del 10% in pochi minuti». La preoccupazione, insomma, «è data dalla situazione grave e sulla quale non abbiamo alcuna possibilità di controllo ma solo quella di prepararci al meglio – continua il direttore del Dt –. Sapendo che un eventuale blackout in Germania potrebbe avere conseguenze devastanti anche qui». Fare quel che si può, «nella consapevolezza che se è minore il fabbisogno nel momento più delicato, maggiore è la possibilità di resistere».

‘La strategia cantonale è ben indirizzata’

Ciò detto, la strategia del Cantone per il medio termine è «ben indirizzata». Nel senso che, riprende Zali, «da molti anni abbiamo un progetto di miglioramento della nostra capacità di approvvigionamento da fonti sostenibili, gli obiettivi che nel 2010 ci eravamo dati per il 2030 li abbiamo raggiunti nel 2020, ne arriveranno di nuovi e ancor più ambiziosi». Anche perché «esiste un calcolo teorico che attesta come i soli tetti del Ticino, al picco della produzione fotovoltaica, garantirebbero il fabbisogno di tutto il cantone». Poi, evidentemente, c’è il principio di realtà. Che non sempre sorride. «I pannelli non si montano dall’oggi al domani – annota Zali –. I tecnici che li installano non possono essere obliqui, c’è moltissima domanda in un settore dove c’è penuria di manodopera e materiali, si creeranno colli di bottiglia, imbuti su forniture di termopompe, degli stessi pannelli o di loro parti». Ad ogni modo, «l’obiettivo è di recuperare in fretta il gap e rendere il cantone più soleggiato in Svizzera anche tra i più efficienti a livello di produzione fotovoltaica».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
49 min
Gambarogno, i ritocchi ai conti possono attendere
Le finanze del Comune destano preoccupazione, ma le contromisure non saranno per il 2023. Probabile un futuro aumento del moltiplicatore
Mendrisiotto
49 min
Mendrisiotto, la qualità dell’aria resta osservata speciale
Dopo una settimana pesante è arrivata la pioggia. Nel 2020 registrate quattromila morti premature nelle province pedemontane lombarde
Luganese
49 min
Lugano, la replica a Lombardi: ‘Coinvolgeteci, ma davvero’
La Commissione di quartiere di Sonvico mette i puntini sulle i, dopo che il municipale si era detto deluso dal presunto inattivismo delle commissioni
Ticino
8 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
8 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
11 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
13 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
13 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
13 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
15 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
© Regiopress, All rights reserved