laRegione
02.05.22 - 15:17
Aggiornamento: 18:00

Accise sui carburanti giù in Italia, benzinai in crisi in Ticino

Il rinnovato taglio delle tasse sui carburanti deciso da Roma è a doppio taglio per i ticinesi: bene per gli automobilisti, male per i benzinai

di Marco Marelli
accise-sui-carburanti-giu-in-italia-benzinai-in-crisi-in-ticino
Depositphotos

La nuova sforbiciata delle accise decisa dal Consiglio dei ministri italiano (quella decisa oggi è la terza), per ridurre le conseguenze derivanti dalla guerra in Ucraina, è stata salutata positivamente (e non poteva essere diversamente) da camionisti e automobilisti, oltre che dai benzinai di confine a ridosso di Ticino, Grigioni e Vallese, che dal marzo scorso hanno registrato un’impennata nelle vendite, in quanto con i prezzi praticati nei loro distributori di carburanti hanno assistito a ciò che nessuno poteva pensare sino al giorno prima del taglio delle accise.

Un’inversione di 180 gradi, in quello che nei commerci di frontiera ha fatto storia: il pieno della benzina. Insomma, il pendolarismo di carburante a prezzo scontato, che faceva da volano all’acquisto di altri prodotti, quali sigarette, cioccolato, dadi da brodo e via di seguito. A dar corpo (e sostanza) all’inversione di 180 gradi una istantanea: gli automobilisti ticinesi in coda che fanno rifornimento ai distributori della fascia di confine. Quelli a ridosso della ramina hanno raddoppiato le vendite. Spesso succede che rimangano senza carburanti, come è accaduto nei giorni scorsi. In attesa della decisione del Consiglio dei ministri molti benzinai, temendo di ritrovarsi con i depositi pieni, hanno ritardato i rifornimenti.

Ora c’è una data certa: il pieno in Italia per gli automobilisti ticinesi continuerà ad essere più conveniente sino all’8 luglio. Stando agli attuali prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera per gli automobilisti ticinesi fare il pieno a Como (così come in tutti i benzinai della fascia di confine) significa risparmiare fra i 18 e i 22 centesimi di euro al litro sia per la benzina sia per il gasolio. Una differenza che per un rifornimento di 50 litri si traduce in un risparmio di 10 euro. Conti che ovviamente valgono anche per i frontalieri che da sempre fanno il pieno in Ticino (il discorso va esteso anche a quelli che lavorano nei Grigioni e nel Vallese). E i frontalieri sono un esercito che nella quasi totalità si sposta con i mezzi privati. Insomma, per i benzinai ticinesi gli effetti negativi continueranno almeno per altri due mesi. I cali sono decisamente pesanti, in quanto si stimano flessioni sino al 70 per cento.

Leggi anche:

Taglio delle accise sui carburanti esteso fino all’8 luglio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
24 min
In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità
Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Ticino
1 ora
In Ticino la legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
4 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
4 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
7 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
7 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
7 ore
Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni
Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
13 ore
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
14 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
18 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
© Regiopress, All rights reserved