laRegione
18.07.22 - 14:37
Aggiornamento: 17:33

Lavoro e tratta di esseri umani, controllate aziende ticinesi

L’operazione, comune a livello europeo, presso aziende attive sul territorio cantonale: 5 le denunce per infrazioni alla Legge federale sugli stranieri

lavoro-e-tratta-di-esseri-umani-controllate-aziende-ticinesi
Foto: Europol

È di 177 persone controllate e 5 poi denunciate per infrazioni in urto alla Legge federale sugli stranieri e la loro integrazione (LStrl) il bilancio, per quanto riguarda il Ticino, delle verifiche svolte presso aziende attive nei settori dell’edilizia, dell’agricoltura, dei parrucchieri e degli estetisti nell’ambito di una settimana d’azione internazionale finalizzata a contrastare fenomeni legati alla tratta e allo sfruttamento di esseri umani nel mondo del lavoro. All’operazione, svolta fra il 15 e il 21 giugno 2022 hanno collaborato, oltre alla Polizia cantonale, anche la Polizia Città di Locarno, la Polizia comunale di Minusio, l’Ufficio dell’Ispettorato del lavoro (UIL), la Commissione paritetica cantonale (CPC) e l’Associazione interprofessionale di controllo (AIC).

L’operazione si inserisce nel quadro delle giornate d’azione comune (denominate Joint Action Days – JAD – e sostenute da Europol) guidate in Europa dai Paesi Bassi e co-guidate da Francia, Italia, Romania e Regno Unito e che coinvolgono in totale le forze dell’ordine di 29 Paesi, oltre che l’Autorità europea del lavoro e la Commissione europea. A livello svizzero vi hanno preso parte, con il coordinamento di fedpol, le polizie cantonali di Argovia, Ginevra, Nidvaldo e Zugo, l’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (UDSC) e la Polizia degli stranieri della Città di Berna (Frepo Bern).

Queste azioni sono state attuate nell’ambito della piattaforma multidisciplinare europea contro le minacce criminali, nota come EMPACT. Complessivamente la settimana d’azione ha mobilitato quasi 18’500 agenti, interessando più di 10’467 località, 32’525 veicoli e oltre 86’000 persone. I controlli hanno portato all’individuazione di un numero significativo di società legate a presunte violazioni del diritto del lavoro. Durante le ispezioni sono inoltre state identificate circa 500 persone sospettate di aver lavorato in nero.

Questo il bilancio, a livello europeo, della settimana d’azione:

  • 59 arresti;
  • 487 possibili vittime di diverse tipologie di sfruttamento individuate;
  • circa 1’100 lavoratori colpiti da violazioni alla legge sul lavoro;
  • 514 datori di lavoro collegati a possibili violazioni alle leggi sul lavoro;
  • 34 documenti falsi rilevati;
  • circa 80 nuove indagini avviate;
  • 715 nuove ispezioni/indagini amministrative.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
5 ore
Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’
Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore
Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’
Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
8 ore
Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia
Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Ticino
8 ore
Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà
Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
9 ore
Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole
Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
10 ore
Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps
A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Ticino
11 ore
Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’
Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Luganese
11 ore
Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace
Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
12 ore
Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio
I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
13 ore
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
© Regiopress, All rights reserved