laRegione
un-arcobaleno-per-ogni-deputato-il-santo-non-vale-la-candela
Ti-Press
laR
 
19.05.22 - 05:30
Aggiornamento: 16:37

Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’

L’iniziativa di Ermotti-Lepori e Berardi (Ppd) per favorire l’uso del trasporto pubblico non convince la Commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un abbonamento Arcobaleno aziendale offerto a ogni granconsigliere allo scopo di incentivarlo a usare maggiormente i mezzi pubblici per i propri lavori parlamentari. È la proposta contenuta nell’iniziativa parlamentare del 15 dicembre 2021 presentata nella forma generica dai popolari democratici Maddalena Ermotti-Lepori e Giovanni Berardi ‘Favorire e incoraggiare anche i deputati e le deputate a usare i mezzi pubblici per raggiungere il parlamento’. Proposta che non convince. Gli iniziativisti "sono partiti dall’assunto che noi siamo ‘dipendenti’ dello Stato, ma nella realtà dei fatti noi non rientriamo in tale categoria, in quanto non abbiamo sottoscritto nessun contratto di lavoro con lo Stato; semplicemente siamo stati eletti dal popolo". Per cui, "coscienti che – se del caso – avremmo accesso unicamente all’abbonamento a prezzo pieno (senza lo sconto del 15%, ndr), dobbiamo capire se il santo valga la candela". E per la maggioranza della Commissione Costituzione e leggi la risposta è no. A metterlo nero su bianco è Lara Filippini (Udc), relatrice dell’unico rapporto commissionale. Nello specifico, l’atto parlamentare di Ermotti-Lepori e Berardi chiede che, in virtù del grande sforzo promosso dal Cantone per incentivare l’uso dei mezzi pubblici, anche i deputati del Gran Consiglio diano il buon esempio usufruendone per le trasferte che riguardano il loro operato istituzionale. La proposta è dunque di fornire a ogni deputato l’abbonamento Arcobaleno aziendale (85% pagato dallo Stato e il 15% dalla comunità tariffale). Ciò che, a detta degli iniziativisti, avrebbe un vantaggio in primis per lo Stato che si troverebbe a risparmiare sulle spese di trasferta. Viene anche avanzata una seconda ipotesi che consiste nel procedere come a livello federale, dove i deputati possono decidere se farsi rimborsare i centesimi a chilometro (cts/km) oppure vedersi fornire l’abbonamento generale in prima classe.

‘Ma non siamo contro il trasporto pubblico’

Nell’analizzare le argomentazioni dell’iniziativa, il rapporto ricorda innanzitutto il modo in cui vengono computate le trasferte ai parlamentari: la retribuzione degli spostamenti avviene per le sedute delle commissioni, per le sedute plenarie del parlamento e per le riunioni di gruppo. Le spese di trasporto sono calcolate dal luogo di domicilio (Comune) del deputato fino al luogo dove si svolge la riunione e la tariffa riconosciuta ammonta a 60 cts/km, indipendentemente se il deputato si sposti con il proprio mezzo privato, con i mezzi pubblici o usufruendo del carpooling. Entrando nel merito dei calcoli proposti dagli iniziativisti, e rivedendoli prendendo in considerazione qualche criterio differente, il rapporto articola e commenta le due varianti derivanti dall’idea iniziale e dall’alternativa "stile federale". Da una parte si trova l’opzione dell’abbonamento Arcobaleno con zone che includano unicamente la tratta domicilio-Bellinzona, la quale però avrebbe come "difetto" di non includere il computo delle riunioni di gruppo che potrebbero svolgersi potenzialmente ovunque; e lo stesso per quando si svolgono le sedute extra muros delle commissioni. Dall’altra parte c’è l’opzione dell’abbonamento Arcobaleno "generale" (più di 6 zone) che includerebbe tutte le zone toccate dalle trasferte per le riunioni (plenum, commissioni, riunioni di gruppo), ma il cui costo annuale supera in maniera più o meno ampia la spesa media per deputato. Spesa media che ammonta a 1’721 franchi per il 2020 (1’739 per il 2021), a fronte di un abbonamento Arcobaleno per la seconda classe annuale dal costo di 1’890 franchi o per la prima classe di 3’213, quindi con un aggravio per lo Stato di 160 franchi, rispettivamente 1’483. Dichiarando che le valutazioni del rapporto non vogliono essere contro il trasporto pubblico o un incitamento all’esclusivo uso del mezzo privato, la maggioranza della Commissione Costituzione e leggi ritiene però che già oggi i deputati che desiderano spostarsi esclusivamente con i mezzi pubblici possono, grazie al computo dei costi di trasferta, acquistare un abbonamento a zone o annuale. Quindi, alla luce di quanto considerato, "anche per una questione di parità di trattamento", l’invito al parlamento è di respingere l’iniziativa. Parlamento a cui passerà la parola sul tema nella prossima sessione che prenderà il via lunedì 30 maggio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abbonamento commissione costituzione leggi trasporto pubblico
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Luganese
1 ora
Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno
Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
2 ore
Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’
Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Ticino
3 ore
Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’
Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
4 ore
A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova
All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Gallery
Mendrisiotto
10 ore
Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue
Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
10 ore
Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne
Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
1 gior
Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina
Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
1 gior
Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito
L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior
Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)
Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior
La Centovallina torna a circolare in Italia
Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
© Regiopress, All rights reserved