laRegione
naturale-ecologico-diciture-ingannevoli-da-regolare
Ti-Press
05.07.22 - 18:48
Aggiornamento: 19:06

‘Naturale’, ‘ecologico’. Diciture ingannevoli ‘da regolare’

Frequenti sulle confezioni dei prodotti, secondo i risultati di un sondaggio delle organizzazioni dei consumatori influenzano notevolmente gli acquisti

L’uso delle diciture ambientali che figurano sui prodotti va regolamentato. È quanto sostiene "la stragrande maggioranza" dei 3’500 consumatori provenienti da tutta la Svizzera che hanno partecipato a un sondaggio condotto dall’Alleanza delle organizzazioni dei consumatori, ovvero Konsumentenschutz, Frc, Associazione consumatori della Svizzera italiana (Acsi). Come informa una nota di quest’ultima, la maggior parte dei partecipanti ritiene che l’uso di affermazioni come "CO2 neutrale", "ecologico", "biodegradabile" debba essere regolato dalla legge, cosa che attualmente avviene solo "in piccolissima parte".

"Sebbene non rappresentativa – scrive l’Acsi –, questa indagine ha anche permesso di dimostrare l’innegabile influenza delle affermazioni ‘green’ sulla percezione dei prodotti, in particolare quando i consumatori si trovano a fare una scelta con poco tempo a disposizione". Per questo motivo, aggiungere un prato verde sull’imballaggio di un prodotto a base di pollo, dei fiori su una crema o una pigna su un prodotto per la pulizia del Wc "influenza la loro percezione e fa ritenere gli articoli in questione più ecologici di quanto non lo siano".

Lotta al ‘greenwashing’

Il sondaggio, secondo i promotori, ha anche permesso una migliore comprensione del peso dato dai consumatori ad alcune diciture ambientali. Ad esempio il termine "naturale" secondo il 39% dei partecipanti implica che un alimento non sia iper-lavorato. Il 25% ritiene anche che non contenga residui di pesticidi e che sia sano. "Nella realtà, nulla di tutto questo è garantito, in quanto l’uso del termine ‘naturale’ non ha alcun quadro legale". Ciò vale anche nel caso dei prodotti cosmetici o di pulizia dove circa un terzo dei partecipanti ritiene che i prodotti ‘naturali’ non contengano sostanze nocive per l’essere umano o l’ambiente. Tutto questo "dimostra la forza di queste diciture, in grado di influenzare i consumatori".

I risultati – si legge – rivelano anche che "i marchi ambientali sono poco conosciuti e spesso confusi con semplici loghi che non garantiscono il rispetto di esigenze precise e non sottostanno a controlli di organi indipendenti". Se messa a confronto con la realtà di questi loghi o altre diciture senza alcun fondamento, "la maggioranza degli interpellati si sente tratta in inganno da queste pratiche di ‘greenwashing’".

"Porteremo questa richiesta, perfettamente legittima, a Berna – sottolinea la segretaria generale Acsi Laura Regazzoni Meli –. Non vi è alcuna ragione per la quale i consumatori svizzeri debbano essere meno protetti rispetto agli altri consumatori europei". Nei Paesi vicini, aggiunge, "l’attuazione della Direttiva sulle pratiche commerciali sleali mette in primo piano la lotta contro il greenwashing. Paesi come Francia e Italia hanno adottato proprie linee guida per integrare queste disposizioni. La Svizzera farebbe bene a fare dei passi in questo senso".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
acsi diciture greenwashing
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
L’eredità del padre sparita: ‘Lui col fucile voleva spaventarlo’
Tentato assassinio di Agno: il 22enne giovedì avrebbe sottratto la somma alla nonna ed è scomparso. La disperata ricerca da parte del padre e gli spari
Ticino
2 ore
L’impresa sostenibile, tra marketing e realtà
A colloquio con l’economista Marialuisa Parodi sulla cosiddetta ‘finanza Esg’, basata cioè su rating di adeguatezza ambientale e sociale
Luganese
5 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
8 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
11 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
20 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
21 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
22 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
22 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
23 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
© Regiopress, All rights reserved