laRegione
laR
 
15.06.22 - 16:11
Aggiornamento: 16.06.22 - 16:16

Salario minimo, il governo: ‘Nella legge anche per i distaccati’

Il Consiglio di Stato, dopo il no alla mozione Abate a Berna, sfrutta il margine cantonale. Vitta: ‘Ora il principio è più solido‘. Durisch: ’Soddisfatto’

salario-minimo-il-governo-nella-legge-anche-per-i-distaccati
Ti-Press
Prima era solo nel Regolamento. Parola finale al Gran Consiglio

Detto, fatto. Bocciata ieri dal Consiglio degli Stati, e definitivamente, la mozione dell’ex ‘senatore’ Fabio Abate che chiedeva come i datori di lavoro esteri fossero tenuti a rispettare i salari minimi cantonali per i distaccati in Svizzera, il governo ticinese imprime un cambio di passo. Annunciato ieri a ‘laRegione’ dal direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta, oggi il Consiglio di Stato ha licenziato un messaggio con il quale - in risposta a un’iniziativa parlamentare elaborata di Ivo Durisch (Ps) - propone al Gran Consiglio una modifica non da poco.

"A scanso di ogni equivoco", si legge nel rapporto governativo, la proposta è quella di concretizzare nella Legge sul salario minimo quanto già definito nel Regolamento, ovvero "modificare l’articolo 2 capoverso 1 della Legge per estendere il campo d’applicazione a tutte le persone che lavorano sul territorio cantonale".

Vitta: ‘Abbiamo fatto tutto quello che potevamo’

Una modifica, rileva a ‘laRegione’ il direttore del Dfe Christian Vitta, «che ha lo scopo di dare un po’ più di solidità a questo principio. Chiaramente avremmo preferito fosse adottato a livello federale perché avrebbe dato ancora più forza e uniformità di applicazione in Svizzera, ma con questa nostra decisione che accoglie la richiesta di Durisch si avrà la possibilità di sottoporre alla legge tutti i rapporti di lavoro, interinali compresi». Insomma, prosegue Vitta, «sicuramente abbiamo fatto quello che era nelle nostre possibilità sfruttando il margine che avevamo a livello cantonale. Sperando che regga».

Durisch: ‘Bene, ma ora pensiamo all’inflazione’

Soddisfatto è anche il capogruppo socialista Ivo Durisch che da noi raggiunto commenta che «benché penso e spero che la presa di coscienza sia precedente alla bocciatura agli Stati di ieri di questa mozione» adesso «c’è un atto chiaro e formale che tutela il salario minimo e tutti i lavoratori, perché questa del mancato assoggettamento a norma di legge dei distaccati era una maglia troppo larga per il tessuto economico del nostro Cantone».

È soddisfatto ma rilancia, Durisch. Perché «per noi il problema resta sempre il montante di questo salario minimo, che è insufficiente, e vogliamo aumentarlo a 21,50 franchi orari per tutti con la nostra iniziativa popolare». Ma nel frattempo, l’auspicio del capogruppo del Ps è che «siccome avremo il 3% di inflazione, che andrà a erodere quanto siamo riusciti a ottenere in più di salario minimo rispetto alla proposta governativa, mi aspetto una chiara posizione dal governo stesso applicando questo rincaro ai salari: su un montante di 20 franchi orari si andranno a perdere 70 centesimi di inflazione».

Leggi anche:

Gli Stati affossano il salario minimo ai lavoratori distaccati

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore
Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
1 ora
Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’
Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
1 ora
Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”
Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Mendrisiotto
11 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
11 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
12 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
12 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
13 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
13 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
13 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
© Regiopress, All rights reserved