laRegione
21.09.22 - 15:38
Aggiornamento: 17:17

Le opere di Botta bruciano e collassano: ‘Segni di fragilità’

L’architetto ticinese commenta l’incendio al resort Glacier 3000 a Les Diablerets e lo sgretolamento della torre di Moron nel Giura bernese

Ats, a cura di Red.Web
le-opere-di-botta-bruciano-e-collassano-segni-di-fragilita
Polizia Canton Vaud
Il rogo in quota

"È la prima volta che una mia opera viene distrutta dalle fiamme". Così si è espresso Mario Botta in un’intervista rilasciata al quotidiano romando ‘24Heures’, dopo l’incendio che ha distrutto gli ultimi due piani del resort Glacier 3000 a Les Diablerets, nel Canton Vaud. Il ristorante progettato dall’architetto ticinese, che si trova al quarto piano, è stato gravemente danneggiato, come anche il self-service, ubicato al terzo.

"Taluni degli edifici che ho concepito, in particolare in Sudamerica, sono stati distrutti dalle guerre, quindi dagli uomini", ha dichiarato Mario Botta. Ma "per il Glacier 3000, mi è difficile capire come un incendio possa partire dal terzo piano di una costruzione fatta di cemento e metallo, a 3’000 metri di altitudine, in piena notte. Quindi in condizioni nelle quali ciò non dovrebbe accadere", ha aggiunto il ticinese.

Secondo l’architetto, "Glacier 3000 è stato un progetto fantastico: un filo che collega con la vetta della montagna, sul quale i turisti potevano quasi volare. L’ho concepito come se questo luogo grandioso potesse accogliere i suoi visitatori nel suo ventre". Ma Mario Botta non rinuncia a scoccare una frecciatina ai promotori: "Il progetto è continuamente passato di mani, è anche fallito: si è cercato ben altro rispetto a quello che si era immaginato a priori. Non mi sono più riconosciuto e non vi sono mai più ritornato", ha spiegato.

"Guardo le foto dell’incendio e leggo: la stagione invernale è in pericolo", ha aggiunto Mario Botta, secondo il quale "con il cambiamento climatico, la stagione di un’intera generazione è in pericolo".

L’architetto ticinese si pone allora numerose domande sui "segni di fragilità delle costruzioni moderne". A riprova di ciò, non riesce ancora a capacitarsi dello sgretolamento della bella torre di Moron (a Malleray, nel Giura bernese), un altro dei suoi progetti. I blocchi di pietra collassano uno dopo l’altro, facendo temere un crollo totale dell’opera. "Si tratta di un vero mistero", ha aggiunto il ticinese, che si è recato sul posto per vedere i danni.

Quanto al Glacier 3000, a una domanda di 24Heures se fosse disposto a partecipare alla riparazione futura, o persino alla ricostruzione totale dell’edificio in parte distrutto, Mario Botta ha risposto: "Se mi chiamano e me lo propongono, dedicandovi sufficienti risorse finanziarie che lo consentirebbero, e forse con altri materiali quali il legno ignifugo, allora perché no...".

Nessun ferito

L’esatta entità dei danni deve comunque ancora essere stabilita prima di poter prendere in considerazione la ricostruzione, che non avverrà prima del prossimo anno. Anche senza ristoranti, il CEO di Glacier 3000, Bernhard Tschannen si è detto fiducioso che la stagione sciistica possa riprendere come previsto il 5 novembre.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge
Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
5 ore
Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti
Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
8 ore
Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea
Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Grigioni
9 ore
Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’
Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
9 ore
Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole
Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
Gallery
Ticino
9 ore
Nel weekend la Svizzera italiana s’è messa il suo abito bianco
Trenta centimetri a San Bernardino, venti a 1’400 metri di quota: la neve ha fatto capolino anche a Sud del San Gottardo. Disagi contenuti sulle strade
Ticino
11 ore
Il 25 dicembre Gas stacca definitivamente la spina
La testata web indipendente di controinformazione, nata in scia al cartaceo Diavolo, annuncia la sua prossima chiusura
Grigioni
14 ore
Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’
Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
16 ore
Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda
Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
1 gior
Riazzino, inaugurata la nuova sede logistica del Soccorso alpino
La struttura, che fungerà da magazzino e autorimessa, completa la capillare rete di strutture di copertura del territorio. L’anno prossimo il 50esimo
© Regiopress, All rights reserved