laRegione
15.09.22 - 22:50

Ampio ricambio in vista per il Consiglio della magistratura

A fine anno presidente e vice avranno raggiunto il limite massimo della durata della carica. Inoltre lasceranno i cinque supplenti

ampio-ricambio-in-vista-per-il-consiglio-della-magistratura
Mandati in scadenza (Ti-Press)

Ampio ricambio in vista in seno al Consiglio della magistratura, l’autorità che vigila sul funzionamento della giustizia ticinese. Alla scadenza del mandato, il prossimo 31 dicembre, i giudici d’Appello Werner Walser (presidente) e Nicola Respini (vice) avranno raggiunto il limite massimo della durata della carica: dovranno pertanto essere sostituiti. Due membri – Luca Beretta Piccoli e Battista Ghiggia – e tutti e cinque i supplenti – Amos Pagnamenta, Marco Villa (entrambi giudici del Tribunale penale cantonale), Alessandra Alberti, Davide Cerutti e Fabio Martello – non solleciteranno un nuovo mandato. Resteranno invece in carica Beatrice Fasana e Claudia Canonica Minesso, membri del Consiglio. Da chiarire la posizione di Ivan Pau-Lessi, che si è autosospeso nel febbraio 2019. Da ricordare che il Consiglio della magistratura si compone di sette membri e di cinque supplenti. È formato da togati e da non magistrati: quest’ultimi, i laici, vengono designati dal parlamento cantonale.

È quanto ha riferito ‘Il Quotiano’ (Rsi), secondo cui sullo sfondo della decisione comunicata verso fine giugno all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio vi è la claudicante controversa procedura adottata dallo stesso Cdm per il rinnovo delle cariche in Procura nel 2020.

Sconfessato due volte

Ma proprio in relazione a quanto accaduto due anni fa, la notizia vera sarebbe stata un’altra. E cioè le dimissioni dell’intero Consiglio della magistratura subito dopo la sonora bacchettata ricevuta nel dicembre 2021 dal Tribunale d’appello. Il quale non ha risparmiato pesanti critiche al Cdm per le modalità con cui aveva preavvisato negativamente, tra l’altro formulando valutazioni insolitamente dure con riferimento sia ai contenuti che ai toni, la rielezione di cinque procuratori. Cinque procuratori pubblici poi rieletti dal Gran Consiglio. L’operato del Consiglio della magistratura veniva così sconfessato non una, bensì due volte: la prima dal parlamento, la seconda dal Tribunale d’appello. Per decidere il da farsi i componenti del Cdm hanno però atteso la scadenza naturale del mandato del Consiglio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
52 min
A Sementina scocca l’ora della tanto attesa nuova scuola
Il Municipio di Bellinzona rispedisce al mittente la critica e il timore che si voglia procedere con una soluzione d’urgenza provvisoria
Grigioni
3 ore
La strada della Calanca riaperta già oggi alle 16
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
3 ore
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
9 ore
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
13 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
14 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’
Grigioni
21 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
21 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
23 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
23 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
© Regiopress, All rights reserved