laRegione
24.03.22 - 19:29
Aggiornamento: 20:32

Mascherina, ‘non costringiamo in clausura i più vulnerabili’

Il Cantone lancia una campagna per raccomandare di proteggersi dal virus nei luoghi chiusi e affollati. Ed evidenzia l’efficacia dei vaccini

mascherina-non-costringiamo-in-clausura-i-piu-vulnerabili
Da sinistra: Giovan Maria Zanini, Raffaele De Rosa, Giorgio Merlani

«Senza il vaccino, nelle 6 settimane da febbraio a metà di questo mese di marzo, in Svizzera avremmo avuto 2’500 morti in più e 12mila ospedalizzazioni ulteriori rispetto a quanto registrato. Al posto della media di 12 decessi giornalieri se ne sarebbero contati 73, e invece di 120 persone ospedalizzate al giorno la cifra sarebbe arrivata a 400». Sono le proiezioni presentate dal farmacista cantonale Giovan Maria Zanini oggi alla stampa. Una valutazione fatta applicando a tutta la popolazione i tassi di ospedalizzazione e di decesso registrati fra i non vaccinati. Queste cifre mostrano che nonostante molte persone stiano contraendo il virus anche dopo aver ricevuto 3 dosi, l’efficacia della protezione vaccinale è alta nell’evitare decorsi complicati e letali. «Dopo 4 mesi dalla terza dose, il vaccino protegge circa al 60% rispetto alla possibilità di contrarre Omicron – ha rilevato Zanini –. È oggettivamente un grado di protezione basso, ma il vaccino con cui stiamo lavorando è stato costruito per dirigersi contro il virus primordiale di Wuhan. Da allora è intercorsa una serie di varianti senza un parallelo aggiornamento del vaccino. Ultimamente però si stanno sviluppando dei vaccini specifici per Omicron che dovrebbero arrivare per luglio-agosto». D’altra parte, ricorda Zanini, fin dall’inizio è stato spiegato che l’obiettivo della vaccinazione non era di interrompere la trasmissione del virus ma di ridurre il carico della malattia e diminuire il numero di casi gravi e di decessi. «Il vaccino dopo 4 mesi dalla seconda dose protegge all’80% dai decorsi gravi, mentre con il booster la protezione sale al 90%». La considerazione del farmacista cantonale è che senza questo strumento ci troveremmo in una situazione decisamente critica: «È uno scenario che si sta verificando a Hong Kong dove il tasso di vaccinazione è basso e con Omicron la percentuale di morti, soprattutto nelle case anziani, è simile a quello registrato da noi a inizio pandemia».

La variante Omicron non è dunque innocua come sembra essere opinione diffusa. A complicare la situazione nell’ultimo periodo è insorta una sottovariante dalla contagiosità ancora più elevata. «Stiamo assistendo a una quinta ondata dovuta alla diffusione di Omicron 2 – ha detto il direttore del Dipartimento Sanità e socialità Raffaele de Rosa –. Il virus è tutt’altro che sparito come dimostrano l’evoluzione dei contagi e l’aumento delle ospedalizzazioni e dei decessi per quelle persone che non sono vaccinate o sono vaccinate ma vulnerabili». Questo, ha messo in luce De Rosa, sta comportando una rinnovata pressione sul sistema sanitario e il forzato rinvio di interventi e trattamenti. «Per tale motivo il Consiglio di Stato ha concordato con le strutture sanitarie il posticipo delle annunciate riaperture dei servizi del Pronto soccorso presso l’Ospedale Italiano di Lugano e del Centro del primo soccorso di Faido. È inoltre stato approvato un nuovo potenziamento del dispositivo dei letti dedicati ai pazienti Covid fino a circa 210 posti».

