laRegione
vpod-le-preoccupazioni-sono-decreto-morisoli-e-poverta-assoluta
Ti-Press
Il segretario della Vpod Raoul Ghisletta
26.04.22 - 16:23
Aggiornamento: 16:39

Vpod, le preoccupazioni sono Decreto Morisoli e povertà assoluta

Presentato il Rapporto d’attività 2021, con cui il sindacato denuncia ‘la svolta reazionaria della politica ticinese’ mentre ‘le persone povere aumentano’

"In Ticino la povertà assoluta è molto aumentata". È questo uno delle grida d’allarme contenute nel rapporto d’attività 2021 del sindacato Vpod, pubblicato alla vigilia dell’assemblea annuale dei delegati che si terrà venerdì 29 aprile. Le persone povere, infatti, secondo l’Ufficio federale di statistica "sono passate da 36mila nel 2018 a 50mila nel 2020: il tasso è salito dal 10,3% nel 2018 all’11,6% nel 2019 per arrivare al 14,5% nel 2020". Un’ascesa continua e che preoccupa ancor di più la Vpod considerando che "i dati annuali si riferiscono sempre al reddito dell’anno precedente, per cui essi rispecchiano ancora la situazione precedente alla pandemia". In particolare, "le vittime della povertà assoluta sono le persone che vivono in economie domestiche monoparentali con figli minorenni, le persone sole di oltre 65 anni, le persone senza formazione scolastica post-obbligatoria, le persone che vivono in economie domestiche in cui nessun membro è occupato e le persone con un grado di occupazione inferiore al 50%".

‘Tutto comincia col referendum finanziario obbligatorio’

Il tutto in un momento che la Vpod non esita a definire "della svolta reazionaria della politica ticinese". Un "primo brutto segnale" si è avuto "con il referendum finanziario obbligatorio: una coalizione composta da Udc, Lega, Ppd e Mps ha fatto passare un controprogetto che mette la museruola al Gran Consiglio per tutte le spese uniche superiori a 30 milioni di franchi e per tutte le spese ricorrenti superiori ai 6 milioni di franchi. Basterà che a chiedere il referendum sia un terzo dei deputati. Malgrado la nostra opposizione, il popolo ha accettato il controprogetto: ne vedremo delle belle!", avverte il sindacato del personale dei servizi pubblici e sociosanitari. Che è giocoforza molto preoccupato per il prossimo referendum, quello su cui la popolazione ticinese si esprimerà il 15 maggio riguardo al pareggio di bilancio entro il 2025 da raggiungere agendo prioritariamente sulla spesa.

"Il sindacato Vpod Ticino in collaborazione con 20 associazioni, sindacati e partiti ha raccolto oltre 10mila firme per questo referendum contro una squilibrata e grave decisione del parlamento", si legge ancora nel rapporto d’attività 2021. Una decisione, quella della maggioranza del Gran Consiglio, "che danneggia gli utenti e il personale delle strutture sociosanitarie, gli enti universitari, la scuola e i servizi cantonali per la popolazione". A venire colpite, è opinione della Vpod, "sono le spese del personale cantonale, l’acquisto di beni e servizi per far funzionare il Cantone e infine le spese di trasferimento, in particolare i contributi agli enti sociosanitari e alle strutture universitarie: un simile decreto basato prioritariamente sul contenimento della spesa per risanare le finanze cantonali non è mai stato adottato in passato in Ticino".

‘Ai ricchi non verrà chiesto nulla’

La denuncia della Vpod è chiara: "L’articolo 31d della Legge sulla gestione del controllo finanziario dello Stato prevede espressamente che, in caso di problemi finanziari, si faccia un Piano di riequilibrio, il quale agisca sulla spesa e sui ricavi. Anche l’articolo 34 della Costituzione cantonale – rimarca il sindacato – indica che occorre adottare un approccio equilibrato nelle misure di riequilibrio finanziario". In occasione dell’ultima manovra di risanamento delle finanze cantonali, avvenuta nel 2019, "sono state adottate misure equilibrate: sia sul fronte delle spese (48%) sia sul fronte delle entrate (52%). Escludere ogni aumento delle entrate, come fa questo Decreto, è profondamente ingiusto: significa che ai ricchi non sarà chiesto nulla, mentre il ceto medio, ossia la maggioranza dei ticinesi, farà tutti i sacrifici per risanare le finanze cantonali".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
decreto morisoli pareggio di bilancio povertà vpod
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
4 ore
‘Basta posteggi al Pozzo di Tegna!’
Preoccupata l’Associazione Golene di Terre di Pedemonte, che teme che l’incremento degli stalli porti ancora più gente e traffico in una zona sensibile
Mendrisiotto
4 ore
Mendrisiotto, turismo ‘green’ lungo i parchi insubrici
’Insubriparks’ è una nuova piattaforma che porta alla scoperta di cinque bellezze naturalistiche tra Svizzera e Italia
Ticino
4 ore
Il mercato dell’auto resta ammaccato
Si sperava di risolvere i problemi di fornitura entro il primo semestre di quest’anno: niente da fare. E anche l’usato scarseggia
Luganese
11 ore
Violento temporale nel Luganese causa smottamenti e allagamenti
I pompieri sono stati sollecitati più volte. Colpito in modo particolare il Malcantone
Ticino
13 ore
Premi cassa malati +10%, Dss: ‘Nel campo delle speculazioni’
La cifra dell’aumento indicata da uno studio di Accenture è ancora solo un’ipotesi, secondo Paolo Bianchi: ‘Indicazioni precise arriveranno prossimamente’
Luganese
13 ore
Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne
In pericolo di vita il giovane. È accaduto ieri in via Aeroporto. Arrestato l’autore. Gli inquirenti indagano sul movente.
Bellinzonese
16 ore
PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona
La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
16 ore
L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’
Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Luganese
17 ore
Viganello, grave un inquilino caduto nel palazzo
Nella notte un uomo è rimasto ferito sul balcone tetto dello stabile. Sul posto l’intervento degli agenti della Polizia cantonale e cittadina
Locarnese
22 ore
Centovalli, pompieri ancora al lavoro
Un fulmine sabato sera ha innescato un rogo boschivo sopra il Monte Sauree. Militi ed elicottero in azione. In corso la bonifica
© Regiopress, All rights reserved