laRegione
laR
 
06.04.22 - 18:10

‘Cyber-criminalità, attività illecite in continua metamorfosi’

Il commissario Montanaro (PolCantonale) sui dati relativi ai reati informatici: ‘Prevenzione e sensibilizzazione rivestono un ruolo fondamentale’

di Elia Salsano
cyber-criminalita-attivita-illecite-in-continua-metamorfosi
Keystone
I truffatori sfruttano la fiducia verso gli apparecchi elettronici

Per la prima volta in Svizzera, la Statistica federale ha fornito dei dati nazionali e cantonali relativi ai crimini informatici perpetrati durante il 2020 e il 2021. E in questi due anni il dato è in crescita. In Ticino nel 2021 sono stati infatti registrati 338 reati (101 in più rispetto al 2020), suddivisi nelle categorie cyber-criminalità economica che per l’anno scorso ne ha contati 255 (+95), cyber-delitti sessuali 65 (+12) e cyber-lesione della reputazione e pratiche sleali 18 (6 in meno). Sempre nel 2021, la Sati "ha eseguito 36 inchieste, svolto 72 perquisizioni in supporto ad altri servizi, effettuato 1’095 analisi informatico-forensi, elaborato 43 analisi criminali operative, collaborato in 27 ricerche d’urgenza ed evaso 250 richieste e-mail giunte da utenti o altre autorità".

I rischi sono molteplici

I rischi legati ai reati informatici sono molteplici. I principali «risiedono nell’acquisizione illecita dei dati personali o a danni di natura economica», afferma il commissario Marco Montanaro, responsabile della Sezione analisi tracce informatiche (Sati) della Polizia cantonale. Che aggiunge: «È importante sottolineare che gli autori che operano nel contesto cyber si sono adattati all’evoluzione sociale». Inoltre, «l’aumento di questi fenomeni è spesso legato alla crescita della componente tecnica che si manifesta nei reati classici».

Una delle attività illecite più frequenti sono le truffe Business E-Mail Compromise (Bec), che prevedono, attraverso le tecniche di ingegneria sociale, «l’accesso illecito a una casella di posta elettronica, solitamente aziendale, e la conseguente scoperta di una relazione finanziaria» continua Montanaro. In pratica, «i truffatori, spacciandosi quindi per il creditore o il Ceo dell’azienda, comunicano alla controparte delle false coordinate bancarie sulle quali indirizzare il trasferimento fraudolento». Tra le nove inchieste aperte lo scorso anno in merito ai Bec, è stato appurato un danno economico pari a circa 550’000 franchi.

Gli attacchi ransomware invece, anch’essi particolarmente frequenti, «prevedono attacchi veicolati allo scopo di criptare i dati contenuti nei dispositivi, così da poter chiedere un riscatto in cambio della chiave di decifratura» afferma ancora il commissario della Sati. In questi casi «gli autori operano prevalentemente dall’estero e utilizzano complessi espedienti che facilitano il mantenimento dell’anonimato. Le richieste di pagamento avvengono, solitamente, in criptovalute».

Nel mondo della cyber-criminalità, le attività illecite assumono forme diverse, ma in linea generale «le modalità utilizzate sono in continua metamorfosi». Per questo «la prevenzione, l’informazione a tutti i livelli e la sensibilizzazione rivestono un ruolo fondamentale». Tra le strategie di lotta più efficaci vi sono «l’investimento nella sicurezza della propria infrastruttura informatica, l’aggiornamento dei propri dispositivi, la navigazione prudente, l’attenta verifica del mittente del messaggio di posta elettronica e l’astensione dall’apertura di link o allegati contenuti in e-mail sospette».

La collaborazione alla lotta è internazionale

La Convenzione sulla criminalità informatica di Budapest implica una stretta collaborazione in materia di lotta alla cyber-criminalità tra le nazioni firmatarie. Nel quadro della Convenzione, infatti, «autorità di Stati Uniti, Francia, Romania, Germania, Spagna, Olanda, per citarne alcuni, hanno richiesto di trattenere i dati presenti sui server di società ticinesi in vista di un’eventuale richiesta d’assistenza internazionale in materia penale» spiega Montanaro.

Per la Polizia cantonale l’aumento delle competenze tecniche e giuridiche è divenuta una priorità nella gestione delle inchieste. Le difficoltà, a ogni modo, ci sono. E «sono legate essenzialmente al frenetico cambiamento in questo ambito: le autorità giudiziarie sono costantemente sollecitate all’aggiornamento tecnico e giuridico. È per questo motivo che negli ultimi anni si sta investendo molto in termini di risorse umane, tecniche, nella formazione e nella prevenzione».

Leggi anche:

In Ticino nel 2021 quasi il 50% di reati informatici in più

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery e video
Bellinzonese
1 ora
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
1 ora
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
10 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
10 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
11 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
11 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
12 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
12 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Mendrisiotto
12 ore
Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità
Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Luganese
13 ore
Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare
Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
© Regiopress, All rights reserved