laRegione
13.08.22 - 20:20
Aggiornamento: 15.08.22 - 17:11

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C

il-luglio-2022-e-stato-il-secondo-piu-caldo-di-sempre-in-ticino

Il luglio del 2022, da poco trascorso, per il Ticino è risultato il secondo più caldo mai registrato da quando, nel 1864, sono iniziate le misurazioni: l’anomalia è di +2,6°C rispetto alla norma 1991-2020, con un picco a Stabio dove lo scarto dalla norma ha raggiunto addirittura +3,3 °C. Prima di questo, il luglio più caldo mai registrato nel nostro Cantone è stato quello del 2015, che ha fatto segnare un’anomalia superiore a +3°C. Lo rivela il Notiziario statistico Ustat.

A contribuire in modo significativo all’anomalia positiva della temperatura è stata la lunga ondata di caldo manifestatasi a partire dal giorno 14 e protrattasi per ben due settimane, con le temperature medie giornaliere che hanno spesso superato di 4-6 °C la norma 1991-2020. Solo 4 i giorni (1, 4, 28 e 29) in cui in alcune stazioni di misura la temperatura media è risultata inferiore alla norma. A essere particolarmente rilevanti in questa seconda ondata estiva di calore non sono stati tanto i picchi di temperatura raggiunti, quanto la durata e intensità eccezionali, che rendono l’ondata di calore una delle più lunghe e più intense mai misurate a sud delle Alpi, comparabile soltanto a quelle di luglio 2015 e agosto 2003.

Per la stazione di misura di Lugano, è risultata addirittura la più lunga mai registrata, con una media della temperatura che fra il 14 e il 27 luglio ha raggiunto i 27,0 °C, un valore mai stato misurato prima sull’arco di due settimane. Durante l’ondata di caldo è stato registrato un solo nuovo primato di temperatura (36,5 °C, il 22 luglio) presso la stazione di Stabio, dove però le misure sono cominciate solo 41 anni fa. A Lugano e Locarno-Monti, dove le misure sono iniziate rispettivamente nel 1864 e nel 1935, alcune delle temperature minime misurate rientrano fra le dieci più elevate mai raggiunte: il giorno 25 entrambe le stazioni non sono scese sotto i 23,7 °C, settimo valore più alto per Lugano, nono per Locarno Monti. Sempre durante l’ondata di caldo, si sono verificate 14 giornate tropicali (ovvero con temperatura massima uguale o superiore a 30 °C) consecutive, sia a Locarno-Monti sia a Lugano, dove si tratta del numero più elevato. Per Locarno-Monti si tratta del secondo, pari a quello registrato durante le ondate di caldo del 2003 e del 2015; il primato per questa stazione è di 18 giorni, registrato nel 2018.

Mediato su tutto il cantone, il totale delle precipitazioni del mese non ha superato il 57% della norma 1991-2020. I mesi di luglio presentano un’alternanza fra anni in cui le precipitazioni sono inferiori e anni in cui sono superiori alla norma. Nel 2021, luglio era risultato molto piovoso, con quasi il doppio della precipitazione normale. Il Mendrisiotto è la regione che ha visto i quantitativi di pioggia più scarsi, con appena 13,8 mm caduti, che corrispondono all’11% della norma 1991-2022: è quindi proseguita la forte siccità iniziata nei mesi precedenti (in maggio le precipitazioni non avevano superato il 55% della norma, mentre in giugno non avevano superato il 42%). A Stabio, le precipitazioni sono state pari al 33% della norma 1991-2020. Dall’inizio delle misure nel 1864, a Lugano un periodo gennaio-luglio caldo e asciutto come quello del 2022 non si era mai verificato. Con una temperatura di 1,5 °C superiore alla norma e con il 50% delle precipitazioni normalmente attese, la combinazione di temperature elevate e precipitazioni scarse è risultata da primato. A Lugano (322,5 ore di sole) e a Locarno-Monti (323,3), è stato registrato il mese di luglio più soleggiato dall’inizio delle misure nel 1961. I valori menzionati corrispondono al 120-125% della norma 1991-2020; lungo le Alpi è stato raggiunto il 135% circa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
20 sec
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
7 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
9 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
10 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
10 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
11 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
11 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Luganese
15 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
17 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
17 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
© Regiopress, All rights reserved