laRegione
laR
 
22.07.22 - 05:20
Aggiornamento: 15:20

Marchesi (Udc): ‘La differenziazione a scuola serve a tutti’

Dopo che Alberto Siccardi ha definito ‘un’etichetta infamante’ i corsi A e B, il presidente democentrista tira dritto: ‘Diminuire divario con l’economia’

marchesi-udc-la-differenziazione-a-scuola-serve-a-tutti
Ti-Press
Si discute

"Perché imporre a dei giovani, in piena evoluzione, quella che diventa poi un’etichetta infamante?" si è chiesto sul sistema dei livelli alla scuola media, ieri su Spaziolibero, l’imprenditore vicino alla destra Alberto Siccardi. Una voce fuori dal coro da destra o sta cambiando qualcosa? La prima. «Noi siamo contrari a togliere delle difficoltà nella scuola, perché di fatto significa livellare tutti verso il basso e non è nell’interesse di nessuno» spiega a colloquio con ‘laRegione’ il presidente dell’Udc Piero Marchesi. Anche se «un ripensamento siamo d’accordo a farlo».

Come?

Su una cosa concordo con Siccardi, i livelli oggi sono percepiti in modo negativo. Non necessariamente per una questione di merito, ma per soggettività delle famiglie, delle imprese e dell’economia. Spesso e volentieri chi cerca un apprendista in materie tecniche, poniamo un elettricista, privilegia la matematica e si sa che se uno ha un livello B difficilmente potrà avere un buon percorso. Detto questo, qualcosa va fatto per migliorare la formazione. La nostra ricetta è semplice: dare pari possibilità di ottenere il massimo possibile al singolo individuo, ma anche riconoscere che ogni allievo è diverso dagli altri. Noi lo chiediamo con degli atti parlamentari da otto anni. I livelli A e B sono superati ma non si può toglierli instaurando una sorta di livello unico. Occorre pensare ad altri sistemi, noi ci ispiriamo anche a quanto avviene in Svizzera interna dove ci sono percorsi formativi differenziati. Per esempio un percorso che forma più verso l’apprendistato, e uno rivolto agli studi superiori pur dando la libertà al singolo allievo, attraverso i corsi passerella, di cambiare qualora avesse verificato che quella scelta non è la strada giusta. Non siamo neppure contrari ad allungare di un anno la scuola. La differenziazione va valorizzata, con nuovi strumenti. Non è però solo il "sistema" a dover cambiare ma anche il ritorno di una mentalità scolastica a favore del merito, del sacrificio, dell’impegno di chi la scuola la frequenta e dei genitori.

Che ruolo deve avere la formazione nell’ingresso nel mondo del lavoro?

Un ruolo importantissimo. Oggi, purtroppo, in parte formiamo disoccupati invece che professionisti. Mi spiego: va ascoltato di più il mondo economico dal momento che un giovane deve avere la prospettiva di lavorare e guadagnarsi da vivere, e può farlo se si va incontro alle esigenze dell’economia. Non è certamente la scuola a cambiarle, semmai è lei che deve orientarsi al mondo lavorativo pur dando a ognuno la possibilità di scegliere il percorso che meglio crede. Finché continueremo, come purtroppo fa il Decs oggi, a strutturare la scuola in modo impermeabile, rifiutandosi di guardare fuori dall’ambiente scolastico, non faremo certamente gli interessi degli allievi.

Aiti ha pubblicato uno studio sulle esigenze del mondo del lavoro nei prossimi anni. Una base di partenza o un legaccio?

Sicuramente una base di partenza. Apprezzo moltissimo lo sforzo di Aiti nel dare questo contributo, che oggi però deve essere fatto proprio dal Cantone, e dal Decs in modo particolare, per costruire e sviluppare le strategie del futuro. Faccio un esempio molto concreto: oggi vediamo che il settore farmaceutico in Ticino ha avuto un fortissimo sviluppo e dà anche prospettive di impiego. Purtroppo il cantone non ne sta per nulla approfittando, perché la gran parte dei nuovi impieghi sono frontalieri. Si è subito il fenomeno, e non è stato gestito nel modo ideale facendo in modo che il Cantone mettesse delle condizioni quadro perché questa economia si sviluppasse e per creare posti di lavoro qualificati per i residenti. In Ticino non c’è nessuna scuola che forma in questo ambito.

L’accusa che vi viene rivolta da sinistra è che volete una scuola esclusiva e ‘per i ricchi’.

Non è assolutamente vero. La dimostrazione è il mio esempio personale: ho iniziato la mia formazione come apprendista elettricista, ho fatto tutti i diplomi superiori e poi l’università. Oggi il sistema scolastico è certamente buono ma deve essere migliorato. Chi fa queste accuse, che trovo un po’ sterili e che rispedisco al mittente, le formula quando non si vuole concentrare sull’essenza. Cioè, come fare in modo di dare opportunità ai nostri giovani e di non formare disoccupati come stiamo purtroppo facendo oggi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
4 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
6 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
6 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
9 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
9 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
16 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
18 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
19 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
20 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
© Regiopress, All rights reserved