laRegione
mafie-in-ticino-il-pool-cantonale-non-serve
Ti-Press
03.07.22 - 15:41
Aggiornamento: 16:08

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’

Allo stato attuale la creazione di un pool per affrontare e proporre misure contro il fenomeno della mafia in Ticino non è ritenuta necessaria. Questo, data "la buona collaborazione fra Autorità cantonali e federali, le quali, a loro volta, hanno buoni contatti con i loro partner esteri". Sono le conclusioni a cui giunge il Consiglio di Stato nel messaggio relativo alla mozione di Matteo Quadranti (Plr) "Mafie in Ticino: è ora di un pool cantonale".

Nell’atto parlamentare il deputato liberale radicale chiedeva in particolare: "L’immediata designazione di due procuratori pubblici, uno per l’ambito finanziario e uno per quello dei reati di polizia, che vengano formati e fungano da persone di contatto col Ministero pubblico della Confederazione o col pool; l’immediata designazione di più poliziotti, con formazione ad hoc, aventi compiti speciali per le questioni in oggetto e che possano poi fungere da istruttori e contatti con le Polizie comunali che sorvegliano il territorio a scopo preventivo; la dichiarazione, o meglio attività politica, da parte delle autorità cantonali a fronte di quelle federali in sostegno alla richiesta del procuratore federale Mastroianni di adozione urgente di normative di perseguimento penali più adeguate".

‘Proposta di fatto già attuata’

Nel messaggio, il governo motiva la propria conclusione spiegando che con la Strategia di lotta alla criminalità 2020-2023 elaborata dal Dipartimento federale di giustizia e polizia (Dfgp) "tra le misure previste per combattere la criminalità organizzata è stato creato il progetto Countering organised crime (Coc), che prevede che sia coordinata e concordata più strettamente la collaborazione interdisciplinare tra gli attori del perseguimento penale e altre autorità della Confederazione e dei Cantoni".

La Polizia cantonale, rende noto il Consiglio di Stato, "collabora con fedpol monitorando alcuni aspetti legati al fenomeno della criminalità organizzata", e ha inoltre proceduto alla sensibilizzazione "di tutti i coordinatori dipartimentali dell’Amministrazione cantonale in merito ai rischi generali legati alle organizzazioni criminali". Secondo il governo la proposta di istituire un gruppo di lavoro risulta pertanto "di fatto già attuata per il tramite dell’adesione al programma Coc".

Quanto all’adeguamento del quadro normativo, per il Consiglio di Stato è di "fondamentale importanza che dette proposte possano essere condivise con le preposte autorità federali allo scopo di assicurarne la massima efficacia nell’interesse di un contrasto su scala nazionale. In questo contesto le autorità di perseguimento penale e amministrative del nostro Cantone procedono a incanalare le loro suggestioni nei flussi previsti dal programma Coc, rispettivamente coinvolgendo le competenti autorità a livello federale, qualora le misure di contrasto si inseriscano nell’ambito amministrativo".

Quadranti: ‘Risposta insoddisfacente’

Da noi interpellato, Quadranti giudica questa risposta «insoddisfacente», e assicura: «Per quanto mi riguarda il mio atto parlamentare non è evaso, quindi porterò il dossier nella commissione competente per affrontarlo a dovere con tutte le audizioni e gli approfondimenti che saranno necessari per far luce su questo tema».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mafia matteo quadranti messaggio consiglio stato mozione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 ora
L’eredità del padre sparita: ‘Lui col fucile voleva spaventarlo’
Tentato assassinio di Agno: il 22enne giovedì avrebbe sottratto la somma alla nonna ed è scomparso. La disperata ricerca da parte del padre e gli spari
Ticino
3 ore
L’impresa sostenibile, tra marketing e realtà
A colloquio con l’economista Marialuisa Parodi sulla cosiddetta ‘finanza Esg’, basata cioè su rating di adeguatezza ambientale e sociale
Luganese
6 ore
Flp, lunghe attese e ritardi coi bus sostitutivi
Alcune persone questa mattina non sono riuscite a salire sui mezzi troppo pieni
Mendrisiotto
8 ore
Age e Aim, la rete idrica è sempre sottopressione
Rimangono in vigore le raccomandazioni all’uso parsimonioso dell’acqua e i divieti. La situazione è critica, ma alcuni Comuni riescono a cavarsela
Locarnese
11 ore
Tegna, ‘no alla variante che finirà per cancellarci’
L’Associazione sportiva preoccupata per le mire pianificatorie del Municipio per la zona dei Saleggi, con il sacrificio del campo da calcio (e del club)
Ticino
20 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
22 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
22 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
23 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
23 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
© Regiopress, All rights reserved