laRegione
quarta-dose-per-viaggiare-disponibile-a-pagamento
Ti-Press
Il presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds), Lukas Engelberger auspica un secondo richiamo per tutti
02.07.22 - 05:30
Aggiornamento: 10:03

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.

L’arrivo della bella stagione e l’inizio delle vacanze hanno segnato la ripresa dei viaggi che, dopo due anni di pandemia, sono tornati anche a toccare mete lontane. C’è però una domanda che preoccupa chi, carte d’imbarco alla mano, è pronto a volare verso località esotiche: "Il mio certificato Covid è valido?". Non tutti i Paesi hanno infatti lasciato cadere completamente le restrizioni, come fatto dalla Svizzera e dalla maggior parte degli stati europei. Trovare le informazioni necessarie può rivelarsi un’operazione complicata, come hanno scoperto diversi ticinesi che proprio in questi giorni stanno prenotando le vacanze dei prossimi mesi. A preoccupare è soprattutto la scadenza dei certificati Covid elvetici, con molti cittadini che hanno fatti la terza dose (il famoso ‘booster’) ormai quasi sei mesi fa. Cosa fare quindi? Va infatti ricordato che la quarta dose non è né approvata ufficialmente da Swissmedic, l’autorità di regolamentazione degli agenti terapeutici, né raccomandata dalla Commissione federale per le vaccinazioni per il pubblico in generale. A rispondere è direttamente la Confederazione: "È possibile che per un viaggio all’estero sia comunque necessario sottoporsi a un’ulteriore vaccinazione di richiamo, che è disponibile in strutture di vaccinazione designate dai cantoni". La possibilità esiste dal 10 giugno, quando il Consiglio federale "ha acconsentito l’accesso a una vaccinazione di richiamo anche per scopi non medici. Si tratta principalmente di vaccinazioni per viaggiare".

Spese e responsabilità... a carico del viaggiatore

La quarta dose, quindi, è disponibile se si ha la necessità di prolungare il proprio certificato. Ma al di fuori dell’omologazione di Swissmedic e senza la raccomandazione dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). "A eccezione delle persone con un sistema immunitario fortemente indebolito, attualmente da un punto di vista medico ed epidemiologico non è necessaria un’ulteriore vaccinazione di richiamo. Anche per le persone particolarmente a rischio è più opportuno effettuarla soltanto quando il numero d’infezioni tornerà a salire, poiché la protezione vaccinale è massima nelle settimane e mesi subito dopo la vaccinazione", spiega l’Ufsp. A carico del viaggiatore è anche il costo dell’iniezione. Il prezzo è fissato dai singoli cantoni e si aggiro intorno ai 60 franchi. Ma come deve leggere il cittadino la possibilità di ottenere una quarta dose ma la mancanza (per ora) dell’omologazione da parte di Swissmedic? Ieri non siamo riusciti a ottenere una risposta da parte dell’Ufficio del medico cantonale, che ha rinviato all’inizio di settimana per ulteriori aggiornamenti.

Meno problematico è invece il rientro in Svizzera. Al momento nessuna nazione o regione figura nell’elenco dei paesi o delle regioni che presentano una variante preoccupante del virus. Sul sito dell’Ufficio federale della sanità è inoltre possibile trovare una serie d’informazioni e raccomandazioni. Il consiglio delle autorità è quello di documentarsi bene su quelle che sono le regole d’accesso nei paesi di destinazioni. Discorso analogo anche per quanto riguarda i mezzi di trasporto.

La richiesta: ‘Un altro booster è da consigliare a tutti’

La situazione potrebbe però presto cambiare. Il presidente della conferenza dei direttori cantonali della sanità (Cds), Lukas Engelberger, ritiene infatti che si debba al più presto raccomandare una seconda dose di richiamo contro il Covid. Il basilese, in un’intervista pubblicata ieri dalla ‘Basler Zeitung’, ha ricordato che la protezione contro il virus diminuisce con il passare del tempo. "È importante che la quarta vaccinazione possa essere offerta molto rapidamente", ha sostenuto Engelberger, ricordando che "a Basilea Città aspettiamo solo la raccomandazione della Confederazione per iniziare il prima possibile con le inoculazioni". Per il medico cantonale basilese "il Covid non va preso alla leggera, nonostante la pandemia sia in corso da oltre due anni. È una malattia contagiosa che può essere molto pericolosa per alcune persone".

Leggi anche:

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lukas engelberger medico cantonale quarta dose swissmedic ufsp
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
9 min
Un successo i corsi estivi di italiano per allievi non italofoni
L’offerta straordinaria è stata attivata dal Decs in seguito al recente arrivo in Ticino di oltre 800 bambini in età scolastica soprattutto dall’Ucraina
Bellinzonese
3 ore
La corsia preferenziale in funzione anche a Ferragosto
Dopo l’eccellente riscontro, l’Ufficio federale delle strade ripropone il progetto ‘Cupra’ pure in questo weekend
Locarnese
4 ore
Palagnedra, il ‘Premio Posta’ al Comune di Centovalli
Attribuito dal Gigante Giallo per il recupero dello storico sentiero pedestre che unisce le due frazioni di Moneto e Palagnedra
Luganese
4 ore
Bianchetti: ‘La perdita di Borradori ci ha disorientati’
Assieme a scuola e in politica, vicini di casa. A un anno dalla morte dell’ex sindaco, il ricordo del primo cittadino: ‘La Lega di Lugano sta soffrendo’.
Luganese
6 ore
Quei due giorni vissuti in una sorta di limbo
L’improvvisa scomparsa dell’ex sindaco suscitò momenti di agitazione e forte preoccupazione e lasciò la città ‘sospesa nel vuoto’ in una sorta di limbo
Bellinzonese
9 ore
Fuggi fuggi dal bistrot: ‘Progetto etico rivelatosi una truffa’
Stipendi non versati, niente ferie e continue pressioni: è la situazione lavorativa descritta da alcuni ex dipendenti del Cerere Bio Bistrot di Bellinzona
Luganese
9 ore
Un anno fa scomparve Borradori, Foletti: ‘L’assenza si sente’
Il sindaco di Lugano ci racconta i suoi sentimenti personali e come sono mutate le dinamiche e gli equilibri all’interno del Municipio
Gallery
Bellinzonese
16 ore
Una raccolta fondi per scendere più in profondità
L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
16 ore
In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore
A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
18 ore
Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’
Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
© Regiopress, All rights reserved