laRegione
laR
 
13.08.22 - 19:55

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’

strategia-energetica-marchesi-udc-il-nucleare-al-centro
Ti-Press
Piero Marchesi

Le proposte della sinistra riguardo l‘energia «o sono state un completo fallimento come la Strategia energetica 2050, o sono destinate a fallire». E per questo motivo l’Udc «è pronta a combattere affinché l’approvvigionamento energetico elettrico del paese sia sicuro e affidabile». Il presidente cantonale e consigliere nazionale Piero Marchesi, interpellato da ’laRegione’, snocciola il vademecum democentrista per sopperire alla crisi dell’approvvigionamento energetico e «assicurare alla Svizzera un futuro più tranquillo».

Marchesi comincia con l’affermare che, nell’immediato, «occorre andare avanti con il nucleare, quindi allungare il ciclo di vita delle centrali. Non esiste alternativa, lo hanno finalmente capito anche i rossoverdi, che fino a ieri irresponsabilmente chiedevano un’uscita immediata dall’atomo». Detto ciò, vista la difficoltà nel loro raggiungimento, «gli obiettivi di taglio delle emissioni di CO2 come quelli contenuti nell’Accordo di Parigi vanno dilazionati nel tempo, cioè posticipati a quando l’approvvigionamento elettrico sarà ristabilito».

Il tema dell’approvvigionamento energetico però è estremamente attuale, considerati i chiari di luna sia a livello di geopolitica, sia a livello di forniture. E quindi per il presidente democentrista «è essenziale incentivare lo stoccaggio sia delle energie rinnovabili, per avere riserve nei mesi invernali, sia costruire impianti per l’accumulo di gas per produrre elettricità nei mesi più freddi».

‘Oggi credo che il popolo credo abbia una percezione diversa sul nucleare’

Gli obiettivi dell’Udc ad ogni modo non si limitano all’oggi, «nell’immediato bisogna elaborare una nuova Strategia energetica che abbia al centro il nucleare, lo hanno fatto alcuni Paesi vicini a noi in Europa e non vedo perché non possiamo farlo pure in Svizzera. Certo, per farlo bisogna giustamente tornare davanti al popolo, che credo oggi abbia una percezione molto diversa rispetto al passato, quando la transizione energetica veniva dipinta come una passeggiata». Per quanto riguarda l’energia elettrica, invece, «oltre a pensare a fonti di stoccaggio e ridurre la dipendenza dall’estero», Marchesi è netto: «Bisogna smettere il prima possibile con incentivi e agevolazioni per chi acquista auto elettriche e sostituisce riscaldamenti a olio per passare alle termopompe, perché queste due misure provocheranno l’aumento di un terzo del fabbisogno di energia elettrica che già oggi non abbiamo. Di fatto, più si incentiva e più aumenta il rischio di blackout».

‘La Strategia energetica 2050 è fallita’

«Lo hanno capito anche i sassi che la Strategia energetica 2050 è fallita», ribadisce Marchesi. E «davanti a un Consiglio federale che arriva ad ammettere che la grande penuria di elettricità questo inverno potrebbe provocare addirittura dei blackout e razionamenti, ci preoccupa moltissimo». Quanto messo in campo da Berna a partire dall’inizio della crisi energetica accelerata dal conflitto in Ucraina «non è sufficiente e preoccupa che la capo del Dipartimento Sommaruga si ostini a dire che tutto va bene, anche quanto è oramai evidente che ci troviamo in una situazione che metterà a rischio la stabilità e la prosperità del paese».

Per il consigliere nazionale democentrista, infine, «occorre sfatare anche il mito delle rinnovabili. Che servono e hanno tutto il mio sostegno ma non risolveranno affatto il problema. Negli ultimi cinque anni sono aumentate solamente dal 4 al 7% del totale della produzione, non sono immagazzinabili e in particolare il fotovoltaico non può oggi costituire una soluzione perché in inverno produce un quarto di quanto produce in estate».

Un recente studio, conclude il presidente dell’Udc cantonale, «afferma, e lo dice l’Epfl non il sottoscritto, che per stoccare l’energia prodotta da una crescita notevole delle rinnovabili, che comunque non si rileva, servirebbe costruire una diga simile a quella della Gran Dixance all’anno fino al 2035. La chiara dimostrazione che le politiche rossoverdi, purtroppo sostenute acriticamente anche da Plr e Ppd, hanno illuso la popolazione, che ingannata ha avvallato la Strategia energetica 2050. Ora però si rilevano un vero e proprio disastro per il paese».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
6 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
8 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
9 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
9 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
10 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
10 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
14 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
16 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
16 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
16 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
© Regiopress, All rights reserved