laRegione
13.07.22 - 21:01

‘Lotta all’inquinamento luminoso per ridurre gli sprechi’

Interrogazione Ps/Verdi al Consiglio di Stato. ‘Il tema assume grandissima rilevanza in vista dei problemi di approvvigionamento energetico’

lotta-all-inquinamento-luminoso-per-ridurre-gli-sprechi
E luce fu (Ti-Press)

Un modo per far fronte alle prospettate difficoltà di approvvigionamento energetico è la riduzione dell’inquinamento luminoso. Evitando così di sprecare elettricità. Ne sono convinti i deputati socialisti Fabrizio Garbani Nerini, Simona Buri e Daria Lepori e Matteo Buzzi dei Verdi. I quali tramite un’interrogazione, primo firmatario Garbani Nerini, sollevano il tema dell’eccesso di illuminazione artificiale (pubblica), ponendo un nutrito numero di domande al Consiglio di Stato.

È da mesi, si ricorda nell’atto parlamentare, che si parla "della sempre più probabile e sempre più vicina penuria energetica che investirà la Svizzera nel prossimo futuro". Per di più, rilevano, "in un contesto internazionale appesantito dall’aggressione militare dell’Ucraina, dalle sanzioni economiche imposte alla Russia, dalla sbandierata generale volontà di abbandonare rapidamente le forniture di combustibili fossili provenienti da quel paese, dalle contromosse adottate da Gazprom (improvvisi tagli all’erogazione di gas naturale a mo’ di ricatto), dal crescente prezzo dei vettori energetici, energia elettrica compresa". La Confederazione ha intanto varato un piano di sostegno alle aziende produttrici di energia elettrica. Altre misure sono all’orizzonte. "Nell’attesa, una parte della soluzione, probabilmente la più semplice e facile e sicuramente la meno esosa e onerosa, passa dalla riduzione dei consumi e, soprattutto, dall’eliminazione degli sprechi": in quest’ottica, sottolineano Garbani Nerini e colleghi, "anche la riduzione dell’inquinamento luminoso assume una grandissima rilevanza".
Contrasto all’inquinamento luminoso, il cui primo scopo "è la protezione della salute, della fauna e della flora da effetti dannosi e molesti, ma che di riflesso permette anche di contenere i consumi elettrici inutili". La lotta all’inquinamento luminoso, proseguono i quattro granconsiglieri, "è ufficializzata, istituzionalizzata, oramai da decenni, dalla promulgazione delle leggi sulla protezione dell’ambiente: quella federale del 1983 e quella cantonale di applicazione del 2004". Leggi che statuiscono "l’intervento, anche preventivo, di Cantone e Comuni con un ruolo attivo di vario genere, tra cui vegliare al fine di ‘prevenire gli effetti dannosi e molesti sull’ambiente e di adottare misure di limitazione di siffatti effetti alla fonte’".

‘Serve una forte campagna di sensibilizzazione’

Nel giugno dello scorso anno, si rammenta ancora nell’interrogazione, l’Ufficio federale dell’ambiente ha pubblicato un "corposo" rapporto contenente una serie di informazioni utili per le autorità competenti in materia di prevenzione e lotta all’inquinamento luminoso. Un documento, evidenzia l’atto parlamentare, "della massima importanza che, con i tempi che corrono, avrebbe dovuto smuovere e risollevare all’istante assopiti interessi e motivazioni nelle autorità competenti in materia, soprattutto comunali". E invece... "Una nostra recentissima ricerca fattuale nei siti ufficiali dei cento e poco più comuni ticinesi ha però purtroppo fornito risultati a dir poco desolanti: nemmeno un quinto delle istituzioni più vicine al cittadino ha promulgato normative specifiche in merito all’inquinamento luminoso (5 con un Regolamento approvato dai relativi legislativi e, successivamente, dalla competente autorità cantonale; 14 con un’ordinanza municipale)". Dunque, constatano Garbani Nerini e colleghi, "un pugno di virtuosi in un deserto normativo, a fronte di un’emergenza ambientale ed energetica sempre più pesanti e pressanti". Secondo i firmatari dell’interrogazione, "anche il Cantone, su questo fronte, non è sembrato particolarmente attivo, denotando una ridotta forza propulsiva: esemplare, a tal proposito, è la mancata diffusione e promozione del Regolamento cantonale sull’inquinamento luminoso".

I quattro deputati chiedono fra l’altro al Consiglio di Stato se non ritenga che sia tempo di promuovere "una forte campagna di sensibilizzazione" sul tema dell’inquinamento luminoso all’indirizzo dei Comuni e "a quanto potrebbe ammontare (in kWh) il risparmio energetico annuo se tutti i principali attori istituzionali, Cantone e Comuni, assumessero comportamenti virtuosi" in materia di lotta all’inquinamento luminoso. Inoltre: come valuta il governo "il problema dei grandi piazzali (parcheggi pubblici o privati, aziendali) e delle fermate dei servizi pubblici spesso illuminati a giorno durante tutta la notte in totale assenza di movimenti di veicoli e persone?".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
8 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
12 ore
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
12 ore
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
12 ore
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
20 ore
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
21 ore
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
21 ore
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
22 ore
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
23 ore
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
23 ore
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved