laRegione
il-lungo-addio-della-fashion-valley-ticinese
Depositphotos
24.06.22 - 05:30
Aggiornamento: 18:32

Il lungo addio della Fashion Valley ticinese

La partenza di molte firme della moda solleva parecchi interrogativi su un settore in costante cambiamento. Il punto con Spartaco Greppi, economista Supsi

"Un tempo, figliolo, qui era tutta Fashion Valley": una rete di colossi della moda che arrivò in Ticino nei primi anni Duemila. Centinaia di imprese, migliaia di posti di lavoro – perlopiù frontalieri – e decine di milioni di gettito fiscale. Negli ultimi anni, però, è iniziato un fuggi fuggi: marchi come Armani e Gucci hanno lasciato Mendrisio, Sant’Antonino, Cadempino e altri comuni, chiudendo i loro centri e cancellando, insieme al lavoro, anche le entrate per le casse pubbliche. Come siamo arrivati fin qui? E come si potrebbe ripartire? Ne parliamo con Spartaco Greppi, economista presso il Dipartimento di economia aziendale, sanità e sociale della Supsi.

In Ticino, tutto sommato, la moda non è solo una moda: è almeno da un secolo che sul territorio, specie a ridosso del confine, si sono insediate fiorenti attività tessili e dell’abbigliamento. Che impronta hanno lasciato?

Fin dall’inizio dello scorso secolo il Ticino forniva condizioni ideali per questo comparto, a partire dalla disponibilità di manodopera a basso costo: frontaliera, certo, ma in un primo tempo anche residente. D’altronde c’era anche chi cuciva in casa, a cottimo. Ma il cantone offriva anche un quadro politico e strutturale integrato in quello svizzero, tale da attrarre gli investimenti delle storiche imprese – si pensi a Calida – che avevano la loro sede a ridosso delle Alpi, in cantoni come Lucerna, Glarona e San Gallo. Fu così che da noi si concentrò la produzione, mentre le attività commerciali e dirigenziali rimasero oltre Gottardo. Certo, una certa esperienza a livello imprenditoriale si è sedimentata anche da noi, ma nelle catene del valore siamo rimasti un anello a basso valore aggiunto.

Negli anni Novanta però, in concomitanza con un’accelerazione della globalizzazione, il settore conobbe una forte crisi, bruciando in pochi anni migliaia di posti di lavoro. Cos’era successo?

Molte aziende decisero di spostare la produzione in Europa orientale e sudorientale, o ancora in Oriente, in Paesi quali Bangladesh e Vietnam. Certi luoghi di produzione, un tempo penalizzati dalla distanza e da altre variabili di carattere economico e politico, divennero più convenienti del Ticino. Il comparto dovette reinventarsi: fu un percorso arduo e accidentato.

Poi arrivarono i grandi marchi del lusso: Zegna, Armani, Gucci e via dicendo. Come fu possibile?

Credo si sia trattato di un insieme di scelte e di occasioni diverse. L’industria del lusso cercava sedi che fornissero vantaggi non solo in termini di tassi di cambio e differenziali salariali, ma anche di ‘condizioni quadro’. Il Ticino sfruttò l’occasione, puntando proprio sulla stabilità di tali condizioni, e allo stesso tempo introducendo incentivi specifici: trattamenti fiscali privilegiati e particolari agevolazioni nell’accesso alla proprietà e nella conseguente costruzione di sedi.

E di capannoni. Stando a un’approfondita analisi realizzata da ‘Ticinonline’, nel 2013, 191 su 494 aziende del ‘metasettore’ moda appartenevano al ramo ‘commercio di capi d’abbigliamento e logistica’. Parliamo di 3’660 posti di lavoro, quasi il 50% del totale. La logistica prese il posto della produzione?

In effetti, fu soprattutto la possibilità di sviluppare un perno logistico sul territorio, lungo l’asse nord-sud, che si dimostrò un vantaggio strategico per il cantone, sempre insieme a un costo della manodopera relativamente basso: parliamo non solo di magazzinieri, ma anche di tutti quei lavoratori a contratto, free-lance, stagisti spesso utilizzati ad esempio per servizi informatici, marketing e comunicazione in condizioni assai precarie.

Poi c’era il ‘profit shifting’: la possibilità di spostare la contabilizzazione dei profitti globali di un’impresa qui, beneficiando di accordi fiscali particolarmente vantaggiosi.

Per molte aziende fu decisiva la possibilità di fare quello che vediamo anche in altri Paesi e presso molte multinazionali, si pensi alle grandi piattaforme social o dell’e-commerce: impostare strutture che permettessero di sottoporre a imposizione fiscale in Ticino anche il valore prodotto di fatto altrove, facendo passare da qui la filiera in modo molto cursorio. L’esempio un po’ aneddotico è quello del capannone in cui arrivano i capi, ai quali si attacca semplicemente un’etichetta prima di spedirli altrove.

Una specie di ‘tana libera tutti’ che però ci ha permesso di godere di un immenso gettito fiscale: l’Istituto di ricerche economiche nel 2015 lo stimava a 90 milioni di franchi annui, su una cifra d’affari di circa 10 miliardi. Per le persone giuridiche, parliamo di oltre il 30% del totale cantonale.

La moda portò effettivamente qui un enorme gettito fiscale, ma rimase molto ‘cantieristica’, senza sviluppare qualcosa di più sostenibile e duraturo dal punto di vista delle professioni che richiedono formazioni più elevate e generano maggiore valore aggiunto. Per questo si è anche trattato di un settore un po’ avulso dal tessuto lavorativo e sociale ticinese, quasi ‘invisibile’.

Di visibile, però, ci sono almeno due cose: da una parte le strutture pubbliche – case comunali, scuole, giardinetti – verosimilmente ‘pagati’ da questi grandi contribuenti. Dall’altra, gli sgorbi edilizi e il traffico. Che bilancio possiamo trarne?

Nel breve periodo il beneficio fiscale è stato certamente positivo, e l’arrivo di nuovi attori ha arginato le conseguenze della partenza dei loro predecessori. Dall’altra parte, però, troviamo le esternalità negative: il traffico, l’inquinamento, la cementificazione, dunque un generale deterioramento della qualità della vita. Il tutto per un settore per definizione esclusivo, non solo perché ‘di lusso’, ma anche in termini di impiego: è rimasta fuori dalle loro porte la nostra ‘economia cognitiva’, tutti quei professionisti, spesso giovani, che avrebbero sì potuto mettere a disposizione le loro competenze avanzate, ma non per i salari e nei termini offerti da queste imprese. L’inversione di tendenza di questi anni ci mostra come i vantaggi iniziali si stiano dimostrando aleatori.

In effetti, si direbbe che ora la marea si stia ritirando. Un caso esemplare: ‘braccato’ dal fisco italiano e francese, un gigante come Kering è di fatto tornato in Italia. Di circa ottocento dipendenti, ne resterebbero qui poco più di duecento. Secondo un’indagine di ‘area’, già nel 2019 è bastato il ‘riassetto’ fiscale dell’azienda per azzoppare il gettito delle persone giuridiche, sceso complessivamente di oltre 50 milioni a livello cantonale e di circa 15 per i comuni con sedi dell’azienda (Cadempino, Sant’Antonino, Bioggio, Vezia). Ora i milioni di entrate pubbliche a rischio per l’intero ‘metasettore’ potrebbero essere addirittura 200. Cosa sta succedendo?

C’entra sicuramente il fatto che gli altri Paesi si sono mossi per evitare certe pratiche di ‘ottimizzazione’ fiscale, con leggi, riforme e controlli volti a ricostituire una certa equità. Questo ha cambiato radicalmente il calcolo costi/benefici per le imprese. Segno, tra l’altro, che non possiamo più sperare di rispondere al problema con ulteriori sgravi – cercando di attirare qui l’ennesimo ‘salvatore’ – o puntando sul basso costo del lavoro, come facevamo fino a qualche tempo fa. Nel frattempo è lo stesso settore della moda che – complici anche la pandemia e le crisi di approvvigionamento globali – è stato costretto a ristrutturarsi radicalmente.

Cosa significano queste partenze per il tessuto sociale ticinese, in particolare per quello dei comuni coinvolti?

Assistiamo allo svuotamento di capannoni, sedi, infrastrutture che però lì restano, e che si dovrà decidere se e come riutilizzare. È un problema non da poco, che non può essere risolto solo al livello dei singoli comuni, ma richiede un coinvolgimento del Cantone e della sua politica. Peccato che, nel frattempo, si sia deciso di rispondere legandosi le mani con ricette all’insegna dell’austerità, pretendendo di contenere le spese senza alzare le tasse. Al netto dell’impatto specifico sull’imposizione fiscale di questo o quel comune, alla fine si rischia di dover tagliare servizi e socialità, il tutto in una realtà che da un punto di vista professionale e anagrafico ne avrà sempre più bisogno. Proprio nel momento in cui si tratterà di ripensare radicalmente lo sviluppo del tessuto economico di importanti aree del cantone, si rischia di non poter neppure investire a sufficienza per farlo.

Sempre a ‘Ticinonline’ Marina Masoni, ex consigliera di Stato Plr e presidente di Ticinomoda, ha dichiarato che per rilanciare il settore occorre lavorare di più sulla formazione, salvaguardare i patti bilaterali con le aziende che esportano e rivedere le aliquote per le aziende. Cosa ne pensa?

Come detto, il contesto europeo rende sempre più difficile puntare sulla competizione fiscale. D’altronde, sono le stesse aziende a non puntare più in modo prioritario su vantaggi di questo tipo. Quello degli sgravi poi è un tema delicato: può avere senso introdurne, ma solo se si incoraggia l’arrivo di imprese sostenibili e a elevato valore aggiunto, capaci di creare impiego ed esternalità positive per il territorio. Fino a ora, infatti, l’esclusione dei residenti dagli impieghi della moda era dettata dal profilo retributivo e dalle possibilità di carriera sul lungo periodo, più che da questioni di formazione.

Siamo sicuri che nel nostro futuro debba esserci proprio la moda?

Per uno sviluppo armonico occorre guardare a diversi settori, dalla biochimica all’informatica avanzata ai servizi sanitari e culturali, ridefinendo anche noi le catene del valore come sta avvenendo a Milano e a Zurigo. Questi poli economici non stanno fermi, e anche noi qui nel mezzo dovremmo cercare di attrarre aziende che non contribuiscano alla devastazione del territorio. L’idea dovrebbe essere quella di creare un ecosistema all’altezza per attività economiche capaci di contribuire al benessere locale in senso ampio.

Altrimenti?

Altrimenti si fa come si è fatto finora, anche con i contribuenti privati: si sgravano i più ricchi nella speranza che qualcosa della loro ricchezza ‘sgoccioli’ sul territorio creando ricchezza e lavoro, e che un giorno, chissà, ci tocchi perfino qualche eredità. Ma la correlazione tra sgravi di questo tipo e generazione di ricchezza è privo di dimostrazione empirica. In più si rilancia un’idea di economia che nel lungo periodo finisce per renderci più poveri e più vulnerabili. Sarebbe invece ora di rispondere davvero ai problemi e alle contraddizioni che economisti come Francesco Kneschaurek e Angelo Rossi avevano già individuato, rispettivamente negli anni 60 e 70. Vediamo già svilupparsi eccellenze da valorizzare in vari settori, e comunque sia, non possiamo più permetterci di essere solo il cantone degli sgravi, dei capannoni e dei cantieri.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fashion valley moda
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
1 ora
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
2 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
2 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
2 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
2 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
3 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
3 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
3 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
5 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
5 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved