laRegione
12.06.22 - 17:03
Aggiornamento: 23:26

I Verdi dicono sì alla lista comune con il Ps

Fra i punti salienti dell’incontro degli ecologisti, svoltosi in presenza a Cadenazzo, il progetto di una lista di area per il Consiglio di Stato

i-verdi-dicono-si-alla-lista-comune-con-il-ps
Verdi

Quando si dice dare luce verde. È questo anche il caso del partito degli ecologisti i cui membri, durante l’assemblea ordinaria di oggi a Cadenazzo, hanno detto sì all’esplorazione del progetto di una lista di area per il Consiglio di Stato, proposta anticipata sabato scorso da ‘laRegione’. "La guerra in Ucraina ha messo in evidenza che la dipendenza dalle energie fossili oltre a essere dannosa per il clima è deleteria per l’economia e l’indipendenza elvetica". Ora, affermano i Verdi al termine dell’assemblea, "dopo due anni di pandemia, le conseguenze del caro energia e il rallentamento dell’economia si fanno sentire nel quotidiano di ciascuno di noi, sommando l’emergenza sociale a quella climatica".

Ma il conflitto – e conseguenze annesse – non è l’unica preoccupazione degli ecologisti. Vi si aggiunge infatti anche la "deriva populista" (nostrana ma non solo) di chi "da una parte fa promesse da marinaio millantando un facile pareggio di bilancio senza effettuare tagli dolorosi, e dall’altra si impegna a suon di iniziative a diminuire le entrate aumentando ulteriormente il disavanzo. Insomma, invece d’investire nella ripresa e nel futuro, sostenendo popolazione e transizione energetica, si chiede al ceto medio e alle persone fragili di tirare la cinghia mentre si preparano gli sgravi per chi guadagna oltre 350’000 franchi".

È questa "deriva" che i Verdi, prosegue il comunicato, "sono determinati a contrastare impegnandosi a costruire una lista di area per il Consiglio di Stato alle prossime cantonali, capace di cambiare gli equilibri del governo. Il Gruppo operativo degli ecologisti ha chiesto e ottenuto a larga maggioranza dalla base riunita in assemblea, l’incarico di esplorare il progetto di lista comune con il Ps, ponendo le seguenti condizioni di partenza: essere considerati alla pari offrendo a tutte e tutti i candidati della lista le stesse opportunità di riuscita, le candidate e i candidati al governo dovranno condividere valori e programma, e per finire, i futuri nominativi, una volta identificati, saranno avallati dai diversi gremi".

Inoltre, secondo i Verdi, "per riuscire a cambiare le forze di governo sarà necessario non solo confermare un seggio progressista ma puntare al raddoppio. Per questa ragione si chiede che le forze politiche coinvolte nell’area mettano in campo le migliori energie per affrontare il futuro e per mobilitare le rispettive basi elettorali".

Leggi anche:

Cantonali 2023, Ps e Verdi sempre più vicini alla lista unica

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
1 ora
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
3 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
3 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
12 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
13 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
13 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
14 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
15 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
15 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
© Regiopress, All rights reserved