laRegione
08.08.22 - 11:47
Aggiornamento: 09.08.22 - 19:35

Sulle truffe per lavoro ridotto il Ticino ha fatto i compiti

È quanto emerge dai dati della Seco. Il nostro Cantone persegue anche violazioni più contenute, a differenza di altri Cantoni

sulle-truffe-per-lavoro-ridotto-il-ticino-ha-fatto-i-compiti
Ti-Press

Riguardo alle truffe per le indennità di lavoro ridotto ricevute durante la crisi del coronavirus il Ticino si sta muovendo più attivamente che altri Cantoni. È quanto emerso durante la teleconferenza di commento dei dati della disoccupazione pubblicati oggi dalla Segreteria di Stato dell’economia (Seco).

Se il lavoro ridotto ha contribuito in modo significativo alla stabilizzazione dell’economia elvetica durante la pandemia, non tutte le aziende che hanno ricevuto compensazioni ne avevano veramente diritto, ha spiegato Boris Zürcher, direttore della Divisione del lavoro presso la Seco. Insieme alla società di consulenza E&Y e PwC la Seco si è data molto da fare per scoprire gli abusi e lo sforzo ha dato i suoi frutti, ha aggiunto l’alto funzionario.

Finora sono state indagate 441 aziende e le autorità hanno sporto denuncia in 39 casi. Alla fine di giugno la Seco ha richiesto il rimborso di quasi 40 milioni di franchi versati a imprese: di questi sono stati recuperati 12 milioni. I costi dei controlli e dell’attività di revisione ammontano a 4,8 milioni di franchi.

Gli abusi vengono anche perseguiti, ma questo non è compito della Seco, bensì delle autorità giudiziarie competenti, ha sottolineato Zürcher. A questo proposito vengono osservate differenze in parte anche notevoli. "Nel Canton Ticino, ad esempio, vengono perseguite anche le violazioni più contenute che riguardano importi inferiori a 5’000 franchi, mentre altrove non si interviene in casi di importi molto più elevati", ha detto.

Dopo lo scoppio della pandemia all’inizio di marzo 2020 lo strumento dell’indennità per lavoro ridotto è stato utilizzato su larga scala in Svizzera: nell’aprile di quell’anno la disoccupazione parziale interessava 1,9 milioni di dipendenti in Svizzera, vale a dire il 37% del totale. Nel frattempo il lavoro ridotto si è quasi azzerato: in maggio – ultimi dati disponibili – ha interessato meno di 5’600 persone.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’
Il Decs ha chiarito i punti essenziali della vicenda e presentato le prossime linee di azione
Mendrisiotto
4 ore
‘Crassa leggerezza’, chiesta l’assoluzione del principe Selassié
Davanti alle Criminali di Mendrisio, la difesa evidenzia la mancanza di controlli degli accusatori privati. La sentenza sarà pronunciata alle 17
video
Locarnese
4 ore
Mattinata di... fuoco in via Luini a Locarno
Incidente in un distributore di benzina. Fortunatamente non si sono registrati feriti
Luganese
5 ore
Bissone, il Comune vince la causa civile per il Lido
La sentenza della Pretura di Lugano condanna la società, a cui vennero affidati i lavori di ristrutturazione, a risarcire l’ente locale di 533’000 franchi
Mendrisiotto
7 ore
Lastminute, l’inchiesta si allarga anche alla Ceo ad interim
Coinvolti ora nell’inchiesta anche altri ex e attuali dipendenti del rivenditore di viaggi e tempo libero online con sede a Chiasso
Locarnese
8 ore
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
9 ore
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
11 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino in zona diga del Lucendro
Ticino
11 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
20 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
© Regiopress, All rights reserved