laRegione
10.08.22 - 20:45
Aggiornamento: 21:17

Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’

Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.

tf-boccia-lo-sgravio-del-valore-locativo-ora-effetto-domino

Non ci sarà in Ticino uno sgravio del valore locativo. Il Tribunale federale ha infatti accolto il ricorso dei socialisti Carlo Lepori e Raoul Ghisletta alla modifica di legge, votata dal Gran Consiglio nel giugno del 2021, che prevedeva in caso di una sostanza imponibile inferiore a 500mila franchi e su richiesta del contribuente, un valore locativo imponibile al massimo del 30 per cento delle entrate in contanti. A dare notizia del verdetto dei giudici di Mon Repos è stato oggi il Dipartimento finanze ed economia. La decisione del Tf è datata 4 agosto: per il momento, puntualizza il Dfe nel comunicato, si conosce solo il dispositivo, mentre "le motivazioni della sentenza non sono ancora state notificate".

Pamini: eppure era il modello grigionese

"È auspicabile che la si smetta di svuotare le casse pubbliche con ogni pretesto, creando disparità di trattamento fiscale tra chi possiede sostanza immobiliare e chi possiede sostanza mobiliare", scrive Ghisletta. Dura invece la reazione dell’Udc: "Gli anziani ticinesi a basso reddito che vivono in casa propria e che sono strozzati dal valore locativo possono ringraziare i due deputati socialisti se non avranno nessuna riduzione fiscale", commenta su Facebook Paolo Pamini, a suo tempo promotore dell’iniziativa parlamentare intitolata ‘Freno dell’impatto del valore locativo’ poi approvata dal Gran Consiglio. Si è ora in attesa delle argomentazioni con le quali Losanna motiva il verdetto. "Sarà interessante – riprende il deputato democentrista – leggere la decisione del Tribunale federale, perché rischia di trascinare con sé ben altri otto cantoni. Il testo che con deputati di molti partiti abbiamo proposto e che il Gran Consiglio aveva accettato l’anno scorso a larga maggioranza interpartitica era infatti una copia-incolla letterale della legge tributaria grigionese". A votare a favore dell’iniziativa parlamentare elaborata da Pamini, oltre a Udc e Lega, erano stati Plr, Ppd/Centro e Più Donne. Contraria invece la sinistra, con i ‘no’ arrivati da Ps, Verdi, Mps e Pc.

Lepori: ‘Il problema c’è e noi proponiamo una soluzione’

"Il problema esiste e non lo abbiamo mai negato, tuttavia la soluzione votata dalla maggioranza del Gran Consiglio era sbagliata", ribatte Carlo Lepori. Il deputato socialista rilancia allora la proposta, contenuta in un’interrogazione inoltrata nel marzo dello scorso anno dal capogruppo del Ps in Gran Consiglio Ivo Durisch, per un "prestito vitalizio ipotecario" per coloro che hanno più di 60 anni. In sostanza, spiegava Durisch nell’atto parlamentare, "si tratta di una particolare tipologia di finanziamento a lungo termine (detto anche ‘mutuo inverso’) grazie al quale chi possiede una casa può darla in garanzia alle banche ottenendo un prestito o una rendita vitalizia con il diritto di abitazione vita natural durante". L’obiettivo è "di consentire a persone con una casa di proprietà, ma con poco liquidità ed entrate insufficienti per arrivare alla fine del mese, di far fronte alle spese quotidiane senza essere costrette a scegliere tra vendere la casa o vivere in povertà". Per fare questo Durisch chiedeva al governo di "attivare con BancaStato una convenzione in modo da istituire tramite la stessa la possibilità di un prestito vitalizio ipotecario a partire dai 60 anni di età". All’interrogazione, e dunque alla soluzione indicata dal capogruppo socialista, il Consiglio di Stato aveva però risposto picche. "Vedremo di ripescare quella proposta, precisandola e trasformandola magari in mozione", preannuncia Lepori.

Sorpreso Vorpe (Supsi): ‘Una sentenza che apre all’effetto domino’

Ad aspettare con interesse la sentenza dei giudici federali non soltanto il Ticino. Sono una decina i cantoni che hanno adottato negli anni quello che è stato definito il ‘modello grigionese’. «Non me l’aspettavo, sinceramente, visto che questa norma è già presente in diverse legislazioni cantonali», afferma Samuele Vorpe, responsabile del centro competenze tributarie della Supsi. «Anche per questi cantoni ci saranno delle ripercussioni. Potrebbe succedere anche da loro quello che è successo in Ticino. Un ricorso farebbe cadere quelle norme. Ci potrebbe essere quindi un effetto domino che chiaramente non farà piacere agli altri cantoni». L’attenzione è quindi rivolta ai prossimi mesi: «Da qui all’anno prossimo anche i parlamenti degli altri cantoni dovranno fare una valutazione e, a mio modo di vedere, stralciare questa disposizione sul freno al valore locativo nel diritto cantonale», spiega Vorpe. «Era una misura mirata ai contribuenti modesti, una sorta di misura sociale che però non ha trovato l’avallo dell’alta Corte federale. Il valore locativo rimane uguale e non è possibile sgravare in base alla capacità contributiva del cittadino».

Leggi anche:

Valore locativo, passa lo sgravio dell'Udc. Ma non è finita

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
4 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
4 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
5 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Mendrisiotto
7 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla Ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
9 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
9 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
11 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino in zona diga del Lucendro
Ticino
11 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
20 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved