laRegione
08.07.22 - 20:03

‘Era considerato uno scenario improbabile, ma siamo pronti’

La raccomandazione di una quarta dose per gli over 80 ha attivato le autorità ticinesi. Zanini: ‘In autunno i vaccini aggiornati contro le varianti’.

era-considerato-uno-scenario-improbabile-ma-siamo-pronti
Ti-Press
Da martedì somministrazioni alle persone con 80 e più anni

Via libera alla quarta dose per le persone con più di 80 anni. L’aumento dei contagi da coronavirus delle ultime settimane - oltre 2mila da lunedì solo in Ticino - ha spinto l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) ad accelerare i tempi, raccomandando il secondo richiamo già da subito. Da martedì 12, informa una nota congiunta dei dipartimenti Sanità e socialità e Istituzioni, verranno quindi somministrate le dosi del secondo ‘booster’ a chi si annuncerà tramite la piattaforma online www.ti.ch/vaccinazione o telefonando alla hotline cantonale (0800 128 128, tutti i giorni dalle 8 alle 17). «Lo consideravamo uno scenario poco probabile già in estate, ma eravamo pronti a reagire. Lo scopo è proteggere i grandi anziani. Sono la categoria più a rischio e quella che ha visto trascorrere più tempo dall’ultima dose», spiega il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini a ‘laRegione’. Il dispositivo messo in campo in Ticino prevede il potenziamento del centro vaccinale di Quartino e la riattivazione di quello a Tesserete. Le iniezioni verranno effettuate anche negli studi medici. «Un gruppo di dottori ha già dato la disponibilità, se poi parteciperanno tutti dipende anche dal momento. Alcuni studi, visto il periodo, hanno magari diversi collaboratori in vacanza».

‘Da prevedere anche una quinta dose in autunno’

Il piano prevede di poter arrivare a somministrare fino a 10mila dosi nelle prossime tre settimane, contando anche le case anziani dove le inoculazioni verranno fatte come in passato direttamente nelle strutture. Tutto dipenderà però da quale sarà la richiesta da parte della popolazione. «Ci sono pareri molto divergenti all’interno del gruppo vaccinazione, tra chi si aspetta un tasso di adesione piuttosto elevato e chi invece più basso», afferma il farmacista cantonale. «La scelta è anche in base al tipo di vita che una persona conduce e a quanti contatti ha quotidianamente. Vaccinarsi adesso per un over 80 vuol dire comunque verosimilmente fare una quinta dose in autunno, quando ci sarà una versione aggiornata del vaccino più efficace contro le varianti che circolano al momento». Perché allora fare un’iniezione anche adesso? «Il motivo è sempre lo stesso: evitare decorsi gravi. Sappiamo infatti che il vaccino attuale non protegge dalla possibilità di contagiarsi o contagiare con le varianti Omicron Ba.4 e Omicron Ba.5».

‘Non sappiamo quante dosi avremo a disposizione in autunno’

Vaccino aggiornati che dovrebbero arrivare dopo settembre. È infatti stata inoltrata la domanda di omologazione, una procedura che dovrebbe risolversi più velocemente rispetto al passato poiché si tratta di una modifica a un vaccino già omologato. «Resta ancora da capire il quantitativo che avremo a disposizione, vista la grande richiesta che ci sarà anche in altri paesi», avverte Zanini. «Non ci troveremo certo nella situazione d’inizio 2021, con poche dosi. Ma nemmeno con la grande abbondanza che abbiamo ora».

‘La comunicazione da Berna arrivata all’ultimo’

Martedì della prossima settimana entreranno dunque in funzione i due centri vaccinali. «Avremmo potuto essere operativi già oggi, se l’Ufficio federale della sanità pubblica ci avesse informato con alcuni giorni di anticipo dell’avvio della somministrazione della quarta dose alle persone con 80 o più anni: invece la comunicazione da Berna è arrivata solo martedì di questa settimana, a poche ore dalla conferenza stampa tenuta dall’Ufficio federale – commenta, da noi interpellato, il colonnello Ryan Pedevilla, capo in seno al Dipartimento istituzioni, della Sezione cantonale del militare e della protezione della popolazione –. Prudenzialmente avevamo comunque mantenuto in prontezza operativa le strutture di Quartino e Tesserete, tenuto conto, peraltro, che l’allestimento di un centro vaccinale richiede fra tutto due, tre settimane». Per ora, assicura Pedevilla, i due centri, uno nel Sopra e l’altro nel Sottoceneri, e gli studi medici che si sono messi a disposizione «dovrebbero bastare, secondo i calcoli fatti, per soddisfare le richieste di chi vuole la quarta dose: se necessario, siamo ovviamente pronti ad attivare le altre strutture vaccinali».

‘Non andate nei centri vaccinali durante le ore più calde’

Una quindicina i militi della Protezione civile che da martedì verranno impiegati nelle due strutture. «Otto a Quartino e sette a Tesserete – spiega Pedevilla –. In ognuno dei due centri saranno inoltre presenti un medico, un team di soccorritori e il personale per la preparazione dei vaccini da somministrare». Considerate le alte temperature di questo periodo e l’età che rende particolarmente vulnerabili le persone intenzionate a vaccinarsi, il responsabile della Sezione del militare e della protezione della popolazione invita le stesse «a non recarsi nei due centri nelle ore diurne centrali, quelle cioè più calde».

‘Quarta dose per viaggiare: poche richieste’

La quarta dose da qualche settimana era già disponibile, ma a pagamento e "per scopi non medici", segnala l’Ufficio federale della sanità pubblica sul proprio sito. La decisione era stata presa dalla Confederazione per andare incontro alle richieste di chi, con il certificato in scadenza, aveva la necessità di prolungarlo per recarsi all’estero. «La scelta di offrire a pagamento il secondo richiamo ci ha lasciati piuttosto perplessi», riprende Zanini. «In Ticino vengono fatte a Quartino, presentando una prescrizione medica». Si tratta in ogni caso di cifre molto contenute: sono 86 le inoculazioni di questo tipo già eseguite. La maggior parte dei paesi europei, quelli più gettonati per le vacanze estive, non richiede infatti più un certificato.

‘Nuova ondata pandemica, valgono le stesse preziose raccomandazioni’

«Bene ha fatto il Dipartimento sanità e socialità – evidenzia il presidente dell’Ordine ticinese dei medici Franco Denti – a chiedere nuovamente la disponibilità degli studi medici a collaborare e quindi a riproporre, nella somministrazione della quarta dose alle persone con 80 e più anni, anche il concetto di prossimità. Pure stavolta il medico potrà così spiegare a questi pazienti piuttosto vulnerabili, vista l’età, l’importanza di vaccinarsi».

Alla luce dell’aumento dei contagi, Denti non ha dubbi: «Siamo purtroppo alle prese con una nuova ondata pandemica, per cui in questi casi valgono per il momento le solite ma preziose raccomandazioni a titolo preventivo». Fra queste, indica il presidente dell’Ordine dei medici: «Usare la mascherina sui mezzi di trasporto e nei negozi, evitare gli assembramenti al chiuso e lavarsi le mani con una certa frequenza. Come sempre, è il buonsenso che deve prevalere».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
1 ora
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
1 ora
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
11 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
12 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
15 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
17 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
2 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
2 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
© Regiopress, All rights reserved