laRegione
trasporti-sara-assorbita-solo-parte-della-crescente-domanda
Ti-Press
16.05.22 - 19:19
Aggiornamento: 19:40

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’

Saranno in grado, gli utenti della mobilità, di adeguare le proprie abitudini cogliendo le opportunità offerte dalla rivoluzione dei trasporti pubblici e dai progressi della mobilità lenta? È disposta, la società, ad adottare nuovi modelli e orari per l’organizzazione del lavoro, la formazione, lo svago e gli acquisti? Oppure si prospetta un futuro di attesa intrappolati nelle numerose colonne della rete viaria? A chiederselo è un recente studio pubblicato dall’Ustat sull’‘Evoluzione della domanda di trasporto di persone in Svizzera e in Ticino’ a firma di Riccardo De Gottardi. Interrogativi a cui solo il tempo potrà dare risposta. Nel frattempo l’analisi fornisce alcune indicazioni sulle tendenze di fondo e i ritmi di sviluppo dei differenti vettori di trasporto.

In 15 anni raddoppio del trasporto pubblico

Nel periodo tra 2004 (inaugurazione Tilo) e 2020, emerge nel cantone una crescita del trasporto pubblico su ferrovia e gomma "molto rapida", con la domanda più che raddoppiata. All’origine di questo notevole sviluppo, si legge nello studio, è "indubbiamente il netto miglioramento dell’offerta in termini di frequenza e qualità del servizio". Nello stesso periodo il parco delle automobili è cresciuto da 191mila a 223mila unità, ossia del 16,4%, conoscendo tuttavia un regresso a partire dal 2018, con la perdita di circa 2’900 unità. A influire, verosimilmente, il calo della popolazione registrato in Ticino dal 2017 (-3’400 abitanti), le difficoltà economiche e una modifica delle abitudini degli utenti grazie alla maggior attrattività dei trasporti pubblici. Drastica è stata la contrazione della domanda complessiva di trasporto nell’anno pandemico 2020: in Ticino, il settore dei trasporti pubblici ha subito una caduta del 24,1%, mentre per la circolazione stradale la riduzione è stata del 23%.

Sviluppi sul piano nazionale e cantonale

Lo studio prova poi a interrogarsi su come si svilupperà la domanda di trasporto in futuro. Con l’incognita degli effetti innescati dalla pandemia e dell’influenza degli sviluppi tecnologici, recentemente la Confederazione ha pubblicato quattro nuovi scenari con orizzonte 2050. Quello di "base", che costituisce il riferimento per le linee direttrici dello sviluppo delle infrastrutture della Confederazione, ipotizza un incremento complessivo della domanda nell’ordine dell’11% rispetto all’anno di riferimento del 2017, declinato in modo differenziato secondo il vettore di trasporto: +29% per i trasporti pubblici, +47% per la mobilità ciclo-pedonale e +3% per il traffico motorizzato individuale. Per quanto riguarda il Ticino, le ipotesi si orientano su quelle federali, anche se a incidere in modo divergente potrebbero essere le tendenze alla diminuzione della popolazione e della motorizzazione (da confermare), e nella direzione opposta l’incremento finora osservato dei flussi transfrontalieri. Siamo pronti?

Con l’apertura della galleria di base del Ceneri e il potenziamento generale delle prestazioni ferroviarie e dei servizi di trasporto su gomma, "il cantone dispone di una rete di elevata qualità", con degli effetti la cui portata reale si mostrerà nei prossimi anni. A tale potenziamento se ne stanno per aggiungere altri, con una serie di opere che toccano le infrastrutture ferroviarie, dalla prima tappa del tram-treno del Luganese alla fermata Bellinzona-piazza Indipendenza, ai nuovi nodi intermodali. Passando al campo della mobilità dolce (bici e spostamenti pedonali), "il ritardo accumulato rispetto ad altre realtà d’Oltralpe è ancora grande". Tuttavia nei prossimi anni i programmi in fase di realizzazione nei quattro agglomerati del cantone "aiuteranno a colmare diverse lacune". Sul fronte della circolazione, la terza corsia tra Lugano sud e Maroggia-Melano e il collegamento autostradale tra Bellinzona e Locarno sono musica ancora lontana. Per la limitazione e razionalizzazione del traffico, invece, diversi sono i programmi e gli incentivi in corso d’opera (car sharing, car pooling, mobilità aziendale), con introduzione nel 2025 della tassa di collegamento.

Stando alle conclusioni dello studio, sussiste però un importante problema. Ovvero che l’ammontare e la progressione dei costi e dei tempi necessari per realizzare nuove grandi opere hanno assunto dimensioni molto rilevanti e questa tendenza non consentirà di disporre per il prossimo ventennio di nuove infrastrutture di rilievo. Per cui gli investimenti in corso assorbiranno una parte della crescita della domanda di trasporto dell’immediato futuro, "ma non potranno che fornire un viatico parziale". Con gli interrogativi citati all’inizio che rimangono pendenti, per gli anni a venire "c’è una sola certezza: occorre gestire al meglio gli impianti esistenti e quelli accessibili a breve".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
investimenti tendenze ticino trasporti ustat
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
La ’ndrangheta prende il treno: inchiesta terminata a Milano
Probabile rinvio a giudizio per i fratelli Rossi, titolari anche della Gcf di Bellinzona indagata in Ticino (cantiere Monte Ceneri) ma non in Italia
Locarnese
1 ora
Frontale scooter-auto a Corcapolo, ferite gravi per il centauro
L’incidente intorno alle 15.45 sulla strada cantonale all’altezza dell’intersezione per Calezzo. Il ferito portato in ospedale da un elicottero della Rega
Ticino
1 ora
Livelli a scuola, ‘usiamoli come indicatori e non come criteri’
È una delle proposte del Consiglio cantonale dei giovani, che chiede anche 5 anni di scuola media e maggiore sensibilizzazione su droghe e alcol
Ticino
4 ore
Legge sulla polizia, al via la consultazione per la revisione
Il nuovo disegno ha come obiettivo di permettere alle autorità di svolgere le proprie attività con maggiore efficacia e chiarezza
Luganese
6 ore
Urc 2022, il bilancio della sicurezza è positivo
Lo Stato Maggiore Urc 2022 sottolinea come i disagi per la popolazione siano stati ridotti al minimo e l’adattabilità del dispositivo approntata
Bellinzonese
7 ore
‘Il canone va comunque pagato’: sconfessata Sa di Cadenazzo
Il Taf respinge il ricorso ribadendo le regole del nuovo sistema di prelievo (imposta, non più tassa) in vigore dal 2019 in Svizzera per le imprese
Bellinzonese
13 ore
Preonzo, residenti sotto la montagna ‘stufi degli allagamenti’
Gli abitanti della via Cadmónn sollecitano il Municipio affinché si trovi una soluzione alla discesa a valle di acqua e detriti in occasione di nubifragi
Mendrisiotto
13 ore
Operatori di prossimità, gli altri Comuni ci sono
Dopo la separazione di Mendrisio, nove enti locali sono pronti a confermare il sostegno al Servizio regionale. Se ne parlerà entro fine luglio
Locarnese
13 ore
Brione Verzasca, luce verde ai semafori
Il legislativo ha accolto il credito per la loro installazione. Permetteranno di assicurare maggior fluidità al traffico nella strettoia del paese
Luganese
19 ore
Conti di Lugano approvati, all’ombra dell’ex Macello
Via libera al Consuntivo 2021, ma il Ps: ‘Mancano assunzione di responsabilità e riconciliazione’. Scintille fra Ghisletta e Badaracco sulla Resega.
© Regiopress, All rights reserved