Aumenta la pressione a livello sanitario

Anche il personale sanitario è tornato a essere particolarmente sotto pressione, con un impatto importante delle assenze sulla continuità dei servizi. Confrontato con questa situazione, il Cantone ha deciso di sensibilizzare maggiormente la popolazione sull’importanza di continuare a proteggere se stessi e in particolare le persone più vulnerabili. «Con lo slogan "La mia scelta ci protegge" rilanciamo la campagna di sensibilizzazione con cui vogliamo invitare a utilizzare maggiormente la mascherina soprattutto nei luoghi molto affollati e al chiuso dove la propagazione del virus è maggiore». Al contempo, a ridosso della prospettata abolizione decisa dal Consiglio federale di tutte le misure per fine mese, il Consiglio di Stato ha convenuto sulla necessità di scrivere una lettera a Berna per chiedere di rivedere la decisione di revocare la situazione particolare. «Questo modo di procedere è stato stabilito in febbraio quando il contesto epidemiologico era diverso. Riteniamo quindi doverosa una rivalutazione di questa scelta che andrebbe posticipata in favore di una maggiore prudenza». De Rosa ha poi affermato di ritenere più che comprensibili i sentimenti di «assuefazione, scoramento e fatica della popolazione verso la pandemia. È tuttavia importante continuare a comportarsi come abbiamo imparato a fare attraverso i gesti barriera e le misure di protezione».

Presentando la panoramica del contesto epidemiologico attuale, il medico cantonale Giorgio Merlani ha evidenziato un picco intorno a Natale-Capodanno, seguito da una rapida discesa e una nuova risalita in maniera piuttosto rapida e inattesa. «A preoccuparmi un po’ nel nuovo scenario è la ripartizione dei casi per le fasce d’età. Nelle ultime settimane stanno aumentando i contagi tra le persone più anziane che sono notoriamente quelle che possono incorrere in problemi maggiori». Una notizia che appare invece positiva è che la pendenza della curva ascendente sta volgendo all’orizzontalità. «Dopo una marcata crescita, nelle ultime due settimane sembra esserci una stabilizzazione intorno ai 7’000 casi a settimana nel nostro cantone». Il grafico tuttavia non rispecchia completamente la realtà: «Riscontriamo che il tasso di positività per la prima volta nel corso della pandemia ha superato il 50%, quindi oltre un test su due risulta positivo. Questo significa che ormai solo le persone con sintomi marcati si testano e una buona parte di casi positivi circola tra la popolazione». Rispetto ai motivi della crescita riscontrata, per Merlani «si vede chiaramente che in seguito al venir meno dell’obbligo di quarantena e alla fine di molte restrizioni decretati nella prima metà di febbraio la diffusione è tornata a salire. È dunque chiara la correlazione tra gli allentamenti recenti e l’andamento del virus. A ciò va aggiunto il fatto che Omicron 2, che ora è la variante dominante in Ticino, è più contagiosa della sorella 1».

‘Testarsi anche se si è stati infettati di recente’

In merito alle due varianti, Merlani ha segnalato che sono stati registrati dei casi di persone che si sono infettate con Omicron 1 e poi hanno contratto la 2: «Questa non dovrebbe essere la regola ma può succedere. L’invito è dunque a chi riscontra dei sintomi, anche se ha già fatto il coronavirus nell’ultimo mese, di testarsi». Il medico cantonale ha poi tenuto a ribadire l’importanza di usare la mascherina mentre si fa la spesa: «È un gesto che protegge soprattutto le persone vulnerabili. Il ‘Freedom Day’ per alcuni è diventato il giorno di clausura. Per le persone vulnerabili e malate incontrare qualcuno senza mascherina chirurgica, anche se loro la portano, è rischioso. Per proteggersi devono utilizzare la Ffp2. Non chiedo dunque chiusure o limitazioni di libertà, ma di riflettere sull’uso della mascherina nei posti pubblici al chiuso». Cosa ci si deve aspettare ora? Difficile da dire, secondo Merlani: «Tutti i Paesi attorno a noi hanno avuto un picco vicino a capodanno e un secondo con Omicron 2, e ora la maggior parte sta conoscendo un assestamento. La speranza è che la bella stagione aiuti a tenere il virus sotto controllo». Con l’arrivo del prossimo autunno, ha reso noto dal canto suo Zanini, «la Confederazione ci ha sottoposto tre scenari su cui prepararci. Quello più probabile sembra essere la somministrazione di un’ulteriore dose di richiamo a un gruppo molto ristretto di persone, come gli ultraottantenni o chi soffre di particolari malattie». Intanto il Cantone ha garantito il prosieguo della campagna vaccinale anche durante l’estate.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
4 ore
Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’
Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore
Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’
Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
8 ore
Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia
Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Ticino
8 ore
Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà
Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
9 ore
Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole
Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
9 ore
Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps
A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Ticino
10 ore
Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’
Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Luganese
11 ore
Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace
Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
11 ore
Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio
I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
13 ore
Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio
Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
© Regiopress, All rights reserved