laRegione
26.04.22 - 15:13
Aggiornamento: 19:59

Allevatori scaricano le pecore uccise dal lupo in Piazza Governo

È la protesta di alcuni allevatori della Valle Maggia. Germano Mattei: ‘Il Cantone dovrebbe essere più incisivo’

allevatori-scaricano-le-pecore-uccise-dal-lupo-in-piazza-governo
Ti–Press

Non ne possono più di vedere i loro animali sbranati dal lupo. In segno di protesta alcuni allevatori della Valle Maggia hanno scaricato le pecore uccise (sedici carcasse, fra cui almeno due pecore gravide) davanti al Palazzo delle Orsoline a Bellinzona. Sul posto è arrivata la polizia.

«Il Cantone dovrebbe essere più incisivo anche verso Berna, in modo da trovare delle soluzioni. E non solo da noi», dice Germano Mattei, fondatore di Montagna Viva. «Capisco la reazione che suscita questa manifestazione, ma nell’inciviltà verso l’agricoltura e verso gli allevatori dobbiamo rispondere con altra inciviltà».

A Berna qualcosa si sta facendo, ma non sembra soddisfare allevatori e agricoltori. «Ci sono i milioni votati dalle camere per le misure straordinarie per l’alpeggio, ma abbiamo paura che alla fine saranno più di tipo amministrativo e burocratico», afferma Mattei. «La modifica della legge sulla caccia, bocciata a settembre 2020, è in fase ripresa – prosegue –, specialmente la modifica della Convenzione di Berna che protegge in modo assoluto il lupo». L’obiettivo è infatti quello di ridurre questa protezione per tutelare il bestiame da reddito.

Un gesto forte, quello deciso dagli allevatori (e non solo quelli della Valle Maggia visto che per l’occasione davanti al palazzo governativo si sono dati appuntamento diversi altri colleghi provenienti da tutto il cantone), voluto per mandare un segnale altrettanto forte all’indirizzo delle autorità. Un ‘così non si può più andare avanti’ ribadito anche da quei sedici animali ormai esanimi scaricati lì davanti all’ingresso, sulle note de La Pastora, il toccante canto popolare cantato da alcuni dei presenti mentre dal cielo grigio di un martedì di metà primavera non qualunque iniziava a cadere qualche goccia di pioggia.

Un quarto d’ora dopo aver scaricato le pecore davanti a Palazzo delle Orsoline, sul posto sono arrivati anche gli agenti della Polizia comunale e quelli della cantonale, sei in tutto. Che dopo aver preso le generalità dei presenti, in particolare dei sei rappresentanti dell’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori, sezione Ticino, hanno richiesto l’intervento della ditta specializzata nello sgombero delle carcasse.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
34 min
Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’
Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Luganese
1 ora
Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask
Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Lavizzara
2 ore
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
Chiasso
5 ore
Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino
Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d’Italia
6 ore
È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale
Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della polizia dell’enclave
Mendrisiotto
6 ore
Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio
Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare
Bellinzonese
7 ore
Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’
Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
8 ore
Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti
In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
9 ore
Sei itinerari tematici per i parchi insubrici
Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
12 ore
Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado
Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
© Regiopress, All rights reserved