laRegione
14.07.22 - 17:42
Aggiornamento: 19:34

Una consultazione tra i lavoratori ‘per lanciare il no a Avs 21’

Unia lancia la campagna contro la riforma dell’Avs alle urne il 25 settembre. Gargantini: ‘A rimetterci saranno soprattutto le donne’

una-consultazione-tra-i-lavoratori-per-lanciare-il-no-a-avs-21

«Avs 21 avrà un impatto devastante sui lavoratori del ceto medio-basso e, soprattutto, sulle donne». È con questo avvertimento che il sindacato Unia ha lanciato la campagna in vista della votazione del 25 settembre, quando i cittadini svizzeri saranno chiamati a esprimersi sulla riforma dell’assicurazione per la vecchiaia che prevede, oltre all’innalzamento dell’imposta sul valore aggiunto (Iva), il pensionamento delle donne a 65 anni. E proprio su questo punto si concentrano i discorsi dei contrari: «Si risparmieranno sulle spalle delle lavoratrici quasi 7 miliardi di franchi, che significa un taglio delle rendite di circa 1’200 franchi all’anno a danno delle donne. Questo nonostante già oggi le loro pensioni sono inferiori di un terzo rispetto a quelle degli uomini» ha affermato Chiara Landi, responsabile del settore terziario di Unia durante un incontro con i media.

‘Una consultazione tra i salariati’

L’intenzione del sindacato è quella di mettere al centro della campagna i lavoratori. Con un’attenzione particolare rivolta a quelli del commercio e dell’industria, dove la percentuale femminile è più marcata. «Andremo da loro. Organizzeremo degli incontri e proporremo una consultazione simbolica», ha spiegato Landi. «Sottoporremo ai diretti interessati lo stesso quesito che sarà sulle schede di voto in settembre. A fine agosto faremo poi lo spoglio per vedere qual è l’umore tra gli impiegati». Ma perché non aspettare l’esito delle urne? «Tanti lavoratori non hanno diritto di voto, perché stranieri residenti o frontalieri» ha detto Landi. «Si tratta di persone che contribuiscono alle casse dell’Avs e che subiscono le conseguenze di questo cambiamento senza poter dire la loro», ha puntualizzato il responsabile del settore industria di Unia Vincenzo Cicero. «Vogliamo evidenziare i limiti del nostro sistema democratico mostrando questa contraddizione. Alcuni settori economici in Svizzera, penso ad esempio all’orologeria, sono costruiti sul presupposto che le donne possono essere pagate meno».

‘Il pensionamento anticipato diventa un miraggio’

A preoccupare il sindacato sono anche alcune espressioni contenute nel testo della riforma. «Si vuole introdurre un concetto di pensionamento flessibile. Siamo preoccupati quando sentiamo parlare di ‘età di riferimento’ o di incentivi per lavorare anche dopo i 65 anni», ha proseguito Cicero. «È triste quando alcuni partiti parlano di ancorare l’età di pensionamento alla prospettiva di vita. In futuro si deve poter lavorare di meno». Il riferimento dei sindacati è a quelle professioni ritenute usuranti per il fisico. «Dover fare un anno in più di lavoro, quando si ha passato una vita a faticare in fabbrica, è un grande sforzo. Non possiamo fare questa richiesta alle lavoratrici». Questo anche perché, sottolineano Landi e Cicero, «il pensionamento anticipato è un miraggio per i lavoratori di tanti settori e per le donne, che hanno stipendi più bassi. Si va sempre di più verso una separazione di classe, dove solo i borghesi potranno permettersi di andare prima in pensione».

‘Il nostro sguardo rivolto ai prossimi anni’

«Vogliamo fare una campagna che porti avanti un discorso chiaro. Per questo il coinvolgimento dei lavoratori è fondamentale», ha ribadito il segretario cantonale di Unia Giangiorgio Gargantini. «La destra di fronte ad alcune sconfitte alle urne presenta degli scenari catastrofici nel caso di un ‘no’. Noi però vogliamo mettere al primo posto i lavoratori». L’orizzonte, avverte il sindacalista, non si limita comunque alla votazione del 25 settembre. «Il nostro sguardo è rivolto ai prossimi 2 o 3 anni. Alcune saranno lotte per difendere i diritti, sempre più minacciati, altri invece progetti propositivi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
2 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
5 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
5 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
5 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
11 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
13 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
14 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
15 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
16 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved