laRegione
offerta-straordinaria-di-corsi-per-bambini-non-italofoni
Ti-Press
Profughi ucraini
20.05.22 - 18:27

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)

Negli ultimi mesi sono giunti in Ticino più di ottocento bambini e giovani in età scolastica provenienti dall’Ucraina devastata dalla guerra, oltre ad altri bambini non italofoni provenienti da altri luoghi. Considerato l’elevato numero di giovani non italofoni e la probabile permanenza di diversi di loro anche durante l’anno scolastico 2022/2023, il Dipartimento educazione, cultura e sport ha messo a punto, in collaborazione con la Fondazione Lingue e sport, un’offerta straordinaria di corsi intensivi base di italiano, distribuiti in tutte le regioni del cantone e in programma per i mesi di luglio e agosto. Duplice, spiega il Decs, l’obiettivo dell’iniziativa: "Da un lato si vuole promuovere una rapida ed efficace integrazione linguistica e sociale dei bambini e dei giovani non italofoni presenti sul territorio, dall’altro si vuole facilitare il lavoro ordinario di integrazione che le scuole continueranno a garantire durante il prossimo anno scolastico".

I corsi dedicati agli allievi non italofoni, in età di scuola elementare e scuola media, sono facoltativi, ricorda il Dipartimento. Saranno tenuti da alcuni degli oltre duecento docenti professionisti delle scuole ticinesi. I corsi hanno una durata di una o due settimane e prevedono al mattino lezioni di italiano affiancate in alcuni casi da attività sportive, culturali e ricreative pomeridiane svolte con altri bambini e ragazzi già iscritti ai corsi organizzati da Lingue e sport. La partecipazione ai corsi per bambini e giovani non italofoni a beneficio di prestazioni sociali (ad esempio, per giovani in possesso di un permesso S, attribuiti al Canton Ticino al momento dell’inizio del corso e a beneficio di prestazioni sociali) è gratuita e sarà presa a carico dal Cantone facendo capo anche ai contributi federali destinati all’integrazione degli stranieri. Per gli altri iscritti, indica ancora il Decs, il costo è a carico dei singoli partecipanti. Maggiori informazioni e iscrizioni sulla pagina: www.linguesport.ch/extra. Il termine di iscrizione per i corsi di luglio scade il prossimo 8 giugno, quello per i corsi di agosto il 15 giugno. La conferma dell’iscrizione, la convocazione e le informazioni organizzative, spiega ancora il Dipartimento, "verranno inviate tramite e-mail dopo i termini di iscrizione. In caso di mancata partecipazione ai corsi per i quali ci si è iscritti, gli organizzatori si riservano di fatturare dei costi amministrativi per la rinuncia".

Per ulteriori informazioni: corsiextra@linguesport.ch oppure +41 79 630 21 51 tra le 9 e le 12 (risponderà una persona che parla anche ucraino e russo).

Il Decs ricorda inoltre che per gli allievi tra i 15 e i 18 anni residenti in Ticino provenienti dall’Ucraina che frequentavano una formazione postobbligatoria (liceo o formazione professionale), prosegue anche durante l’estate il progetto Q-UA (Qualification for Ucraina), gestito dall’Istituto della transizione e sostegno (Its). Questo progetto comprende l’insegnamento intensivo della lingua italiana, la presentazione del territorio e del sistema scolastico svizzeri ed è mirato all’accompagnamento nell’inserimento in una formazione postobbligatoria in Ticino o in una misura di sostegno alla transizione a partire dall’anno scolastico 2022/2023. Giovani in età di scuola postobbligatoria che ancora non fossero iscritti sono invitati dal Decs ad annunciarsi telefonicamente al numero verde 0800 095 095 oppure via e-mail a decs-qua@ti.ch.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bambini scuola scuola elementare scuola media ucraina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
1 min
Bioggio: fermato un cantiere, indizi di reperti archeologici
Proprietario di una casa in costruzione ‘bloccato’ per dar luogo alle indagini dell’Ufficio cantonale dei beni culturali
Bellinzonese
1 ora
La ’ndrangheta prende il treno: inchiesta terminata a Milano
Probabile rinvio a giudizio per i fratelli Rossi, titolari anche della Gcf di Bellinzona indagata in Ticino (cantiere Monte Ceneri) ma non in Italia
Locarnese
1 ora
Frontale scooter-auto a Corcapolo, ferite gravi per il centauro
L’incidente intorno alle 15.45 sulla strada cantonale all’altezza dell’intersezione per Calezzo. Il ferito portato in ospedale da un elicottero della Rega
Ticino
1 ora
Livelli a scuola, ‘usiamoli come indicatori e non come criteri’
È una delle proposte del Consiglio cantonale dei giovani, che chiede anche 5 anni di scuola media e maggiore sensibilizzazione su droghe e alcol
Ticino
4 ore
Legge sulla polizia, al via la consultazione per la revisione
Il nuovo disegno ha come obiettivo di permettere alle autorità di svolgere le proprie attività con maggiore efficacia e chiarezza
Luganese
6 ore
Urc 2022, il bilancio della sicurezza è positivo
Lo Stato Maggiore Urc 2022 sottolinea come i disagi per la popolazione siano stati ridotti al minimo e l’adattabilità del dispositivo approntata
Bellinzonese
7 ore
‘Il canone va comunque pagato’: sconfessata Sa di Cadenazzo
Il Taf respinge il ricorso ribadendo le regole del nuovo sistema di prelievo (imposta, non più tassa) in vigore dal 2019 in Svizzera per le imprese
Bellinzonese
13 ore
Preonzo, residenti sotto la montagna ‘stufi degli allagamenti’
Gli abitanti della via Cadmónn sollecitano il Municipio affinché si trovi una soluzione alla discesa a valle di acqua e detriti in occasione di nubifragi
Mendrisiotto
13 ore
Operatori di prossimità, gli altri Comuni ci sono
Dopo la separazione di Mendrisio, nove enti locali sono pronti a confermare il sostegno al Servizio regionale. Se ne parlerà entro fine luglio
Locarnese
13 ore
Brione Verzasca, luce verde ai semafori
Il legislativo ha accolto il credito per la loro installazione. Permetteranno di assicurare maggior fluidità al traffico nella strettoia del paese
© Regiopress, All rights reserved