laRegione
08.08.22 - 13:45
Aggiornamento: 17:19

Sgarbi multato dalla Polizia cantonale. ‘Mai più in Svizzera’

Il critico d’arte e parlamentare italiano è stato fermato in quanto il suo autista avrebbe acceso il lampeggiante quando si trovava ancora in Svizzera

sgarbi-multato-dalla-polizia-cantonale-mai-piu-in-svizzera
Ti-Press

Disavventura in Ticino, con annessa polemica social, per il noto parlamentare italiano Vittorio Sgarbi. Come riporta La Provincia di Como, il critico d’arte ha pubblicato sulla propria pagina Facebook un video (poi rimosso), in cui si scaglia contro la Svizzera, proclamando: "Mai più in Svizzera, mai più in Canton Ticino". Il casus belli? L’autista di Sgarbi, di ritorno dal Film Festival di Locarno, avrebbe azionato il lampeggiante sull’auto quando si trovava, però, ancora in territorio ticinese a pochi metri da un non meglio precisato valico doganale. Da qui l’intervento della Polizia cantonale, che ha fermato la vettura chiedendo a Sgarbi di restare seduto in automobile mentre venivano compiuti gli accertamenti di rito: il tutto si è concluso con una multa pari all’equivalente di 500 euro.

Sgarbi, che ha annunciato di aver contattato l’ambasciatore svizzero, nel video si dice "dispiaciuto" per il suo amico Mario Botta per il fatto che non tornerà mai più in Svizzera, e conclude polemico: "Sulle auto della polizia ticinese c’è scritto: ‘Per un Ticino più sicuro e più accogliente. Più sicuro forse. Più accogliente no’".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
4 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
5 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
5 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
6 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
6 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
6 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
7 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
Luganese
7 ore
PatriziAmo, manifestazione al via (in presenza) a Lugano
Quindici Patriziati di Lugano da venerdì nel patio del Municipio per farsi conoscere e per offrire i propri prodotti locali
Grigioni
7 ore
Nell’Alto Moesano due giovani lupi potranno essere abbattuti
L’Ufficio federale dell’ambiente ha concesso oggi l’autorizzazione per regolare il branco di Moesola, presente a sud del Passo del San Bernardino
© Regiopress, All rights reserved