laRegione
13.05.22 - 11:27
Aggiornamento: 14:04

Amnesty: Dick Marty va protetto con maggiore sforzo

Amnesty chiede di utilizzare tutti i mezzi diplomatici e giuridici possibili per far cessare la minaccia. In corso scambio di informazioni Berna-Belgrado

amnesty-dick-marty-va-protetto-con-maggiore-sforzo
Ti-Press

I membri di Amnesty Svizzera hanno votato tre risoluzioni nel corso della loro assemblea generale. Chiedono un ampliamento dello statuto di protezione S, l’utilizzo del modello del consenso esplicito nel diritto penale sessuale e maggiori sforzi per la protezione di Dick Marty.

L’ex consigliere agli Stati ticinese vive da quasi 18 mesi sotto scorta della polizia. Quale relatore del Consiglio d’Europa nel 2010 ha pubblicato un rapporto su presunti crimini di guerra delle milizie kosovare nella guerra d’indipendenza contro la Serbia. Il documento è servito da base per l’accusa nel 2020 al Tribunale speciale dell’Aia nei confronti di Hashim Thaci, allora presidente del Kosovo.

Secondo Marty, le minacce alla sua persona arrivano da persone vicine ai servizi segreti serbi, una tesi respinta seccamente dall’Ambasciata serba in Svizzera.

Amnesty, nel corso dell’assemblea tenutasi ieri in forma virtuale, ha chiesto di utilizzare tutti i mezzi diplomatici e giuridici possibili per far cessare la minaccia. Fino ad ora, il Ministero pubblico della Confederazione non ha fatto richiesta di assistenza giudiziaria alle autorità serbe. Nemmeno rilevanti passi diplomatici sono stati effettuati, scrive Amnesty in una nota.

Contattato dall’agenzia Keystone-ATS, l’MPC ha dichiarato che le competenti autorità svizzere a diversi livelli sono in contatto con i responsabili serbi. In particolare l’Ufficio federale di polizia (fedpol) ha organizzato uno scambio di informazioni – definito professionale e costruttivo – con le autorità di polizia del Paese balcanico.

Statuto S più ampio

Le generose condizioni scelte per accogliere i profughi di guerra ucraini devono essere mantenute, hanno poi sostenuto i membri di Amnesty. Lo statuto S dovrebbe anche essere ampliato ad altre persone che cercano rifugio in Svizzera, come gli oppositori russi e bielorussi, o attivisti per i diritti umani.

Amnesty Svizzera si è poi schierata nettamente per il concetto del consenso esplicito nelle norme che regolano il diritto penale sessuale. La soluzione "solo sì vuol dire sì" è la migliore per proteggere le vittime di violenze sessuali e si allinea con le disposizioni delle norme internazionali per i diritti umani, come la Convenzione di Istanbul.

Dalla bozza di legge emersa dalla Commissione degli affari giuridici degli Stati, si è però optato piuttosto per il concetto di "No vuol dire no". In questo modo, si è persa un’occasione per migliorare la protezione della sfera sessuale, sostiene l’organizzazione umanitaria.

Leggi anche:

Minacciato di morte, Dick Marty sotto stretta protezione

La Serbia nega di aver minacciato Dick Marty

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
4 ore
Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’
Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
4 ore
Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione
Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Ticino
4 ore
Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì
Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Ticino
5 ore
Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa
Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Ticino
6 ore
Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza
Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
6 ore
Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti
Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
6 ore
PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici
Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
6 ore
Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto
La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Bellinzonese
7 ore
La 19enne era al rave: con la conferma si cercano testimoni
La polizia grigionese invita quanti sono a conoscenza dello stato di salute della ragazza all’evento della diga della Roggiasca a contattare il comando
Mendrisiotto
14 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
© Regiopress, All rights reserved