laRegione
10.07.22 - 15:38
Aggiornamento: 17:25

Como, il neosindaco passa ai fatti: rimosso Suv ticinese

È avvenuto ieri sera: l’auto era dove non doveva essere posteggiata. E così si è materializzato il caro attrezzi

di Marco Marelli
como-il-neosindaco-passa-ai-fatti-rimosso-suv-ticinese
Foto ‘Qui Como’
Il momento della rimozione

Insomma, non scherzava. Alessandro Rapinese lo scorso maggio durante la campagna elettorale per la elezione del sindaco e del Consiglio comunale aveva promesso un carro attrezzi dedicato alla rimozione dei veicoli dei «precisetti svizzeri» che parcheggiano «dove gli pare». Insomma, una dichiarazione di guerra, anche perché quello delle multe non pagate a Como dagli automobilisti stranieri continua ad essere un problema irrisolto. Eletto al ballottaggio dello scorso 26 giugno (grazie ai voti di Lega e Fratelli d’Italia), primo cittadino del capoluogo lariano, a quanto pare Rapinese (primo sindaco di Como in rappresentanza di una lista civica) sembra essere passato dalle parole ai fatti. Il carro attrezzi dedicato a rimuovere le vetture con targhe straniere, che – dati alla mano – sono perlopiù ticinesi, vetture che sostano in città indifferenti alle norme del codice della strada, si è materializzato ieri sera in via Grassi, in Ztl (zona a traffico limitato e autorizzato) per rimuovere un Suv, targa ticinese, parcheggiato lungo una via vicino a piazza Volta. «Ogni promessa è debito», ha commentato il neosindaco Rapinese, raggiunto telefonicamente dal portale ‘Qui Como’, che ha dato la notizia.

Per quanto è dato sapere il proprietario del Suv, che evidentemente non era a conoscenza della dichiarazione di guerra di Rapinese o forse si era illuso che fosse una promessa elettorale alla quale non sarebbero seguiti i fatti, è tornato in possesso del suo veicolo dopo aver pagato una salatissima multa, comprendente il divieto di sosta (98 euro) e l’intervento del caro attrezzi (100 euro). Una rimozione forzata quella di sabato sera in via Grassi, centro cittadino, che gli automobilisti stranieri debbono mandare a memoria. Insomma, un monito se non vogliono rimanere appiedati e poi pagare salatissime multe. A conferma che il problema degli automobilisti stranieri che non pagano le contravvenzioni per divieto di sosta a Como (ma anche a Milano e negli altri comuni di frontiera) è molto avvertito. La Polizia locale del capoluogo lariano ha di recente ribadito di avere «solo armi spuntate».

Una proposta di legge presentata dal parlamentare comasco Alessio Butti (Fratelli d’Italia) all’insegna dello slogan "Non paghi? Non parti’’ sin qui non ha avuto seguito. Prevedeva il fermo amministrativo del veicolo contravvenzionato sino al pagamento della multa. Per quanto è dato sapere la proposta di legge non è stata approvata per via del fatto che sarebbe di non facile applicazione. Per comprendere la portata del problema, stando al bilancio del comando della Polizia locale di Como, ammonta ad oltre 300mila euro, la media degli ultimi anni, il valore delle multe non pagate dagli automobilisti ticinesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
31 min
‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’
Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Luganese
31 min
Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’
Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
6 ore
‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’
Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Luganese
11 ore
Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale
Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
11 ore
Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’
Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Bellinzonese
12 ore
Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone
È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Bellinzonese
12 ore
Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni
Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Ticino
13 ore
Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’
Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Bellinzonese
13 ore
Bellinzona, un’opera che ‘aumenta la qualità di vita’
Inaugurata ufficialmente la passerella ciclopedonale della Torretta che collega il centro storico turrito a Carasso e che valorizza la mobilità lenta
Locarnese
14 ore
Arcegno, la prima vendemmia al ‘Vigneto di Luca’
Vissuta come una festa da giovani e adulti la raccolta dell’uva. Dal 2024 le bottiglie saranno vendute a scopo benefico
© Regiopress, All rights reserved