laRegione
08.07.22 - 18:32
Aggiornamento: 19:22

Cuochi, camerieri e lavapiatti: dal Comasco al Ticino

Bassi salari in Italia ed è la fuga. I sindacati: non c’è da stupirsi...

di Marco Marelli
cuochi-camerieri-e-lavapiatti-dal-comasco-al-ticino
Ti-Press
Cucina... insubrica. Ma stipendi diversi

Forse non sorprende il fatto che nel Comasco (ma succede in tutta la fascia di confine) dopo medici, infermieri, insegnanti e ingegneri (soprattutto informatici), mai come quest’anno scappano in Ticino anche cuochi, camerieri e lavapiatti. Una fuga molto avvertita in queste ultime settimane che coincide con una forte ripresa del turismo che, primi dati alla mano, va oltre gli anni pre-Covid e sta mettendo in crisi numerose strutture turistiche, in primis quella della ristorazione. Il perché della fuga in Ticino è lo stesso per il quale continua a gonfiarsi il frontalierato che di mese e in mese raggiunge nuovi primati: la busta paga, quando tanti lavoratori del turismo sul versante comasco (ovviamente la considerazione ha valenza nazionale) che se non proprio sfruttati sono ancora troppo spesso sottopagati o costretti a subire contratti in cui si chiede la disponibilità totale, anche in termini di orario, compensandola con stipendi che in altri settori si raggiungono con un part-time. Cinque euro all’ora il compenso medio di un lavapiatti comasco che riesce a guadagnare anche 1’500 euro netti al mese, per 60 ore alla settimana e comprensivo di festività, lavoro notturno festivo, rate di 13sima e 14esima: è quanto previsto in una lettera di assunzione di un noto albergo comasco.

"Anche per questo non c’è da stupirsi se chi può scappa a lavorare negli alberghi e nei ristoranti svizzeri, che oltre a pagare bene applicano alla lettera, o quasi, i contratti. Non è un caso quindi che mai come quest’anno registriamo domande di dimissioni volontarie da parte di dipendenti del settore turismo, a fronte di continue richieste di personale da parte degli operatori – sostiene Fabrizio Cavalli, segretario della Filcams Cgil di Como, sindacato che dati alla mano è intervenuto nella polemica secondo cui non si trovano lavoratori in quanto preferiscono starsene a casa grazie al reddito di cittadinanza –. Inoltre, ci arrivano richieste di vertenze per violazione delle normative contrattuali e per assunzioni non regolari con lavoro nero o più spesso grigio. Quindi con contratto part-time, ma lavoro full time". In questa situazione, stando al sindacato, versano molti dei 26mila addetti impiegati nel settore, il 9% della forza lavoro totale delle due province lariane (17’500 a Como e 8’600 a Lecco). "Troppo spesso si lavora per 6 giorni pieni alla settimana e non 5 giornate e mezza – prosegue Cavalli –. Inoltre, l’orario di 40 ore viene superato, in particolare nella ristorazione, già al quarto giorno di lavoro". Servono una contrattazione di secondo livello aziendale e territoriale magari accompagnata da premi che oltretutto godono di sgravi fiscali. "Chi consente il lavoro nero e il lavoro grigio nella sua azienda compie concorrenza sleale nei confronti degli altri imprenditori – sottolinea Umberto Colombo, segretario generale della Cgil Como –. Con l’aumento del turismo, i fondi in arrivo dal Pnrr dobbiamo incrementare un lavoro di rete fra parti sociali e associazioni datoriali". La Cgil il suo contributo ha deciso di darlo aumentando la propria presenza in Alto Lago e nei comuni del Ceresio comasco, dove si concentra l’offerta turistica della provincia lariana.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
1 ora
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
2 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
3 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
Ticino
3 ore
Docenti, ne mancano di tedesco e matematica
Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’
Bellinzonese
4 ore
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumuli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Bellinzonese
7 ore
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
8 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
8 ore
Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps
L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
il video
Bellinzonese
9 ore
Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’
Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
© Regiopress, All rights reserved