laRegione
laR
 
31.05.22 - 18:04
Aggiornamento: 18:21

Permessi, Quadranti ritira l’atto prima della firma dei rapporti

Colpo di scena in commissione ‘Giustizia’. Il deputato del Plr: ‘Ho preso atto che c’è stato un cambio di rotta da parte del Dipartimento istituzioni’

permessi-quadranti-ritira-l-atto-prima-della-firma-dei-rapporti
Ti-Press
Alla Gestione decidere se attivare l’alta vigilanza

Colpo di scena sul ‘fronte permessi’ e i relativi controlli per rilasci e rinnovi, nato (anche) dalle testimonianze raccolte da ‘Falò’ (Rsi). Con la Commissione parlamentare della gestione orientata a capire il destino del dossier in commissione ‘Giustizia e diritti’ prima di decidere se attivare o meno l’alta vigilanza, oggi è arrivato l’inaspettato fulmine a ciel sereno: il liberale radicale Matteo Quadranti, alla vigilia della firma in ‘Giustizia e diritti’ (prevista domani) del rapporto ormai redatto da Cristina Maderni (Plr) ed Enea Petrini (Lega) ha ritirato la propria mozione con cui, dopo un intervento di Aiti e Camera di Commercio che denunciavano "una strategia antistranieri che danneggia l’economia", chiedeva al governo che non si facesse mobbing con i permessi di domicilio e dimora e una precisazione su direttive, strategia e obiettivi sul tema. I motivi del ritiro? «Ho preso atto che c’è stato un cambio di rotta da parte del Dipartimento istituzioni – spiega Quadranti da noi interpellato –. Per il futuro vigilerò con molta attenzione affinché non si ritorni a situazioni non conformi, e per il passato se la Gestione riterrà di dover verificare l’operato potrà sicuramente farlo».

E come è stata recepita in commissione la novità del giorno? «In commissione ne parleremo forse domani, diciamo che personalmente sono abbastanza stupita, anche perché il rapporto era già pronto» rileva a ‘laRegione’ la correlatrice Cristina Maderni. Quadranti si è detto confortato dai passi in avanti fatti, è quanto affermava il vostro rapporto? «La situazione relativa ai permessi si è evoluta anche a seguito di importanti sentenze del Tribunale federale (Tf) che hanno imposto delle modifiche, noi abbiamo svolto un’analisi dinamica. La mozione chiedeva una presa di posizione del governo sui punti fermi delle procedure, e il Consiglio di Stato ha fornito la sua risposta prima di queste sentenze del Tf. Motivo per cui avremmo chiesto un aggiornamento di quella presa di posizione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’
La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Locarnese
2 ore
‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’
Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
Locarnese
2 ore
‘Il mare mi ha detto: sei in gamba, ma oggi son troppo forte io’
Alessandro Veletta, a causa delle forti correnti, non ha concluso la traversata a delfino dello Stretto di Messina. Ma la sua resta un’impresa benefica
Mendrisiotto
3 ore
Chiasso festeggia l’autunno e i suoi sapori
La 14esima edizione della festa, abbinata alla Sagra cantonale del miele, è in programma domenica 16 ottobre
Bellinzonese
5 ore
I dipendenti di Bellinzona: ‘Meritiamo un carovita del 4-5%’
La Commissione del personale chiede al Municipio di compensare integralmente i mancati adeguamenti dal 2010 a oggi: sarebbero 5 milioni annui in più
Ticino
8 ore
Con l’autunno i contagi riprendono vigore anche in Ticino
Coronavirus, in sette giorni quasi duemila nuove infezioni (+78% rispetto alla settimana precedente). Ospedalizzazioni in sensibile aumento
Mendrisiotto
9 ore
‘Salviamo la Biblioteca islamica di Chiasso’
Punto di ritrovo e di scambio culturale, adesso rischia di chiudere. Lanciata una raccolta fondi
Ticino
12 ore
Cantonali ’23, Gianella (Plr): ‘Sarò nella lista per il governo’
La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
Bellinzonese
13 ore
Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’
La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
13 ore
Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti
Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
© Regiopress, All rights reserved