laRegione
ricettazione-e-riciclaggio-di-oro-in-ticino-in-tre-a-processo
Ti-Press
01.06.22 - 10:14
Aggiornamento: 02.06.22 - 18:36
di Marco Marelli

Ricettazione e riciclaggio di oro in Ticino, in tre a processo

Giudizio immediato per gli arrestati in Ticino per un traffico di 60 kg d’oro proveniente per lo più da furti in abitazioni

Giudizio immediato per i tre presunti responsabili di ricettazione e riciclaggio in Canton Ticino di 60 chilogrammi di oro, proveniente per lo più da furti in abitazioni. Il decreto è stato firmato stamane dal giudice delle indagini preliminari Federico Belli del Tribunale di Asti su richiesta del pubblico ministero Gabriele Fiz, sostituto della Procura astigiana, che ha condotto l’inchiesta scaturita nel febbraio scorso in un blitz che aveva portato in carcere gli attuali imputati. Sono accusati di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio di oro in concorso di quattro uomini (tre italiani ed uno svizzero) arrestati in Canton Ticino. La loro posizione sarà vagliata dalla giustizia svizzera.

L‘inchiesta ticinese è coordinata dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo che nei confronti dei quattro indagati, residenti nel Mendrisiotto (2), nel Locarnese e nel Luganese (lo svizzero), ipotizza i reati di riciclaggio aggravato, falsità in documenti e ricettazione per mestiere. Nel Mendrisiotto risiede un 62enne piemontese, titolare di una piccola fonderia nella quale, stando all’accusa, i 60 chilogrammi riciclato sarebbero stati trasformati in lingotti. I tre, per i quali si profila il processo già nelle prossime settimane, sono un 51enne di Correggio (Reggio Emilia), conosciuto come ‘’Ricky’’, un 53enne, detto ’’Provolino’’ e un 48enne, conosciuto come ‘’Gigante’’. Gli ultimi sono astigiani. Tutti e tre sono appartenenti alla comunità dei nomadi sinti. Per l’accusa, capo dell’organizzazione sarebbe ’’Ricky’’ che da quanto risultata da intercettazioni ambientale sollecitava gli altri due a trovargli oro e a venderglielo, dato che aveva trovato il canale giusto per trasformarlo in lingotti.

Un canale da Asti a Mendrisio, passando da Brogeda, come documentato dai carabinieri del Nucleo operativo del capoluogo astigiano che in più occasioni hanno pedinato ‘’Ricky’’ anche in Canton Ticino, in quanto autorizzati a controlli anche in territorio svizzero. L’inchiesta, che iniziata nel settembre dello scorso anno, ha fatto emergere un traffico illecito di oro per un valore di 5 milioni di euro, con il giudizio immediato per i tre imputati che a breve andranno a giudizio, si è chiusa lasciando però aperto un mistero per niente trascurabile: la provenienza di 35 chilogrammi di lingottini di metallo giallo sequestrati in occasione del blitz dello scorso febbraio: il ‘’tesoro’’ era nel baule di autovettura parcheggiata nel garage di una abitazione abbandonata di San Giusto Canavese. Il proprietario della casa inizialmente indagato per concorso in riciclaggio è stato scagionato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
oro ricettazione riciclaggio ticino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
1 ora
Condanna bis al comandante della polizia William Kloter
Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Bellinzonese
2 ore
Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio
In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Ticino
2 ore
Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio
L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
3 ore
Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio
L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
3 ore
Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista
Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
3 ore
‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate
Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Locarnese
3 ore
Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali
Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
3 ore
A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole
Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
5 ore
Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo
Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Ticino
5 ore
TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati
La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
© Regiopress, All rights reserved