laRegione
23.03.22 - 13:47
Aggiornamento: 17:54

Telefonia mobile, in Ticino il calo dei prezzi fa meno presa

Solo il 34% degli utenti ticinesi paga meno di 40 franchi al mese a fronte del 42% della media nazionale. Più alta anche la fedeltà allo stesso operatore

Ats, a cura di Marco Narzisi
telefonia-mobile-in-ticino-il-calo-dei-prezzi-fa-meno-presa
Keystone

Nonostante i prezzi della telefonia mobile in Svizzera stiano scendendo, in Ticino ancora si approfitta meno delle offerte nel campo e si tende di più a mantenere lo stesso operatore. È quanto emerge da un sondaggio, cui hanno preso parte 1’300 persone, condotto dal portale di comparazione online Bonus.ch. "Negli ultimi anni, gli operatori di telefonia mobile hanno intensificato gli sforzi per ridurre drasticamente i prezzi di mercato e attirare nuovi clienti", si legge in un comunicato. "Gli effetti sono inevitabili: i prezzi scendono".

Quest’anno il 42% di coloro che hanno un abbonamento paga meno di 40 franchi al mese, a fronte di un’analoga quota che nel 2014 era ancora del 22%. Tuttavia, in Ticino la percentuale è del 34%, a fronte del 49% della Svizzera tedesca, mentre qualche resistenza permane anche in Romandia dove solo il 38% degli abbonati sborsa meno di 40 franchi al mese per un abbonamento di telefonia mobile.

La guerra dei prezzi sul mercato induce la popolazione svizzera a cambiare operatore più spesso per approfittare di offerte interessanti e risparmiare: nel 2022, il tasso di clienti che hanno lo stesso operatore da oltre cinque anni è sceso al minimo storico del 60%. In Ticino, invece, gli abbonati tendono a rimanere più fedeli con una percentuale del 67% nella Svizzera italiana, che sale all’86% fra i clienti di Swisscom.

La clientela meno fedele è quella più giovane: in questa fascia il 29% ha un abbonamento da meno di due anni. La ragione più spesso addotta da chi vuole cambiare è la volontà di approfittare di offerte interessanti. In aumento è anche la quota di utenti con abbonamenti rispetto a coloro che fanno uso di carte prepagate: sono rispettivamente il 91% e il 9%, contro il 76% e il 24% otto anni or sono.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarno
4 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
6 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
6 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
6 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
7 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
7 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
7 ore
Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’
I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Luganese
11 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
13 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
13 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
© Regiopress, All rights reserved