laRegione
12.04.22 - 19:10
Aggiornamento: 23:11

‘Tutele, sul modello giudiziario si esprima dapprima il popolo’

Riforma autorità di protezione, la commissione parlamentare propone che i cittadini votino preliminarmente sulla modifica della Costituzione

tutele-sul-modello-giudiziario-si-esprima-dapprima-il-popolo
Passaggio dalle urne (Ti-Press)

La parola dapprima al popolo sulla prospettata ‘cantonalizzazione’ del settore tutele e curatele. Ovvero: siano preliminarmente i cittadini e le cittadine a pronunciarsi, votando, sulle modifiche costituzionali proposte dal Consiglio di Stato per ancorare alla Carta ticinese il passaggio al modello giudiziario, con l’introduzione di Preture specifiche, le Preture di protezione. A suggerire il nuovo iter è la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ - che prossimamente lo formalizzerà con un rapporto all’indirizzo del plenum del Gran Consiglio - sotto la lente della quale vi è la riforma confezionata dal Dipartimento istituzioni e tradotta nero su bianco nel messaggio varato lo scorso dicembre dal Consiglio di Stato. Riforma che prevede l’abbandono del vigente sistema amministrativo, incentrato sulle Autorità regionali di protezione, le Arp, che fanno capo ai Comuni, e l’adozione di quello appunto giudiziario.

Aldi: se tutto va bene, alle urne a settembre

La decisione di procedere in maniera differente da quanto indicato inizialmente dal governo, cioè il voto popolare dopo quello del Gran Consiglio sul progetto di riforma, è stata presa oggi dalla ‘Giustizia e diritti’, che ha così aderito alla proposta di uno dei suoi membri, il socialista Nicola Corti. «Ora - spiega alla ‘Regione’ la presidente della commissione, la leghista Sabrina Aldi - stileremo un rapporto parziale, limitato a quella parte del messaggio del Consiglio di Stato riguardante le modifiche costituzionali e a favore di quest’ultime. L’intenzione è di sottoporre il rapporto all’approvazione del Gran Consiglio nella seduta di giugno, affinché i cittadini e le cittadine possano esprimersi il prossimo mese di settembre. La mia speranza è che il popolo dica sì al modello giudiziario: un sì di principio, inserendo il citato modello nella Costituzione cantonale». Ciò, evidenzia ancora la coordinatrice della commissione parlamentare, «vincolerebbe il parlamento, nel senso che una volta fissato il principio del modello giudiziario nella Carta, la politica non potrà rimetterlo in discussione. Dovrà dunque attenersi alla volontà popolare, attuando la nuova organizzazione incentrata su autorità giudiziarie, le Preture di protezione».

Il messaggio governativo propone sostanzialmente di ancorare alla Costituzione una nuova figura di magistrato – il Pretore di protezione – e l’autorità che lo eleggerà. I Pretori di protezione, i Pretori di protezione aggiunti e i membri specialisti (nei campi della psicologia, della pedagogia e del lavoro sociale) che affiancheranno i magistrati nel decidere le misure di protezione da implementare saranno designati, secondo la riforma che l’Esecutivo ha tratteggiato, dal Gran Consiglio, che già oggi nomina gli altri giudici e i procuratori.

Il ricorso anzitutto alle urne era stato sollecitato come detto da Nicola Corti. E questo, annota da noi interpellato il deputato del Ps e commissario della ‘Giustizia e diritti’,«per ovviare al fatto che manca ancora un messaggio governativo sulle regole di funzionamento delle Preture di protezione, su determinati aspetti procedurali. Pertanto, dal mio punto di vista, o si porta tutto il pacchetto in Gran Consiglio o meglio allora chiedere preliminarmente al popolo una legittimazione ad andare avanti nell’esame parlamentare della riforma, lavorando anche sulle regole».

‘La nuova organizzazione è urgente, soprattutto oggi’

Per Aldi la nuova organizzazione del settore tutele e curatele in Ticino, e quindi il passaggio al modello giudiziario, «è urgente». Una riforma che, come ha avuto modo di ricordare pubblicamente la direttrice della Divisione giustizia (Dipartimento istituzioni) Frida Andreotti, "concerne una materia estremamente delicata: curatele, tutele, ricovero a scopo di assistenza, collocamenti, privazione dell’autorità parentale, regolamentazione dei diritti di visita sono misure di protezione che toccano i diritti e le libertà fondamentali della persona". Una riforma, riprende Aldi, «di cui il Paese ha bisogno, a maggior ragione in un momento nel quale alcune persone sono diventate ancor più fragili per i contraccolpi della pandemia». Per questo «confidando nel senso di responsabilità di tutti noi deputati, auspico che dopo l’approvazione, come spero, del rapporto parziale, il parlamento continui comunque, senza attendere l’esito della votazione popolare, a vagliare il resto delle proposte del messaggio pubblicato dal Consiglio di Stato lo scorso dicembre e a esaminare il messaggio governativo sulle norme procedurali, che contiamo di ricevere entro l’autunno. Tutto ciò per applicare al più presto la riforma, ovviamente in caso di luce verde dei cittadini al modello giudiziario».

Gobbi: confido in un’ampia condivisione del rapporto parziale

Dal canto suo il capo del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi si augura che il rapporto parziale favorevole alle modifiche costituzionali «venga sostenuto da un’ampia maggioranza del Gran Consiglio». Rapporto in cui, prosegue il consigliere di Stato, «si possano anche dare risposte agli scettici, in modo da fugare ogni dubbio sulla validità della riforma». Fugare ogni dubbio in vista della consultazione popolare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
49 min
In Ticino la legge sul salario minimo è rispettata al 97%
Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
3 ore
Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi
Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
3 ore
‘Polizia, la prossimità non va indebolita’
Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
6 ore
Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa
Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
6 ore
Nella Pregassona del poliziotto di quartiere
Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
6 ore
Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni
Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
12 ore
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
13 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
17 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
Ticino
18 ore
Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati
Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
© Regiopress, All rights reserved