laRegione
laR
 
24.03.22 - 19:23

‘I legislativi facciano più politica e acquistino maggior peso’

Ieri sera a Locarno una sessantina di presidenti di Consigli comunali ha partecipato a uno scambio di idee ed esperienze. Della Santa (Sel): ‘Importante’

i-legislativi-facciano-piu-politica-e-acquistino-maggior-peso
Ti-Press
Voti che si contano e che si pesano

Circa tre ore di discussione, una sessantina di partecipanti e tanta voglia di condividere le proprie esperienze: dai Comuni più grandi, a quelli più piccoli. Con una volontà di fondo, emersa durante la serata di ieri al Palacinema di Locarno: che i Legislativi facciano più politica e che acquistino maggior peso. È positivo il bilancio dell’incontro tra i Presidenti dei Consigli comunali promosso da Rosanna Camponovo, prima cittadina di Locarno, Giselda Saletti, presidente del Legislativo di Ascona e Danilo Cau, presidente nel comune di Centovalli.

Pini (Presidente Gran Consiglio e municipale): ‘Importante il dialogo reciproco con gli esecutivi’

A partecipare, oltre alle già presidenti del Consiglio nazionale Chiara Simoneschi-Cortesi e Marina Carobbio è stato anche il presidente del Gran Consiglio Nicola Pini, che da quando ha assunto la testa del parlamento cantonale si è impegnato per un maggior dialogo tra tutti i livelli istituzionali. «È molto importante scambiarsi esperienze – afferma interpellato dalla ‘Regione’ per un bilancio sulla serata –, e da questo incontro è emersa la necessità di dare maggior considerazione ai legislativi. Nei vari interventi c’è chi ha detto che si è considerati un semplice organo di ratifica, altri invece hanno raccontato di un buon rapporto reciproco con gli esecutivi ma con un minimo comune denominatore: sarebbe davvero importante che i legislativi avessero più considerazione».

Come ottenerla? «Facendo più politica – risponde Pini –, nel senso che oltre a trattare crediti classici come per infrastrutture, canalizzazioni o sull’acqua una possibilità di rendere più attrattiva la carica, e più utile l’apporto dei consiglieri comunali, è dare ai legislativi un ruolo più strategico sulle posizioni, le linee generali e gli indirizzi del Comune. Con l’esecutivo che poi prova a concretizzare il tutto». Materialmente, per il presidente del Gran Consiglio, fare più politica «significa riflettere su cosa si discute oltre i conti, quali contributi si possono portare, con che tipo di discussione, con l’importante coinvolgimento della popolazione nelle decisioni strategiche».

Un ruolo che va fissato e chiarito

Con un punto fermo, però: «In tutto questo occorre chiarire il ruolo del Consiglio comunale. Nelle riflessioni, legittime, su come coinvolgere meglio la popolazione va fissato e valorizzato il ruolo del legislativo. Che si traduce – afferma ancora Pini – nell’ottenere anche maggior considerazione, e qui torniamo al tema di partenza: perché essere integrati nelle scelte strategiche e avere un ruolo ben definito vuol dire essere riconosciuti bene sia dall’esecutivo sia dalla popolazione».

Esperienza pluriennale in Consiglio comunale a Locarno e in Gran Consiglio, da circa un anno municipale sempre a Locarno e presidente del parlamento cantonale: Pini conosce entrambi i lati della staccionata. Quale sintesi si può trarre, quindi, sui rapporti tra i due poteri partendo dalla sua esperienza personale? «Parto da un’alta considerazione del legislativo, perché lo vedo davvero come un organo che può fornire spunti utili all’esecutivo, così come impulsi e ragionamenti che possono dare un valore aggiunto al proprio coinvolgimento». Ma tornando alla staccionata Pini l’ha saltata da un anno, si diceva. «E in questo periodo mi sono reso conto che il dialogo continuo crea un gran lavoro, è impegnativo, perché come esecutivo bisogna avere una visione generale che deve tenere conto di tutto per poi fare scelte ponderate». Eppure «spiegare, rispiegare, ascoltare, confrontarsi è un investimento iniziale che fa guadagnare tempo dopo, perché nel dialogo che si ha con il legislativo si crea una coesione politica utile».

Camponovo: ‘La collaborazione è fondamentale’

Anche la presidente del Consiglio comunale di Locarno Rosanna Camponovo – tra le organizzatrici dell’incontro – ha portato la propria esperienza, «che è in continua evoluzione: all’inizio ero molto preoccupata, ma poi mi sono fatta coraggio e mi sono buttata a capofitto in questa avventura». Avventura che l’ha portata a un primo punto fermo: «L’importanza della preparazione a monte di un Consiglio comunale. La collaborazione con il segretario comunale, con il tavolo presidenziale, con i capigruppo e seguire i lavori commissionali sono essenziali per creare meno discussioni inutili durante una seduta e far filare tutto liscio». Insomma, tra difficoltà di ordine procedurale come interventi troppo lunghi o richiami all’ordine di colleghi che disturbano, e momenti molto più piacevoli come il fare gli auguri, applaudire i nuovi naturalizzati e annunciare i ricorsi (soprattutto se vinti) l’esperienza portata da Camponovo è positiva: «Sono molto contenta per la condivisione con gli altri presidenti dei legislativi e per lo scambio di idee che abbiamo portato avanti».

Della Santa (Sezione enti locali): ‘Va recuperato un ruolo sulle scelte politiche di valenza strategica’

Ieri sera era presente anche il capo della Sezione degli enti locali (Dipartimento istituzioni) Marzio Della Santa il quale, da noi interpellato, afferma che «per me è stata un’occasione particolarmente interessante e importante, perché mi ha permesso di confermare alcune intuizioni, rispettivamente alcune preoccupazioni». Ma anche «di cogliere la passione e l’impegno di persone che sottraggono del tempo a famiglia o lavoro o tempo libero per la cosa pubblica».

Parla di preoccupazioni, Della Santa. Preoccupazioni, ed è stato appunto un tema emerso ieri sera, «sul bisogno che il legislativo recuperi un ruolo che per tante ragioni col tempo è andato stemperandosi, soprattutto per quanto attiene alle scelte politiche di valenza strategica e per riposizionarsi rispetto a un esecutivo che, a sua volta, deve rafforzare il suo ruolo nei confronti del legislativo e dell’Amministrazione comunale». Tanti collegamenti, tanti rapporti e tanto confronto di cui si sente bisogno. Con un’aggiunta: «Se per un presidente di un Consiglio comunale l’obiettivo è capire come comportarsi, qual è il suo ruolo – rileva ancora Della Santa – determinante è la formazione che come Sel e l’Istituto di formazione continua del Decs organizziamo ogni anno, altra occasione per condividere esperienze, utile pure per far evolvere l’istituto comunale in funzione di un contesto a sua volta in evoluzione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved