laRegione
farmaindustria-un-settore-solido-e-vivace
Keystone
Giorgio Calderari, presidente di Fit dal 2009, lascerà la presidenza
30.05.22 - 18:10
Aggiornamento: 18:27

Farmaindustria, un settore solido e vivace

La crescita è robusta sia in termini quantitativi che qualitativi. Superata la pandemia, c’è l’incognita della guerra

Quaranta più due. Sono gli anni di attività di Farma Industria Ticino, l’associazione di categoria della farmaceutica ticinese. «In realtà il giubileo del quarantesimo cadeva nel 2020, ma a causa della pandemia i festeggiamenti sono stati annullati. Ora è il momento per sottolineare i quarant’anni», spiega Giorgio Calderari, presidente di Farmaindustria (Fit) che all’assemblea del prossimo 15 giugno rassegnerà le dimissioni dopo 13 anni alla guida dell’associazione. Anni che hanno visto il settore farmaceutico in Ticino crescere sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo. «Gli associati sono 44, di cui 36 membri ordinari, due start-up e 6 associati ad altro titolo. I dipendenti sono 3mila per un fatturato globale che supera i 2,5 miliardi di franchi. Ogni anno, inoltre, vengono versati più di 275 milioni (compresi gli oneri sociali)», continua Calderari. Insomma, un settore in ‘salute’ come dimostrano le performance in termini di fatturato, occupati e monte salari saliti costantemente dal 2005 con un’impennata da ‘hockey stick’, dalla caratteristica forma del grafico che richiama un bastone da disco sul ghiaccio, dal 2010. «Gli ultimi due anni sono stati caratterizzati dalla pandemia da Covid-19 e gli strascichi delle strozzature nella catena globale di fornitura si sono fatte sentire», spiega il presidente di Fit. La mancanza di fiale in vetro, monopolizzato dalla domanda per i vaccini, è stata una spina nel fianco di tutta la filiera internazionale. Ma anche la scarsità di cartone per gli imballaggi, di tappi e altri prodotti necessari a tutta l’industria, hanno pesato. «Pensavamo di essere usciti da questa situazione ed è giunta la guerra di aggressione della Russia all’Ucraina che ha portato altre incertezze in un mondo globalizzato, tanto che molti investimenti programmati sono stati procrastinati. Lo spirito imprenditoriale però non è venuto mai meno e si sono trovate altre vie per supplire alla scarsità», continua Calderari.

Due giorni per sottolineare il giubileo

Tornando alla celebrazione del quarantesimo, il presidente di Farmaindustria ricorda che sono previste due giornate (il 14 e il 15 giugno) al Palazzo dei Congressi di Lugano. La formula scelta è quella della congresso-fiera. «È un modo per avvicinare la popolazione, i giovani e tutti gli stakeholder al mondo chimico e farmaceutico ticinese. Ci saranno quattro aree tematiche (ricerca, formazione continua, formazione di base e responsabilità sociale d’impresa) e 15 aziende espositrici», spiega da parte sua Daniela Bührig, direttrice di Farmindustria. Nel pomeriggio del 14 giugno, dalle 14.30, ci sarà anche un Pharma Summit con al centro la figura del paziente. «È un evento per addetti ai lavori, ma non solo. I pazienti e le loro organizzazioni stanno diventando sempre più influenti e il loro potere nel processo decisionale sta aumentando. Grazie a un panel di relatori internazionali (per la ricerca ci sarà il professor Franco Cavalli, ndr), si discuterà del ruolo del settore farmaceutico in questa trasformazione e di come le aziende farmaceutiche possano contribuire a elevare la voce dei pazienti», commenta Giorgio Calderari.

Il giorno dopo, il 15 giugno, ci sarà l’assemblea vera e propria di Farmaindustria che vedrà l’elezione di un nuovo comitato e quindi un nuovo presidente al posto del dimissionario Calderari. Il tardo pomeriggio vedrà un ospite d’eccezione come Mauro Lustrinelli, ex calciatore della Nazionale svizzera e attuale allenatore della Nazionale under 21 che dialogherà attorno al tema dei talenti. Talenti che non sono solo sportivi. «Farmaindustria da tre anni ha lanciato un progetto per cercare di attirare in Ticino laureati e professionisti con radici nel cantone. In questi anni qualcuno ha trovato occasioni di lavoro e sviluppo personale anche a Sud delle Alpi, in quella che chiamo una sorta di ‘multinazionale diffusa’», precisa Calderari. La manifestazione si concluderà con un concerto (‘Riconoscenza e Rinascita’) che vuole essere una forma di ringraziamento nei confronti del lavoro svolto dal personale sanitario durante la pandemia. I Barocchisti, diretti da Diego Fasolis, suoneranno per l’occasione ‘Le quattro stagioni’ di Vivaldi.

Life science, il futuro anche per il Ticino

Sempre nel corso dell’assemblea verranno resi noti i risultati di uno studio commissionato al Bak economics sul settore delle scienze della vita in Ticino. Un settore che è diventato un pilastro dell’economia regionale. Un settore che abbraccia oltre alla farmaceutica anche il MedTech, il BioTech e tutto l’ambito medicale in generale. E i dati sono promettenti: le life science contribuiscono all’8,5% del Pil cantonale (2,7 miliardi di franchi su 32,3 miliardi totali) con il 3% della forza lavoro (5’800 addetti su un totale di 197mila occupati). Ma è la performance in termini di crescita che colpisce: +17,1% di media l’anno negli ultimi dieci anni: più della media svizzera (+13,4%) e molto più della crescita dell’economia in generale (+2,2% in Ticino di media e +2% in Svizzera).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calderari farmaindustria pandemia russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 ore
La corsia preferenziale in funzione anche a Ferragosto
Dopo l’eccellente riscontro, l’Ufficio federale delle strade ripropone il progetto ‘Cupra’ pure in questo weekend
Locarnese
2 ore
Palagnedra, il ‘Premio Posta’ al Comune di Centovalli
Attribuito dal Gigante Giallo per il recupero dello storico sentiero pedestre che unisce le due frazioni di Moneto e Palagnedra
Luganese
3 ore
Bianchetti: ‘La perdita di Borradori ci ha disorientati’
Assieme a scuola e in politica, vicini di casa. A un anno dalla morte dell’ex sindaco, il ricordo del primo cittadino: ‘La Lega di Lugano sta soffrendo’.
Luganese
5 ore
Quei due giorni vissuti in una sorta di limbo
L’improvvisa scomparsa dell’ex sindaco suscitò momenti di agitazione e forte preoccupazione e lasciò la città ‘sospesa nel vuoto’ in una sorta di limbo
Bellinzonese
8 ore
Fuggi fuggi dal bistrot: ‘Progetto etico rivelatosi una truffa’
Stipendi non versati, niente ferie e continue pressioni: è la situazione lavorativa descritta da alcuni ex dipendenti del Cerere Bio Bistrot di Bellinzona
Luganese
8 ore
Un anno fa scomparve Borradori, Foletti: ‘L’assenza si sente’
Il sindaco di Lugano ci racconta i suoi sentimenti personali e come sono mutate le dinamiche e gli equilibri all’interno del Municipio
Gallery
Bellinzonese
15 ore
Una raccolta fondi per scendere più in profondità
L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore
In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore
A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
16 ore
Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’
Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
17 ore
Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero
L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
© Regiopress, All rights reserved