laRegione
21.03.22 - 16:33
Aggiornamento: 19:55

‘Entrate autostradali, obbligatorio l’inserimento a cerniera’

La Polizia cantonale ricorda le modifiche in vigore dal 1° gennaio. Dai controlli nei pressi dello svincolo di Lugano nord sono fioccate delle multe

entrate-autostradali-obbligatorio-l-inserimento-a-cerniera
Ti-Press
Tante, tante colonne

Dal 1° gennaio sono entrate in vigore nuove regole per una viabilità più sicura e scorrevole, che è sempre bene tenere a memoria. La Polizia cantonale, infatti, ricorda con una nota diffusa alla stampa che "in particolare per quanto riguarda il traffico motorizzato, è obbligatorio adottare l’immissione a cerniera su restringimenti di carreggiata ed entrate autostradali: gli automobilisti che viaggiano sulla corsia libera devono agevolare l’entrata dei veicoli provenienti dalla corsia chiusa allo scopo di fluidificare il traffico".

Diverse multe per chi si immette in autostrada da Manno intersecando la doppia linea di sicurezza

Proprio partendo da ciò, e con lo scopo finale di "verificare il corretto rispetto delle regole e di prevenire l’aumento delle infrazioni legate alla circolazione, coi rischi che ne conseguono per la sicurezza dell’utenza", nei giorni scorsi – scrive ancora la Polizia cantonale – sono stati effettuati da parte di agenti della Polizia cantonale "alcuni controlli mirati sull’autostrada A2, in territorio di Manno (direzione nord-sud) nei pressi dello svincolo di Lugano nord".

Questo dispositivo ha permesso di stabilire, in particolare, "che percorrendo la corsia di accelerazione proveniente da Manno, numerosi veicoli si immettevano sulla carreggiata autostradale intersecando la doppia linea di sicurezza e transitando sulla superficie vietata". Con rischi enormi. Infatti, la PolCantonale "tiene a ribadire che entrambe le manovre sono considerate vietate oltre che pericolose, e sono conseguentemente state emanate diverse contravvenzioni".

La Polizia cantonale sottolinea, da ultimo, "che in autostrada, quando si avanza a passo d’uomo oppure si è incolonnati, è obbligatorio lasciare un corridoio d’emergenza per i mezzi di primo intervento, anche se non si vedono o sentono. Il corridoio deve essere creato tra la corsia più a sinistra e quella adiacente". Dunque, viene rinnovato "l’invito ai conducenti a rispettare le norme della circolazione a tutela della propria incolumità e di quella degli altri utenti della strada".

Il progetto ‘Via libera’ va avanti

Sempre parlando di traffico automobilistico, il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi che su ‘Info Mobilità 2022’, distribuito assieme alla polizza di versamento per l’imposta di circolazione, sottolinea come "in Ticino purtroppo ci sono tratti stradali che in determinati momenti della giornata possono stoppare lo spostamento delle persone. Nelle ore di punta del mattino e del tardo pomeriggio è alto il rischio di fermarsi in colonna in autostrada da Chiasso a Lugano Nord al mattino e dal Dosso di Taverne a Chiasso la sera". Ma anche altre strade sono intasate, "come quelle del Malcantone o sul Piano di Magadino, senza parlare delle colonne al portale di Airolo o in uscita alla dogana di Chiasso".

Ma c’è stato un tentativo di "mettere dei cerotti su un’arteria sanguinante", e questo tentativo è il progetto ‘Via libera’. Perché, riprende Gobbi, "quando si verificano anche piccoli incidenti le ripercussioni sul traffico sono pesanti. Quindi, cerchiamo di intervenire più rapidamente con i soccorsi, con le pattuglie presenti sul percorso autostradale e con i mezzi per sgomberare le auto incidentate".

Accorgimenti utili

Ma a detta dell’Autorità, ogni automobilista "può dare il suo contributo affinché la sua via sia più libera". Come? Anche ricordandosi semplici accorgimenti, ribaditi pure dalla Polizia cantonale, come "adottare una guida prudente; in autostrada mantenere preferibilmente la corsia di destra; favorire l’immissione a cerniera su restringimenti di carreggiata per cantieri e alle entrate autostradali; lasciare un corridoio di emergenza quando si procede in autostrada a passo d’uomo tra la corsia più a sinistra e quella adiacente".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
45 min
‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’
Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
Locarnese
1 ora
‘Il mare mi ha detto: sei in gamba, ma oggi son troppo forte io’
Alessandro Veletta, a causa delle forti correnti, non ha concluso la traversata a delfino dello Stretto di Messina. Ma la sua resta un’impresa benefica
Mendrisiotto
1 ora
Chiasso festeggia l’autunno e i suoi sapori
La 14esima edizione della festa, abbinata alla Sagra cantonale del miele, è in programma domenica 16 ottobre
Bellinzonese
4 ore
I dipendenti di Bellinzona: ‘Meritiamo un carovita del 4-5%’
La Commissione del personale chiede al Municipio di compensare integralmente i mancati adeguamenti dal 2010 a oggi: sarebbero 5 milioni annui in più
Ticino
6 ore
Con l’autunno i contagi riprendono vigore anche in Ticino
Coronavirus, in sette giorni quasi duemila nuove infezioni (+78% rispetto alla settimana precedente). Ospedalizzazioni in sensibile aumento
Mendrisiotto
8 ore
‘Salviamo la Biblioteca islamica di Chiasso’
Punto di ritrovo e di scambio culturale, adesso rischia di chiudere. Lanciata una raccolta fondi
Ticino
11 ore
Cantonali ‘23, Gianella (Plr): ’Sarò nella lista per il governo’
La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
Bellinzonese
11 ore
Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’
La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
11 ore
Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti
Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
GALLERY
Mendrisiotto
20 ore
Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo
Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
© Regiopress, All rights reserved