laRegione
15.03.22 - 21:37

Chi non lascia il Gran Consiglio condanna l’invasione russa

Il Gran Consiglio approva una risoluzione ‘Per la pace’. Prima delle discussioni sul conflitto, i due deputati comunisti lasciano l’aula

chi-non-lascia-il-gran-consiglio-condanna-l-invasione-russa
Archivio Ti-Press

Si è discusso anche di guerra nella sessione del Gran Consiglio conclusasi oggi. Dopo un minuto di silenzio osservato per le vittime del conflitto in Ucraina, l’Ufficio presidenziale ha presentato una risoluzione ‘In favore della pace’ approvata all’unanimità dai 68 deputati presenti, con 3 astenuti. I due rappresentati del Partito comunista hanno invece lasciato l’aula prima delle discussioni sul tema.

Con la risoluzione adottata, il Gran Consiglio esprime "la più ferma condanna per l’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito della Federazione russa e deplora che nel Ventunesimo secolo, dopo avere sperimentato la sciagura di due guerre mondiali, vi siano governi per i quali la forza delle armi è ancora uno strumento per regolare i rapporti tra gli Stati". Alla versione originale del testo è stato inserito un emendamento – l’unico approvato dei cinque presentati dall’Mps – che recita: "Il Gran Consiglio esprime solidarietà a tutti coloro che, coraggiosamente, esprimono in Russia il proprio dissenso nei confronti della guerra: il loro diritto a una libera espressione è uno dei valori fondamentali che deve essere, sempre e ovunque, difeso". La risoluzione continua dichiarando che "per queste ragioni il parlamento chiede al Consiglio federale di produrre ogni sforzo possibile, in qualsiasi forma, per favorire la pace ed evitare ogni ricorso alla violenza, nel rispetto dei valori di convivenza e di neutralità che animano la nostra comunità e che devono rimanere un faro nell’azione di tutte le istituzioni in Svizzera".

Viene inoltre manifestata vicinanza e solidarietà a tutte le popolazioni colpite e chiesto a tutte le autorità competenti di fare "quanto possibile affinché chi fugge dal conflitto possa essere accolto in Svizzera in sicurezza e con una presa a carico che tenga conto della particolarità della situazione di ciascuno". In particolare per i Gran Consiglio "è importante garantire l’assistenza a chi è stato vittima di violenza, la scolarizzazione dei fanciulli e le cure sanitarie". Il legislativo cantonale chiede infine che "gli aiuti umanitari vengano coordinati in modo che possano giungere alla popolazione ucraina in maniera ordinata ed efficiente e invita la popolazione ticinese a esprimere la propria solidarietà seguendo le indicazioni delle istituzioni".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’
Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
1 ora
Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’
Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
1 ora
Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’
L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
1 ora
Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione
Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
10 ore
50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro
Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
10 ore
Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano
Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Luganese
11 ore
Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori
La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
11 ore
Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona
Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Mendrisiotto
13 ore
‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’
La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Locarnese
14 ore
‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’
Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
© Regiopress, All rights reserved