laRegione
14.06.22 - 19:06

Povertà minorile, ‘assegni familiari per uscire dall’assistenza’

A chiederlo è il gruppo Ps in Gran Consiglio con un’iniziativa parlamentare generica. In Ticino il fenomeno riguarda 1’300 famiglie e il 3,5% dei minori

poverta-minorile-assegni-familiari-per-uscire-dall-assistenza
Ti-Press

"Assegni familiari per togliere dalla povertà e dall’assistenza tutte le famiglie con minori". È quanto chiede con una un’iniziativa parlamentare generica il gruppo di Ps in Gran Consiglio. Nello specifico, i socialisti propongono di modificare la legge sugli assegni di famiglia, ed eventualmente anche la Laps e altre leggi, "in modo da eliminare la necessità di ricorrere all’aiuto sociale (assistenza sociale) per le famiglie con figli minorenni a carico".

La povertà che colpisce i minori, scrive il gruppo in una nota, "ha effetti negativi sul lungo periodo, in quanto pone i bambini e i giovani in situazione di difficoltà nell’ambito della salute, della sfera sociale (accesso allo sport e alla cultura, scarso riconoscimento sociale) e nel contesto scolastico/formativo". Allo stesso tempo "anche i genitori in difficoltà finanziarie soffrono per le rinunce e le restrizioni che devono imporre ai propri figli".

In Ticino il fenomeno riguarda 1’300 famiglie e il 3,5% dei minorenni. "Quest’ultimo dato è interessante – valutano gli iniziativisti – poiché a livello federale il tasso di aiuto sociale ai minori si attesta al 5,2%". Per il Ps questo significa che la strada intrapresa dal Cantone Ticino fin dal 1997 nelle questioni di politica familiare, "anche grazie alle proposte del Ps Ticino come ad esempio la stessa l’armonizzazione delle prestazioni sociali, ha dato i suoi frutti".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
16 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
17 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
18 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
19 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
20 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
20 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved