laRegione
10.05.22 - 18:32

I piccoli commercianti più ottimisti dei grandi

La situazione congiunturale rimane critica, ma le prospettive tornano in zona positiva dopo mesi difficili. L’incognita dell’inflazione

di Generoso Chiaradonna
i-piccoli-commercianti-piu-ottimisti-dei-grandi
Ti-Press

«Le vendite al dettaglio della piccola distribuzione hanno subito una flessione e a livello complessivo il commercio registra un calo significativo, quello alimentare rimane stazionario», così Lorenza Sommaruga, presidente della Federcommercio a proposito dell’indagine congiunturale sul commercio al dettaglio dell’Ufficio cantonale di statistica (Ustat). A livello nazionale i primi risultati dell’inchiesta del Kof di Zurigo raccolti in aprile e relativi al primo trimestre del 2022 confermano una situazione apparentemente stabile, con un numero ancora relativamente elevato di aziende con un sentimento positivo nei confronti dell’andamento degli affari. Inoltre, si legge nel notiziario statistico dell’Ustat, rispetto al passato più recente, si evidenzia una situazione atipica: migliorano le sensazioni raccolte tra i piccoli negozi, mentre sembra peggiorare il clima tra i negozi medio-grandi.

Anche in Ticino sono ancora in maggioranza i commercianti che negli ultimi tre mesi hanno visto aumentare i propri volumi di vendita, nonostante la crescita anche di coloro i quali ne segnalano una diminuzione. Più chiare – stando sempre all’Ustat – le indicazioni a livello di affluenza di clientela: qui sono sempre di più gli operatori che segnalano un calo. Da qui la prudenza della presidente della Federcommercio. «I primi mesi dell’anno proseguono nell’incertezza: le preoccupazioni per gli inaspettati eventi in Ucraina rischiano di influenzare la fragile ripresa dei consumi minando la serenità di famiglie e imprese e di conseguenza limitando il sollievo per la regressione dei contagi Covid», scrive Lorenza Sommaruga che non nasconde la preoccupazione per la spirale inflazionistica che si sta delineando. «Lo spauracchio dettato dagli aumenti dei beni energetici e il probabile aumento dei prezzi dei beni di largo consumo potrebbero innescare un atteggiamento di grande cautela da parte delle famiglie», afferma.

Malgrado l’inizio anno difficoltoso – continua Sommaruga – e la percezione che si sia imboccata una strada in salita, «il flusso di turisti confederati durante il periodo pasquale ha giovato alla piccola e grande distribuzione innescando una rinnovata positività. Consci che la situazione economica è in continua evoluzione, sarà vitale saper monitorare da vicino gli scenari quotidiani», conclude.

Tornando al notiziario Ustat, secondo gli ultimi dati raccolti in aprile dal Centro di ricerche congiunturali Kof di Zurigo i commercianti soddisfatti della loro situazione degli affari sono leggermente diminuiti rispetto all’indagine precedente. Ciononostante il saldo è ancora ampiamente in zona positiva e, almeno in Ticino, decisamente migliore rispetto a un anno fa quando le voci negative annullavano quelle positive. Inoltre, torna positivo anche il saldo relativo alla proiezione a sei mesi degli affari.

Distinguendo le valutazioni degli affari secondo la dimensione dei commerci emerge una grossa differenza: tra i piccoli negozi crescono le voci positive, mentre tra quelli medi e grandi si osserva un netto calo. Anche osservando l’indicatore relativo all’evoluzione della situazione degli affari nei prossimi sei mesi si nota come i risultati siano migliori e in tendenza positiva tra i piccoli negozi, mentre continuano a essere più critici i pareri espressi dai medio-grandi. Per rimanere al Ticino, l’eterogeneità della situazione relativa ai volumi delle vendite è confermata dai risultati distinti per dimensione in cui si nota un miglioramento tra i piccoli negozi. In termini di affluenza la differenza è ancora più netta, in particolare emerge il risultato negativo raccolto tra negozi medio-grandi.

Si muove anche l’occupazione o, almeno, migliora in prospettiva. Anche in questo caso si osserva, sempre per i piccoli negozi, un numero di commercianti che valutano ‘insufficienti’ i propri livelli di occupazione. Per i prossimi mesi il relativo indicatore evidenzia una maggioranza relativa dei commerci che prevedono un aumento degli impieghi. Il tutto in un contesto macroeconomico in evoluzione visto che il Bak Economics di Basilea ha corretto nuovamente al ribasso la sua stima sull’andamento dell’economia svizzera nel 2022: il prodotto interno lordo (Pil) dovrebbe salire del 2,4%, contro il +2,6% previsto in marzo e il +3,2% preventivato in febbraio. Per il 2023 viene invece confermato il +1,4%.

La crescita dell’anno in corso risulta ancora notevole, soprattutto in un’ottica di lungo termine: tuttavia la previsione è significativamente al di sotto della spinta espansiva che ci si sarebbe potuti aspettare a seguito degli effetti di recupero dalla pandemia, spiegano gli esperti renani in un comunicato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
53 min
Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’
Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
2 ore
Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’
Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
4 ore
Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia
Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Ticino
4 ore
Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà
Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
5 ore
Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole
Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
5 ore
Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps
A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Ticino
7 ore
Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’
Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Luganese
7 ore
Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace
Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
8 ore
Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio
I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
9 ore
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
© Regiopress, All rights reserved