laRegione
26.08.22 - 18:21
Aggiornamento: 22:00

Conferenza cantonale Ps, ‘operazione eticamente discutibile’

Così i tre mozionanti socialisti che ne chiedevano la convocazione, ma ora criticano la direzione del partito per la data scelta e il ‘non coinvolgimento’

conferenza-cantonale-ps-operazione-eticamente-discutibile
Ti-Press

"Quella della direzione è una forzatura che limita il dibattito e cozza contro i valori di un partito storico", nonché un’operazione "eticamente discutibile in seno a un partito nato per dare voce a chi non ne aveva". Non si può certo dire che sia stata accolta favorevolmente da parte dei socialisti Matteo Muschietti, Evaristo Roncelli e Lauro Degiorgi la decisione presa dai copresidenti del Ps Laura Riget e Fabrizio Sirica assieme alla direzione del partito di indire una Conferenza cantonale prima del Congresso previsto per novembre per discutere delle strategie elettorali, proprio come i tre chiedevano con una mozione e una raccolta firme. Decisione a cui i copresidenti sono giunti dopo aver loro stessi raccolto le sottoscrizioni – necessarie secondo gli statuti – per convocare una Conferenza cantonale, in quanto quelle in possesso dei tre mozionanti tardavano ad arrivare e stavano trasformando l’attesa in un "limbo" per la dirigenza del partito che ha "dei tempi tecnici da rispettare", aveva motivato Riget. Quello che dunque appare un passo per andare incontro agli auspici dei promotori della mozione – ovvero di incontrarsi con la base del partito in tempi brevi in modo da discutere democraticamente dei termini dell’alleanza per una lista unica rossoverde da presentare alle elezioni per il Consiglio di Stato del prossimo aprile – è invece stato da loro accolto in termini di prevaricazione, come emerge da una nota stampa a cui affidano la precisazione e la rettifica di quelle che considerano "alcune affermazioni inesatte diramate dalla dirigenza Ps".

‘In questo modo si finisce per soffocare le minoranze’

Ripercorrendo la cronologia dei fatti, i tre mozionanti ricordano come la sezione di Coldrerio – quella di Muschietti – durante il Comitato cantonale del 17 giugno abbia chiesto alla direzione del partito di organizzare una Conferenza cantonale "per discutere in maniera trasparente delle alleanze", richiesta a cui è seguito un diniego. Da qui la raccolta firme con una mozione che oltre a sollecitare tale incontro, metteva in discussione in particolare l’accordo con i Verdi di correre alla pari presentando due deputati a testa per partito da affiancare a un rappresentante della società civile, anziché tre nomi socialisti. "Va precisato – scrivono poi i tre – che non esiste alcun termine statutario per la consegna delle firme, ossia non c’è alcun obbligo di consegnare le firme raccolte entro una determinata data". Nonostante ciò, rendono noto di aver comunicato alla direzione indicativamente il 31 agosto quale data per il rinvio delle firme e di aver in seguito chiesto "esplicitamente che la conferenza cantonale sia organizzata tra la terza e la quarta settimana di settembre, e durante il weekend, per permettere a tutti i compagni e le compagne, oltre ai simpatizzanti, di prendervi parte. La partecipazione più ampia possibile è il senso stesso dell’iniziativa che non deve diventare un esercizio a favore della direzione che non tenga conto dei contenuti della mozione". La critica, oltre alla data decisa dalla direzione per la Conferenza cantonale – mercoledì 7 settembre –, va anche al fatto di aver introdotto all’ordine del giorno la mozione dei tre proponenti "senza consultarli, senza il loro consenso e senza che la stessa sia supportata dalle firme nel frattempo raccolte. Uno svilimento di una mozione che viene dalla base ed è corredata da decine di firme, nonché mirante a fare chiarezza e trasparenza". Secondo la loro valutazione, inoltre, "organizzando la Conferenza in concomitanza con il Comitato cantonale – fissato da tempo per il 7 settembre, ndr –, la direzione avrà gioco facile e potrà contare sulla presenza di tutti i membri del Comitato cantonale e finirà per soffocare la voce delle minoranze che rendono ricca la base di un partito che fa delle idee la sua forza. Da quando il socialismo ha paura di dibattere sul suo avvenire?", chiedono, sostenendo infine come a questo punto diventi "sempre più importante che almeno il Congresso sia libero e autentico, sorretto dall’ossatura di un dibattito costruttivo in vista di una reale armonizzazione di tutti i pensieri che lo animeranno". Da parte dei copresidenti da noi contattati "no comment".

Leggi anche:

Area rossoverde, il Ps farà la conferenza cantonale per la lista

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 ore
‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’
La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
8 ore
‘Avanti’, la porta è aperta a tutti
Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
9 ore
Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito
La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
9 ore
Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati
Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Grigioni
10 ore
Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend
Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
10 ore
Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio
Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
11 ore
Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese
Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Bellinzonese
11 ore
‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’
Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Ticino
11 ore
‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’
Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Luganese
12 ore
Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan
Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
© Regiopress, All rights reserved