laRegione
05.09.22 - 13:38
Aggiornamento: 21:35

Procura, proposta Jaquinta Defilippi per la successione di Lanz

La commissione parlamentare Giustizia e diritti ha firmato il rapporto di Galusero. Il 19 si pronuncerà il plenum del Gran Consiglio

procura-proposta-jaquinta-defilippi-per-la-successione-di-lanz
Ti-Press
Jaquinta Defilippi è oggi segretaria giudiziaria

Si è finalmente sbloccato in commissione il dossier per la successione al Ministero pubblico di Francesca Piffaretti-Lanz, che a inizio luglio ha dimissionato dalla carica di procuratrice pubblica, dopo averla ricoperta per una decina di anni. Nella riunione di stamattina la maggioranza della ‘Giustizia e diritti’ ha deciso di proporre l’elezione di Caterina Jaquinta Defilippi, oggi segretaria giudiziaria, firmando così il rapporto redatto dal presidente della commissione parlamentare, il liberale radicale Giorgio Galusero. A meno di imprevisti il plenum del Gran Consiglio, cui spetta la nomina dei magistrati, si pronuncerà nella sessione al via lunedì 19, che segnerà la ripresa dei lavori del legislativo cantonale dopo la pausa estiva. Il rapporto non è stato sottoscritto dai Verdi, che da tempo sollecitano un dibattito politico per garantire in seno alla magistratura ticinese un’equa rappresentatività delle varie aree di pensiero.

Alla successione di Piffaretti-Lanz, di area leghista, si sono candidati – oltre a Jaquinta Defilippi – Luca Guastalla (in quota Ps), Didier Lelais (in quota Lega) e Stefano Stillitano (area Verdi). Guastalla è anche lui attualmente segretario giudiziario; Lelais, avvocato, è titolare di uno studio legale; Stillitano è vicecancelliere del Tribunale penale cantonale. La candidatura di Jaquinta Defilippi, in corsa formalmente come indipendente, è stata sostenuta dal Plr fin dalle prime discussioni commissionali sul dopo Piffaretti-Lanz. Tutti e quattro sono stati considerati dalla Commissione di esperti idonei alla carica di pp. La parola ora al plenum del Gran Consiglio.

Galusero: sarebbe un segnale positivo per i candidati indipendenti

Intanto c’è un primo punto fermo ed è la proposta della ‘Giustizia e diritti’ di eleggere Jaquinta Defilippi. «Era ora!», osserva Giorgio Galusero. «Mi auguro – aggiunge il coordinatore della commissione parlamentare da noi interpellato – che nella seduta che si aprirà il 19 il Gran Consiglio raccolga l’invito della maggioranza della ‘Giustizia e diritti’ e designi quindi Jaquinta Defilippi procuratrice pubblica. Sarebbe anche un bel segnale per coloro che, avendo i requisiti per aspirare alla carica ma non riconoscendosi in nessun partito, si candidano come indipendenti».

Travagliato iter

Travagliato l’iter che ha portato alla firma del rapporto. Nella squadra dei magistrati inquirenti della Procura che indaga sui reati economico-finanziari, Piffaretti-Lanz aveva comunicato le proprie dimissioni lo scorso dicembre per il 1. luglio. Come da termine di disdetta: sei mesi. Ma in commissione le discussioni, anche accese, sulla successione non sono mancate. Da ricondurre pure all’esistenza di un decreto d’accusa per violazione del codice stradale (per un chilometro orario in più è finito nel penale) a carico di Lelais, in quota Lega come Piffaretti-Lanz, e al quale l’interessato non ha fatto opposizione. Circostanza emersa dopo l’inoltro della sua candidatura. E proprio la presenza di questo decreto ha indotto una parte della commissione parlamentare a non appoggiarla, quantunque il decreto in questione non sia motivo di ineleggibilità. Per finire insomma si è arrivati solo a settembre a formulare una proposta di elezione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
2 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
2 ore
Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
8 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
9 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
11 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
11 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
12 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
13 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
13 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
14 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
© Regiopress, All rights reserved